Anche se avessimo approvato la modifica costituzionale per l'abolizione delle Provincie queste sarebbero invece state trasformate ad es. in Agenzie provinciali, i presidenti in Dirigenti provinciali, assessori e consiglieri in Consulenti provinciali e tutto sarebbe rimasto come prima

Genova
10:00 del 01/03/2017
Scritto da Gerardo

Anche se avessimo approvato la modifica costituzionale per l'abolizione delle Provincie queste sarebbero invece state trasformate ad es. in Agenzie provinciali, i presidenti in Dirigenti provinciali, assessori e consiglieri in Consulenti provinciali e tutto sarebbe rimasto come prima

La prossima legislatura non potrà ignorare il problema di una riforma organica delle autonomie locali, al di fuori e al di là di quanto è stato finora fatto in materia di Città metropolitane e di riassetto delle Province.

Matteo Renzi non è riuscito nell’impresa di spazzarle via definitivamente e ora ce le terremo a lungo. Con esborsi a carico dei contribuenti sempre più alti. Solo nel 2015 ci sono costate ben 1,7 miliardi di euro in più. Stiamo parlando delle province: simbolo made in Italy dello spreco di denaro pubblico, ora sono diventate immortali. E lo sono diventate, come spiega la Corte dei conti in un documento di pochissimi giorni fa, proprio per il clamoroso flop del referendum costituzionale del 4 dicembre. Anche se pasticciata, la riforma del 2014 - quella che aveva cercato di dare una prima, goffa spallata agli enti territoriali - ora è in qualche modo rafforzata dal «no» degli elettori alla revisione della Costituzione.


Quel «no», secondo i magistrati contabili, ha di fatto reso le province immortali. L’esito del voto del 4 dicembre «ha avuto l’effetto di cristallizzare la riforma ordinamentale». Si tratta, nel dettaglio, della legge 56 approvata nel 2014, a pochi mesi dall’insediamento di Renzi a palazzo Chigi. L’ex premier affidò all’allora sottosegretario Graziano Delrio il compito di avviare la cancellazione degli enti. Il risultato fu una riforma a metà (e decisamente mal scritta) che si sarebbe dovuta completare solo con la revisione della Costituzione. Saltata quella, resta la legge 56. Che, scrive la Corte dei conti, «esprime» comunque «un nuovo assetto delle province e del livello istituzionale di area vasta che è da ritenere stabile anche in funzione del rispetto del principio di continuità delle funzioni amministrative e, in quanto tale, opera, oggettivamente, in una prospettiva duratura». Il concetto è chiaro: l’attuale architettura della macchina amministrativa italiana è stabile e duratura. Lo stesso concetto ribadito dai diretti interessati, ovvero i presidenti di provincia, in una comunicazione ufficiale al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Al quale, poco dopo la sconfitta referendaria di Renzi, è stato puntualizzato che le province sono «incardinate nella struttura costituzionale». Tanto per ancorarsi meglio nel porto del Quirinale.


Articolo letto: 303 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell’abolizione delle province?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

01/03/2017 12:09:51
Bravo Renzi hai ottenuto quello che volevi, toglierti i sassolini dalla scarpa, far cadere l'abolizione delle province. Adesso siamo rovinati. Renzi ti piace il gelato? Almeno l'hai pagato?
7

Claudio

01/03/2017 11:51:50
Piano piano verranno fuori tutti i casini che il cialtrone di Rignano e la sua schiera di incompetenti hanno creato negli anni dell'inutile governo renzi. Sembra di essere dentro un film di Chicco zalone
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook