All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.

Palermo
05:00 del 22/05/2018
Scritto da Sasha

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.

Oltre alle altre foreste pluviali, l’Amazzonia è pericolosamente vicina al punto di “non ritorno” se la deforestazione supera il 20% della sua area originaria, secondo due rinomati biologi della Fondazione delle Nazioni Unite.

Il fatto che stiamo deforestando il nostro pianeta a un ritmo allarmante non è nuovo.

La deforestazione della Foresta Amazzonica

In un articolo di Phys.org, vediamo che la deforestazione dell’ Amazzonia è vicino al punto di svolta. Secondo gli esperti, la deforestazione che si sta verificando in alcune parti dell’Amazzonia sta per raggiungere un punto senza ritorno, una soglia oltre la quale la foresta pluviale tropicale potrebbe subire cambiamenti irreversibili al paesaggio.

Questo deriva da uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, co-autore di Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University negli Stati Uniti, e Carlos Nobre, presidente del National Institute of Science & Technology (INCT) del Brasile per il cambiamento climatico.

“Il sistema Amazzonia è vicino a un punto di svolta”, ha detto Lovejoy. Secondo i rapporti, la foresta pluviale amazzonica produce circa la metà delle precipitazioni dell’ intero pianeta Terra riciclando l’umidità mentre l’aria si sposta dall’Atlantico, attraverso il Sud America e verso ovest.


Queste precipitazioni e umidità sono di grande importanza in quanto alimentano il ciclo idrico terrestre in modo più ampio, il che a sua volta influenza il benessere umano, l’agricoltura, le stagioni secche e il comportamento della pioggia in molti paesi del Sud America.

Ma questo problema non è solo presente in Amazzonia.

La deforestazione in Indonesia

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una distruzione senza precedenti in misura inimmaginabile.

Per la produzione di olio di palma, un’importante società ha distrutto diversi ettari di terreni forestali, al fine di fornire forniture a Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever, tra gli altri.

Secondo i rapporti, solo in Indonesia sono stati distrutti 5.000 ettari di foresta pluviale. Per avere un’idea di quanto sia piccola, è una zona grande la metà di Parigi.

“Dopo aver distrutto la maggior parte delle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan, l’industria dell’olio di palma sta ora spingendo verso nuove aree come Papua“, dice Richard George di Greenpeace UK. In questo caso, è il “Gruppo Hayel Saeed Anam” (gruppo HSA) – una multinazionale che, secondo Greenpeace, fornisce le maggiori compagnie alimentari: Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever.

Greenpeace detiene la responsabilità di Nestlé, Unilever, Mars e Co..

“I marchi hanno parlato per oltre un decennio di voler” purificare “il loro olio di palma. Aziende come Unilever e Nestlé affermano di essere leader nel settore.

Da: Jeda


Articolo letto: 212 volte
Categorie: , Ambiente, Denunce, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook