Giovedì 19 luglio, il parlamento israeliano ha approvato la legge dello Stato nazionale ebraico per dichiarare Israele “la casa nazionale del popolo ebraico”

Roma
09:00 del 21/07/2018
Scritto da Gregorio

Giovedì 19 luglio, il parlamento israeliano ha approvato la legge dello Stato nazionale ebraico per dichiarare Israele “la casa nazionale del popolo ebraico”. Il disegno di legge ha anche declassato l’arabo da una lingua ufficiale a una semplicemente con uno “stato speciale” “.
Se questa mossa non dimostra che Israele sta imponendo un regime di apartheid di discriminazione razziale sul popolo palestinese, non sappiamo cos’altro potrebbe farlo. Anche molto prima del voto, Israele aveva stabilito un regime di apartheid che dominava e perseguitava il popolo palestinese nel suo insieme. L’unica differenza ora è che Tel Aviv l’ha resa pubblica e ufficiale.

Sulla base di numerosi rapporti delle Nazioni Unite, oltre a un’indagine accademica e prove schiaccianti da parte di gruppi per i diritti umani e agenzie internazionali Israele è stato  ed è tuttora colpevole del crimine dell’apartheid. Numerose relazioni dell’ONU suggeriscono che la frammentazione strategica del popolo palestinese è il metodo principale attraverso il quale Israele impone l’apartheid, con i palestinesi divisi in gruppi oppressi attraverso leggi, politiche, pratiche e religione distinte.

Questo apartheid visibile, più l’occupazione militare israeliana del territorio palestinese è contraria al diritto internazionale. L’occupazione belligerante in sé non è una situazione illegale; è accettato come una possibile conseguenza del conflitto armato. Ma questa è una regola applicata nel caso dei paesi, non di un regime che si è creato attraverso l’invasione e l’occupazione. Non c’era Israele 70 anni fa; alcuni uomini armati hanno fatto irruzione in una nazione chiamata Palestina e hanno colonizzato e occupato la loro terra, così  l’hanno ribattezzata Israele (cercando di cancellare anche lae tracce della presenza palestinese).

Inoltre, anche nel caso dei paesi occupanti, secondo la legge del conflitto armato, l’occupazione è destinata a essere solo uno stato temporaneo di cose. Il problema è che l’occupazione illegale di Israele si è persino trasformata in un prolungato affare illegale che viola i diritti del popolo palestinese.


La questione del razzismo israeliano non è nuova. Il 10 novembre 1975, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò una risoluzione in cui dichiarava che “il sionismo è una forma di razzismo e discriminazione razziale” (Risoluzione 3379). Anche il carattere razzista di Israele è stato confermato come simile a quello sofferto in Sud Africa (Durban Conference 2001). Più recentemente, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha concluso che “Israele sottopone il popolo palestinese a un regime di dominio istituzionalizzato che corrisponde all’apartheid come definito dal diritto internazionale”.

Ci sono opzioni aperte alla comunità internazionale e alle organizzazioni internazionali per affrontare il comportamento criminale di Israele. Ma i governi scelgono di rimanere volentieri spettatori dell’oppressione del popolo della Palestina. Non c’è motivo di pensare che questa volta sarà altrimenti.

L’immagine è chiara però. Anche Israele mente e uccide per sopravvivere. I manifestanti palestinesi uccisi due mesi fa durante la Grande Marcia di Ritorno dall’esercito israeliano non erano armati. In Israele, i media continuano a trasmettere disinformazione, usando video modificati. Ma è chiaro che non c’è stato un fuoco incrociato durante le proteste pacifiche, non ci sono scontri armati ma soltanto il fuoco israeliano su gente disarmata.

Eppure, gran parte del pubblico israeliano non solo giustifica ciò che i soldati hanno fatto, ma sostiene che l’esercito avrebbe dovuto bombardare tutti quei manifestanti lungo il confine di Gaza. I soldati israeliani sono armati fino ai denti, mentre i manifestanti palestinesi sono a mani vuote. I soldati armati sono gli invasori, non le vittime.

La verità è che i manifestanti non hanno pianificato né eseguito alcun attacco. Sono stati brutalmente attaccati dall’esercito israeliano. Molti sono stati uccisi e feriti solo perché volevano tornare alle loro case dove erano stati forzatamente spostati durante i precedenti conflitti. Inoltre, gli abitanti assediati di Gaza hanno gravemente bisogno di aiuti internazionali, dal momento che la quota di beni a cui è permesso  di entrare dal blocco di Israele (che, insieme all’Egitto esercita il controllo totale sui confini di Gaza) è molto limitata e addirittura interrotta.

Presi insieme, l’ultima mossa al parlamento israeliano serve come ulteriore prova che Israele è un regime basato sulla segregazione razziale. Finché questo continua, Israele giustifica sempre l’uccisione di altri. Israele giustifica anche l’uccisione di coloro che scenderanno nelle strade nei prossimi giorni e settimane per protestare contro questa nuova legge razzista e discriminatoria, quindi anche eventuali morti future sono scusabili !!!

In realtà, non c’è democrazia in Israele, non solo per gli arabi, ma anche per gli ebrei che provengono da origini occidentali o orientali; Gli ashkenaziti sono i primi e gli ebrei sefarditi sono cittadini di seconda classe. I pochi membri arabi del Parlamento sono lì per fare una derisione della democrazia e dei diritti di cittadinanza in quanto non sono nemmeno visti come cittadini di terza classe e la nuova legge dello Stato nazionale israeliano è lì per dichiarare esattamente la stessa cosa. Per sopravvivere come stato ebraico, Israele deve essere uno stato totalitario nel suo nucleo. Questo è un regime che combina le peggiori caratteristiche del sistema di caste indiano, il modello di apartheid in Sud Africa e l’occupazione francese dell’Algeria. Il massimo della vergogna.

Da: QUI


Articolo letto: 176 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook