GIUSTIZIA RECORD PER I BANCHIERI – SOPRATTUTTO SE C’E’ DI MEZZO IL MONTEPASCHI – DECISA L’ARCHIVIAZIONE PER L’AD DI MSP, VIOLA, E PER L’EX PRESIDENTE, PROFUMO – MENO DI UN MESE FA ERANO STATI INDAGATI PER FALSO IN BILANCIO PER I CASI NOMURA E DEUTSCHE BANK.

Siena
08:00 del 02/09/2016
Scritto da Luca

LA GIUSTIZIA? FUNZIONA SOLO SE DEVE ASSOLVERE AL VOLO I BANCHIERI DI MONTEPASCHI! LA PIU’ GRANDE TRUFFA DELLA STORIA NON INTERESSA AI MAGISTRATI

GIUSTIZIA RECORD PER I BANCHIERI – SOPRATTUTTO SE C’E’ DI MEZZO IL MONTEPASCHI – DECISA L’ARCHIVIAZIONE PER L’AD DI MSP, VIOLA, E PER L’EX PRESIDENTE, PROFUMO – MENO DI UN MESE FA ERANO STATI INDAGATI PER FALSO IN BILANCIO PER I CASI NOMURA E DEUTSCHE BANK.

Archiviazione lampo per due banchieri: la procura di Milano ha depositato la richiesta di archiviazione nei confronti dell’ad del Monte dei Paschi Fabrizio Viola, e dell’ex presidente Alessandro Profumo, che il 19 agosto erano stati indagati con le ipotesi di reato di falso in bilancio e manipolazione del mercato, per la presunta rappresentazione non corretta nei conti della banca dei derivati Alexandria e Santorini, nei bilanci 2011, 2012, 2013, 2014.

Lo hanno riferito fonti giudiziarie all’agenzia Reuters, aggiungendo che il provvedimento è in corso di notifica ai manager. Adesso un giudice dovrà accogliere o respingere la richiesta dei pm Giordano Baggio, Stefano Civardi e Mauro Clerici.

L’indagine a Milano sulla corretta contabilizzazione dei due veicoli ristrutturati anni prima per nascondere perdite dal bilancio Mps era in corso da oltre un anno, dopo un esposto dell’azionista Giuseppe Bivona; ma l’avviso per Viola e Profumo era giunto da un esposto fotocopia di altri piccoli azionisti locali, presentato alla procura di Siena che aveva trasmesso, a luglio, gli atti a Milano per competenza territoriale.


Sembra che la procura milanese abbia chiesto l’archiviazione, per la “estrema difficoltà” nel ravvisare il dolo, poichè il riferimento ai derivati era stato inserito nelle note integrative dei bilanci Mps degli anni in oggetto di indagine. In più, “l’attività istruttoria ha evidenziato che tutti i soggetti di vigilanza interessati erano stati portati a conoscenza della natura” di quei contratti sul fallimento della Repubblica italiana che costituivano uno dei tre pilastri dell’operazione di ristrutturazione dei due veicoli fatta nel 2009 con Nomura (Alexandria) e poco prima con Deutsche Bank (Santorini).

Oggi entrambi quei contratti sono stati chiusi con transazioni con le controparti. La mancata volontà di occultamento da parte dei nuovi manager che hanno guidato il Monte tra il 2012 e il 2015 sarebbe alla base della decisione di queste ore. Già lo scorso 19 agosto Viola e Profumo avevano ribadito la correttezza del loro operato. Per Viola, che guida la banca senese in un momento difficile ed è chiamato a condurre il terzo aumento di capitale in tre anni dopo avere polverizzato gli altri due per 8 miliardi, la rapida archiviazione è ancor più importante: il provvedimento toglierà infatti un’incognita sul marketing dell’operazione sul mercato, previsto già da ottobre, subito dopo il nuovo piano strategico.

L’aumento Mps 2016, fino a 5 miliardi di euro che servono per colmare l’ammanco derivante dalla cessione di crediti inesigibili per 9,2 miliardi netti, dovrebbe svolgersi nel mese di novembre


Articolo letto: 2009 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Economia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook