Italia, comincia anche per noi la guerra contro la Libia. Ecco dove questo vergognoso governo ci ha portati.

Vercelli
14:20 del 24/02/2015
Scritto da Gerardo

Da alcune settimane le analisi di geoPolitica vertono sul pericolo Isis, per quanto i commentatori più attenti ricordino come essa sia una creatura originata dagli Americani stessi, e per quanto gli analisti più indipendenti ammoniscano sull’esito disastroso di tutte le precedenti così dette “missioni di pace” organizzate dagli Usa in Iraq, Afghanistan e Libia.Ma la guerra all’Isis continua a essere preparata, in primo luogo sul fronte dell’ informazione, che monta notizie e proclami, al servizio dei trafficanti di armi e degli interessi strategici degli Usa.

Probabilmente le “sparate” , fortunatamente verbali, nei giorni scorsi dei nostri ministri della difesa Roberta Pinotti e degli esteri Paolo Gentiloni vanni inquadrate in questa strategia di comunicazione ben precisa, se non altro a livello esplorativo, tanto per sondare le reazioni dell’ opinione pubblica, rimasta a dire il vero in generale del tutto indifferente. Nella mattinata di oggi, i telegiornali avevano diffuso immagini e dati sulla portaerei francese Charles De Gaulle entrata nel Golfo Persico con una propria flotta di appoggio: segnale chiarissimo di imminenti operazioni militari.

Arriva invece adesso, nel pomeriggio, da Lecce, una notizia shock. La guerra contro l’ Isis, la guerra contro la Libia, è già cominciata e gli Italiani sono in prima fila.Se confermate, queste voci sono per tanti versi esplosive, è proprio il caso di dirlo.Lo riferisce Giovanni D’ Agata, presidente dell’ associazione “Sportello dei diritti”, in un comunicato che così recita: “Alcune reclute preoccupate ci hanno riferito che sarebbe già in partenza un contingente di 500 militari, una portaerei (nella foto, la “Garibaldi”, n.d.r. )  e due navi appoggio pronte per la Libia. Ciò all’insaputa non solo dell’opinione pubblica ma anche del Parlamento.

L’ associazione è da sempre impegnata contro la guerra ed in difesa della Pace e si associa alla preoccupazione di chi sarebbe spedito in una fantomatica operazione di addestramento in una terra dove si combatte, tanto più che questa azione sarebbe svolta senza il coinvolgimento ufficiale delle istituzioni repubblicane deputate a decidere in scelte come questa.Pur mantenendo la necessaria prudenza quando si tratta di fonti non ufficiali, è doveroso conoscere la verità e quali siano le intenzioni del nostro governo in merito a questa ennesima “crisi” sull’altra sponda del Mediterraneo”.


Articolo letto: 1519 volte
Categorie: Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della guerra in Libia?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Antonio

24/02/2015 15:34:50
Lo ripeto per la decima volta, l'ISIS non ha i mezzi per attaccare l'Italia, quindi non lo farà. Il pericolo è quello di ricevere attentati e l'infiltrazione di loro combattenti tra i migranti. Quindi è necessario iniziare subito i respingimenti.
4

Gerardo

24/02/2015 15:05:19
Che "se l'America dichiara guerra alla Russia ci sarà la terza guerra mondiale... " non ci piove, ma mi pare che tra questa verità lapalissiana e buttarsi a terra ne passa. Non c'è nulla di strano che i filorussi chiedono di aderire a Santa Madre Russia, altrimenti che filorussi sarebbero?
4

Ricerche correlate

Guerra - guerra Libia - Isis - Politica -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook