Uno Stato denso di contraddizioni, in cui gli italiani guadagnano sempre di mano ma nel quale il costo della vita non accenna mai ad abbassarsi...

Cagliari
07:24 del 08/07/2014
Scritto da Albertone

Siamo il Paese del caldo e del freddo, del bianco e del nero, delle contraddizioni e delle contrapposizioni. Il Paese della Curva Nord e Sud, dei tifosi e dei gufi, dei pro e dei contro. Un'Italia che alla prima occasione si spacca in due e trasforma ogni questione in una gazzarra da stadio, dividendosi in due flotte destinate a scontrarsi a parole. Così, ogni volta che esce un dato sull'economia, c'è da mettersi le Mani fra i capelli. Alla faccia degli 80 euro di Renzi, siamo in recessione piena. E all'orizzonte si intravedono solo bagliori di ripresa. L'Italia è tra i paesi con il più alto tasso di persone in difficoltà economica, ma anche tra i più cari.

Possibile? All'apparenza, sembra come accostare qualcosa che non può funzionare se messo assieme. Due vestiti fra loro inconciliabili nei colori e nel modo di essere portati. Invece, ecco la fotografia aggiornata della nostra povera Italia. È l'immagine di un Paese in contraddizione. Purtroppo per gli altri, siamo in buona compagnia nel Vecchio continente. La forbice tra ricchi e poveri in Europa si sta allargando. I primi con redditi sempre più sostanziosi e i secondi invece in costante perdita di potere di acquisto. Affermano i ricercatori che negli ultimi anni le entrate del 10% più povero della popolazione sono diminuite o sono aumentate meno rispetto a quelle della corrispondente parte più benestante. E ancora, che i più poveri hanno avuto guadagni che si sono ridotti dell'1,6% ogni anno, Con percentuali che schizzano in alto per la Spagna, dove la disuguaglianza è cresciuta dell'8% negli anni di recessione, seguita da Grecia e Irlanda con rispettivamente il 4,5% e 5% in più. Una situazione molto più grave rispetto altri paesi dell'Europa occidentale, Italia inclusa.

Da noi il divario si è allargato, ma dell'appena 1%. Ma il nostro dramma arriva quando si parla di carovita, quando bisogna mettersi a tavolino e sommare tutte le voci relative alle spese per mandare avanti casa, famiglia, automobile, trasporti, telefono e via discorrendo. E' qui che casca il mondo nel Belpaese, soprattutto al Nord. L'Italia si colloca proprio tra i più cari, sedendo accanto ai primi paesi europei per carovita con almeno tre punti in più sopra la media (la Germania ad esempio solo due).

Tra i più inavvicinabili ci sono proprio i generi alimentari (sopra di 12 punti rispetto alla Ue), ma anche i ristoranti e gli hotel – che segnano più 10% - e l'abbigliamento, con più 7%. Fare la spesa costerebbe meno in Francia e nel Regno Unito, nonostante lì la quantità di poveri sia inferiore. In Gran Bretagna anche i vestiti sono più a buon mercato, così come cenare fuori. Senza contare i casi Spagna o Grecia, dove un italiano risparmierebbe su tutto. E, pur con uno stipendio modesto, potrebbe almeno vivere un’esistenza decorosa senza dover rischiare di perdere la dignità.


Articolo letto: 2008 volte
Categorie: Cronaca, Economia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

caro - prezzi - italia - saldi -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook