Insegnanti italiani sempre più poveri, sono tra quelli con lo stipendio più basso in Europa. 

Milano
05:30 del 13/09/2018
Scritto da Gregorio

Insegnanti italiani sempre più poveri, sono tra quelli con lo stipendio più basso in Europa. Peggio dell’Italia fa soltanto la Grecia. Da anni ormai l’Italia è tra i Paesi d’Europa in cui gli insegnanti vengono pagati di meno. Ma il guaio è che la situazione non accenna a migliorare. È questa la fotografia scattata dall’ultima ricerca dell’Ocse.

Dal rapporto Ocse emerge, infatti, che le retribuzioni degli insegnanti sono diminuite del 7% dal 2004 al 2015, diversamente che negli altri Paesi europei. In Germania, ad esempio, gli stipendi sono cresciuti del 10%, mentre in Irlanda la crescita è stata addirittura del 13%.


L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico evidenzia, inoltre, che i salari hanno un impatto diretto su preparazione e motivazione dei docenti, persa quest’ultima da molti insegnanti del nostro Paese.

Ma c’è anche un altro dato davvero preoccupante rilevato dell’Ocse. Soltanto in Francia e in Grecia (-30%), gli insegnanti hanno condiviso il destino dei colleghi italiani, registrando un calo delle retribuzioni pari al 5% per i francesi e al 30% per i greci.

È scandaloso che professionisti formati da anni di studio siano umiliati da politiche che non ne riconoscono il valore.

Da: QUI

 


Articolo letto: 313 volte
Categorie: , Economia, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook