L’economista francese Jacques Attali in una breve intervista al Messaggero espone il suo punto di vista sul referendum, su Matteo Renzi e sulla forza dei nuovi partiti popolari, in particolare il Movimento 5 Stelle.

Milano
08:30 del 04/12/2016
Scritto da Alberto

Se gli italiani fossero un popolo manderebbero all'inferno costui e tutti i tipi come lui e avrebbero il coraggio, la volontà e la dignità di rinascere come popolo e come nazione. Ma L'italiano è una persona ormai senza dignità, pronto a baciare il culo al potente di turno. Oggi abbiamo la possibilità di smetnire questo e di fare una svolta storica, se la perderemo sarà la fine della nostra nazione come nazione democratica, diverremo i servi e gli schiavi d'Europa, siamo sicuri che vogliamo questo ? Ah serva italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello.....

ITALIA FUORI DALL’EURO!”: LA BOMBA DELL’ECONOMISTA FRANCESE, ECCO LA DATA CHE POTREBBE LIBERARE DEFINITIVAMENTE GLI ITALIANI

L’economista francese Jacques Attali in una breve intervista al Messaggero espone il suo punto di vista sul referendum, su Matteo Renzi e sulla forza dei nuovi partiti popolari, in particolare il Movimento 5 Stelle. Attali, da sempre molto impegnato in politica (collaboratore di Sarkozy e scopritore di un Hollande appena diplomato), ha appena scritto un libro, Finalmente dopodomani, dove immagina di essere nel 2030 ed espone tutti i dubbi e i timori legati ai profondi cambiamenti della politica attuale.


Attali parla della riforma italiana, e ci tiene a distinguere la riforma costituzionale con la riforma elettorale, una riforma, quest’ultima, che secondo lui è estremamente necessaria: se vincesse il Sì, aggiunge, il combinato tra nuova Costituzione e Italicum così com’è oggi darebbe troppo potere a un singolo partito. E le conseguenze di un’ipotetica vittoria del No? “Le elezioni anticipate saranno inevitabili, il Movimento avrà buone possibilità di vincerle, e tutto ciò potrebbe portare a un periodo di grande instabilità, persino all’Italia fuori dall’euro. Un disastro”. Attali, da par suo, ammette di sperare nella vittoria del Sì.

“Renzi – ha proseguito parlando sempre del referendum – ha aggravato la situazione personalizzando troppo la consultazione. E’ lo stesso errore che ha fatto Cameron con il referendum sulla Brexit. So che non aveva scelta, ma riformare attraverso referendum non è mai una buona idea”. Secondo Attali, insomma, il referendum non è uno strumento adatto, perché gli elettori tendono a rispondere a chi pone il quesito, in questo caso Renzi, e non al quesito stesso.

L’economista passa poi a parlare dei 5 stelle, “da inserire in un più generale movimento in Europa, caratterizzato dalla volontà di sbarazzarsi delle élite attuale e di rovesciare il tavolo”. I grillini sono accomunabili a formazioni come Podemos in Spagna, o anche il Front National in Francia. Bisogna stare all’erta però, e Attali lancia la provocazione: “Mussolini fu il primo ad abbozzare le linee della socialdemocrazia, prima di Roosvelt…”.


Articolo letto: 1529 volte
Categorie: , Denunce, Economia


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell'Europa Unita?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Wilma

04/12/2016 09:09:00
Insieme a napolitano,renzi ed il suo giglio marcio sono per me i politici piu' invisi e detestabili;ma di fronte ad una alternativa da incubo profondo come quella rappresentata da grillo ed i suoi famuli,non esiterei a votarli,i predoni toscani.Perche' non c'e' limite,secondo me, al peggio rappresentato dagli insettucoli e dalle loro stramaledette tastiere del computer.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook