Il maltempo sta devastando la Liguria e la Toscana, dove la furia costruttrice dell'uomo non si è mai fermata. Ed allora ecco quali conseguenze deve pagare la gente comune!

Genova
11:57 del 11/11/2014
Scritto da Albertone

Piove Governo ladro! La furia costruttrice dei nostri politici senza scrupoli la sta pagando come sempre succede la povera gente. L'Italia è di nuovo sott'acqua, la Liguria implora pietà dopo che Genova un mese fa è stata salvata dagli angeli del fango. Stavolta la situazione è addirittura peggiore dalle parti di Chiavari e dintorni, dove per due dispersi pare non ci sia alcuna speranza. La Riviera di Levante è in ginocchio: devastata l'agricoltura, spazzate via le attività commerciali presenti in riva al mare o a ridosso dei fiumi.

L'Entella, poco più che un torrente per undici mesi l'anno, sta portando a valle milioni di metri cubi d'acqua. La gente ha paura, terrorizzata. Il sindaco ha invitato i suoi cittadini a mettersi al riparo salendo ai piani alti delle case, eventualmente salendo sui tavoli e sulle sedie. L'acqua ha distrutto tutto anche nell'alta Toscana, a Carrara. Anche qui è tutto allagato. Danni per milioni di euro, un territorio che pagherà per decenni una devastazione senza precedenti ma largamente Annunciata. In Liguria per anni non si è fatto altro che vedere cantieri aperti, camion e gru al lavoro per edificare l'ennesima palazzina. I costruttori si sono arricchiti a dismisura, con conti in banca che fanno impallidire notai e chirurgi. Sono ricchi, ma l'avidità di denaro non li ha fermati mai.

Qui si è costruito in riva ad argini realizzati in cemento armato o si sono poste le fondamenta su terreni franosi, sabbiosi. Persone senza scrupoli che adesso sanno già di farla franca. D'altronde basta andare a vedere com'è finita nel processo di L'Aquila: le case sono franate, ma nessuno ha pagato! Certo, il terremoto non può essere previsto, ma in quel caso non esisteva alcuna salvaguardia per i cittadini. Ma anche lì la Giustizia italiana ha fatto il proprio corso al contrario. Nel nostro Paese purtroppo funziona così. Inutile sperare che qualche Tribunale ci renda Giustizia, e per fortuna nessuno ha ancora iniziato a farsi giustizia da solo. C'è un'Italia in ginocchio, un maltempo che non accenna a dare tregua. Siamo solo a metà novembre, eppure ci sono già Regioni come la Liguria, la Toscana e l'Emilia Romagna che ne escono a pezzi da questo autunno piovoso.

Ma il meteo non centra. La responsabilità è solo dell'uomo, di quei politici e di quei dirigenti degli uffici tecnici che non hanno dato retta alla coscienza pur di intascarsi l'ennesima mazzetta e firmare la concessione edilizia. Queste sono le persone che devono pagare. A Leivi, sulle alture di Chiavari, risultano al momento due dispersi. In via Monte Gazzo una enorme massa di sassi e fango ha completamente travolto una villetta dentro la quale si trovavano una coppia di anziani coniugi. I due risultano ancora dispersi. Andiamo a vedere chi ha firmato l'autorizzazione per la costruzione di quella casa, e se era giusto farlo! Se non paga nessuno, si uccidono queste persone due volte! Non può finire sempre tutto come nel caso di L’Aquila!


Articolo letto: 2781 volte
Categorie: Cronaca, Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook