La politica rende. Eccome se rende. Prendiamo quattro deputati alla prima legislatura: due grillini (Luigi Di Maio e Roberto Fico) e due democratici (Anna Ascani e Khalid Chaouki). Prima del 2013, anno del loro ingresso a Montecitorio, denunciavano reddito zero. Adesso sono passati a 98mila euro annui.

Napoli
10:30 del 10/03/2017
Scritto da Gregorio

La politica rende. Eccome se rende. Prendiamo quattro deputati alla prima legislatura: due grillini (Luigi Di Maio e Roberto Fico) e due democratici (Anna Ascani e Khalid Chaouki). Prima del 2013, anno del loro ingresso a Montecitorio, denunciavano reddito zero. Adesso sono passati a 98mila euro annui.

È andata bene anche a Laura Boldrini, passata dal suo incarico all’Unhcr, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, alla terza carica dello Stato. Un balzo che ha prodotto i suoi effetti pure a livello economico. Perché un conto è una busta paga da 94mila euro; altro è uno stipendio da 146mila. Una salita che Boldrini condivide con il suo omologo a Palazzo Madama, Pietro Grasso. La seconda carica dello Stato ha quasi raddoppiato i suoi emolumenti, passando dai 174mila euro da magistrato, agli attuali 340mila come presidente del Senato. A fargli compagnia, il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli: la differenza tra essere parlamentare – e vicepresidente del Senato (prima) e ministro (adesso) – vale 140mila euro

L’analisi su chi ci ha guadagnato e chi ci ha perso tra alcuni dei volti politici più noti compare nel numero di Oggi in edicola questa settimana. Mauro Suttora ha analizzato le dichiarazioni dei redditi di deputati e senatori al debutto nel Palazzo prima e dopo l’ingresso in Parlamento. La performance migliore è dell’ex Scelta civica Alberto Bombassei, il patron di Brembo, società attiva nella progettazione e produzione di sistemi frenanti. Bombassei, che adesso alla Camera fa parte del gruppo Civici e Innovatori, con l’ingresso in politica ha incrementato il proprio reddito di 580mila euro. Da 846mila euro, infatti, l’ex presidente di Scelta civica è passato a più di 1,4 milioni annui.


IN ONDA: SALVINI SUI FINTI PROFUGHI SMASCHERA... di bigcocomero

Non è andata male neanche a Francesco Bonifazi, il tesoriere del Pd al quale Matteo Renzi, prima di dimettersi, ha affidato il simbolo dei democratici. Bonifazi, di professione avvocato, è passato da 67mila a 280mila euro. Deve molto all’ingresso in politica anche la dem Cecile Kyenge. Tra lo stupore di tutti, Enrico Letta affidò a lei la poltrona di ministro per l’Integrazione nel governo di larghe intese nato dopo le Politiche del 2013. Alla sua prima legislatura, Kyenge si è poi dimessa dopo essere stata eletta al Parlamento europeo. Fatto sta che l’ex ministro è passata dai 38mila euro percepiti nel 2012 ai 102miladichiarati nel 2016.

Ma non a tutti è andata bene. Yoram Gutgeld, deputato del Pd, commissario alla revisione della spesa, dirigente d’azienda, con l’ingresso a Montecitorio ha visto drasticamente ridursi la busta paga, crollata da 1,7 milioni di euro a poco più di 100mila euro. Lo stesso percorso hanno fatto il giornalista Augusto Minzolini, senatore di Forza Italia, e la campionessa di scherma Valentina Vezzali. L’ex direttore del Tg1 nel 2012 vantava una busta paga da 524mila euro, mentre lo scorso anno ha denunciato 113mila euro. Quanto alla deputata centrista, adesso con Ala-Scelta civica, cinque anni fa dichiarava 689mila euro, adesso è ferma a 145mila.

Da: QUI


Articolo letto: 446 volte
Categorie: , Denunce, Politica, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell’ex ministro Kyenge?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Verace

14/03/2017 14:13:29
Grande e gentile persona. Meglio di tante zoccolette targate PD. Se tanti italiani di nascita sapessero esprimersi come lei !
10

Paolo

10/03/2017 15:45:20
Dispiace per l'ex ministro Kyenge di non essere una cittadina italiana purtroppo ti trovi in mondo che al potere vogliono stare solo loro dispiace .
6

Adriano

10/03/2017 11:51:46
Povera signora si ostina a dichiararsi e voler essere italiana: è ormai un suo diritto, ma, mi permetta di dire che io non mi considero italiano come lei.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook