L'IPOCRISIA DI STATO E' EVIDENTE NEL MOMENTO IN CUI CI SONO INTERESSI CHE SI SCONTRANO: UN ENTE STATALE PRODUCE E SPECULA SU QUALCOSA CHE DANNEGGIA LA SALUTE.

Perugia
10:08 del 12/04/2017
Scritto da Luca

L'IPOCRISIA DI STATO E' EVIDENTE NEL MOMENTO IN CUI CI SONO INTERESSI CHE SI SCONTRANO: UN ENTE STATALE PRODUCE E SPECULA SU QUALCOSA CHE DANNEGGIA LA SALUTE.
La priorita' di avere nelle casse dell'erario il denaro contante regalato dai fumatori ha trasformato il nostro Stato in una sorta di protettore di questi ultimi, che godono della liberta' di fumare praticamente ovunque, anche laddove sarebbe vietato per legge, viste le multe irrisorie attualmente in vigore (dalle quattro alle diecimila lire) e soprattutto vista la limitata attivita' sanzionatoria verso i trasgressori. Liberi di intossicare chi, invece, non e' libero di respirare aria senza catrame. Singolare che l'Europa non sia in linea con le autorita' sanitarie americane che considerano ufficialmente cancerogeno anche il fumo passivo.
La riforma Veronesi, l'attuale Ministro della Sanita', tenderebbe proprio a tutelare la salute dei non fumatori. Va detto che esiste gia' una direttiva del 1996 voluta dal ministro Guzzanti, che prevede il divieto di fumo anche nei bar e ristoranti e negli uffici pubblici e privati. Senza sprecare tanto fiato e martirizzare i fumatori che entrano facilmente nel ruolo dei perseguitati, sarebbe bastato applicare la direttiva Guzzanti. Se l'obiettivo fosse stato davvero quello di salvaguardare la salute dei non fumatori, ovviamente.


Anche se quantitativamente non sarà la stangata di maggiore importo, la manovrina si caratterizzerà per un intento moralizzatore: saranno infatti colpiti i vizi degli italiani. Da un lato vi sarà una revisione dell'accisa sui tabacchi, per circa 150-200 milioni. Dall'altro, sui giochi, si profila una nuova mazzata (almeno 500 milioni), tra tassa sulla fortuna, ossia l'aliquota applicata alle vincite alle lotterie superiori ai 500 euro (attualmente al 6%) ed aumenterà il «Preu», ovvero il prelievo erariale unico sulle slot machine. Dall'anticipo della gara del «gratta e vinci», il cui valore si aggira attorno ai 400 milioni, si attendono altre entrate.

Dietro il tabacco si cela uno dei piu' evidenti conflitti di interesse nello Stato italiano che guadagna dalle imposte sul tabacco il 74 per cento del costo del pacchetto. Inoltre lo Stato italiano incassa anche la percentuale destinata al produttore (16 per cento) nel caso in cui la sigaretta venduta e' quella prodotta dal Monopolio di Stato.
Grazie alle tasse delle sigarette nel 1999 sono entrati nelle casse dell'erario 17 mila miliardi.
Il Monopolio di Stato da pochi mesi si e' trasformato in Ente Tabacchi Italiani (ETI), sempre statale ma che ha avviato alla privatizzazione la struttura della manifattura di Stato.
A proposito di sprechi: per rendere competitiva la struttura aziendale l'ETI ha dovuto fare numerose potature al personale chiudendo alcune manifatture. Come dichiarato dagli stessi dirigenti dell'ETI in Italia 14 stabilimenti producevano tanto quanto viene prodotto in un solo stabilimento della Philip Morris in Olanda. Ora gli stabilimenti sono quasi dimezzati e gli addetti in esubero spostati altrove. Spesso si sente dire da parte degli operatori del settore che il tabacco crea lavoro


Articolo letto: 349 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Economia, Editoria, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi degli ultimi governi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

12/04/2017 18:20:08
Tanto chi ci rimette la salute siamo noi italiani che non c'è ne rendiamo conto che il governo su di noi ci guadagna. Tanto sia sulla vendita delle sigarette e sulla nostra salute .L'oro si arricchiscono
7

Giovanni

12/04/2017 10:25:19
Significa che il popolo italiota ha ancora tanti, troppi soldi da spendere in pinzillàcchere, tempo di rialzare le accise e spremere un pochino in più i portafogli del popolo!
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook