QUANTO LO STATO GUADAGNA DAI TABACCHI - L'organizzazione mondiale della salute stima che ogni anno 6 milioni di persone muoiano per causa del tabacco, e di questi uno su dieci non è neppure un fumatore ma è solo esposto al fumo passivo.

Potenza
17:35 del 18/10/2019
Scritto da Sasha

QUANTO LO STATO GUADAGNA DAI TABACCHI - L'organizzazione mondiale della salute stima che ogni anno 6 milioni di persone muoiano per causa del tabacco, e di questi uno su dieci non è neppure un fumatore ma è solo esposto al fumo passivo. La stessa OMS stima che tra le 70mila e le 83mila di queste morti avvengono in Italia benché il nostro Paese si collochi solo al decimo posto nel Mondo per percentuale di fumatori, con un valore inferiore alla media europea.

L’OMS stima che il 21% della popolazione mondiale sia avvezza al fumo, grosso modo oltre un miliardo e cento milioni di persone, di cui 950 milioni sono uomini: nel 2017 il nostro Ministero della Salute ha calcolato in 11 milioni i fumatori in Italia, ovvero oltre un quinto della popolazione.

Quanto incassa lo Stato? Tanto. Attestato che lo Stato spende 7,5 miliardi di euro l’anno per curare patologie attribuibili al fumo, molti si domandano quanto, lo stesso Stato, incassi ogni anno dalla vendita di sigarette e affini.


QUANTO LO STATO GUADAGNA DAI TABACCHI - Conoscere questa cifra è un po’ più complicato, ma non impossibile: secondo il 15esimo Rapporto Nomisma sulla filiera del tabacco, nel 2010 l’amministrazione pubblica ha incassato circa 13 miliardi e 700 milioni di euro da sigarette e affini. Una cifra che, con l’aumento del prezzo avvenuto negli ultimi anni e, di conseguenza, con gli aumenti delle percentuali incassate dallo Stato, ha toccato i 15 miliardi di euro l’anno circa oggi, stando almeno a quanto riportato dalla giornalista Maria Giovanna Maglie su Dagospia. Togliendo a questa cifra il costo sanitario legato al fumo, lo Stato ottiene comunque un utile di ben 7,5 miliardi di euro circa l’anno. Insomma, lo Stato alla fine ci guadagna sempre. E ne esce comunque vincitore.

Stupiti? In realtà un tale segno più è facilmente intuibile facendo due conti: per ogni pacchetto di sigarette venduto, per semplicità di spiegazione supponiamo da 5 euro, il guadagno dei tabaccai è pari al 10 percento del prezzo di vendita (0,50 centesimi), al fornitore vanno 70 centesimi, mentre lo Stato incassa ben 2 euro e 90 centesimi di accisa più altri 0,90 di Iva. In totale 3,80 euro su ogni pacchetto da venti sigarette vanno in tasca a Roma. Il 76 percento del prezzo complessivo. Ora pensate a quante persone che fumano conoscete e provate a fare qualche moltiplicazione: non arriverete di certo al totale, ma le cifre che vi abbiamo riportato non vi sembreranno più così folli.


Articolo letto: 295 volte
Categorie: , Denunce, Salute, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook