SEMPRE PIU' INFEZIONI SESSUALI NEL MONDO - Clamidia, gonorrea, tricomoniasi, sifilide.

Bari
07:20 del 30/10/2019
Scritto da Samuele

SEMPRE PIU' INFEZIONI SESSUALI NEL MONDO - Clamidia, gonorrea, tricomoniasi, sifilide. Sono tutte malattie sessuali, infezioni gravi e a volte anche fatali che ormai sono tornate prepotentemente: più di un milione di casi ogni giorno. Un vero allarme soprattutto per i ragazzi che sempre più spesso non fanno sesso protetto. Infatti fascia d’età più colpita parte proprio dai 15 anni e arriva a 49. Il dato è stato da un rapporto dell’Organizzazione mondiale della Sanità. In particolare, ogni anno si verificano oltre 376 milioni di nuovi casi. La ricerca dell’Ommostra, appunto, che tra gli uomini e le donne tra i 15 e i 49 anni, nel 2016 si sono registrati 127 milioni di infezioni di clamidia, 87 milioni di gonorrea, 6,3 milioni di sifilide e 156 milioni di tricomoniasi. E si deve considerare che il Rapporto non prende in considerazione le infezioni virali come l’Hiv e il papilloma virus, altre malattie che dilagano negli ultimi tempi.

SEMPRE PIU' INFEZIONI SESSUALI NEL MONDO - Dopo gli ultimi dati pubblicati nel 2012, non c’è stata alcuna diminuzione sostanziale né delle percentuali di nuove infezioni né di quelle esistenti. In media, circa 1 persona su 25 in tutto il mondo ha almeno una di queste infezioni sessualmente trasmissibili, con alcune infezioni multiple allo stesso tempo. Il che significa un quadro clinico grave. Perché se non curate bene, possono condurre a seri effetti cronici sulla salute incluse malattie neurologiche e cardiovascolari, infertilità, gravidanza ectopica, mortalità perinatale e aumento del rischio di HIV. Solo la sifilide, per esempio, ha provocato circa 200mila casi di natimortalità e morti perinatali nel 2016, rendendola una delle principali cause di perdita del bambino a livello globale.


SEMPRE PIU' INFEZIONI SESSUALI NEL MONDO - Queste infezioni hanno un profondo impatto sulla salute degli adulti e dei bambini. Se non curate, possono condurre a seri effetti cronici sulla salute incluse malattie neurologiche e cardiovascolari, infertilità, gravidanza ectopica, mortalità perinatale e aumento del rischio di HIV. Solo la sifilide, per esempio, ha provocato circa 200.000 casi di natimortalità e morti perinatali nel 2016, rendendola una delle principali cause di perdita del bambino a livello globale. “Queste infezioni sessualmente trasmesse sono curabili con gli antibiotici ma poiché spesso sono asintomatiche, i pazienti non si accorgono di essere a rischio o di aver contratto l’infezione. Questo significa che non si sottopongono ai test e quindi aumenta il rischio di contagiare il proprio partner sessuale”, spiega Melanie Taylor, autrice dello studio dell’Oms ed esperta di IST.
Come si trasmettono

Le IST si diffondono prevalentemente attraverso il contatto sessuale non protetto. “Queste infezioni - spiega Barbara Suligoi, medico direttore del centro operativo Aids dell’Istituto Superiore di Sanità - si trasmettono attraverso qualsiasi tipo di rapporto sessuale (vaginale, anale, orale), tramite lo sperma, la secrezione pre-spermatica, le secrezioni vaginali, la saliva, o con il contatto diretto della pelle nella zona genitale, delle mucose genitali, anali e della bocca”. Inoltre, si possono trasmettere attraverso il sangue (ad esempio, contatto con ferite aperte e sanguinanti, scambio di siringhe, tatuaggi, piercing) e, infine, con il passaggio dalla madre al nascituro durante la gravidanza, il parto o l’allattamento. “Queste infezioni sono ovunque e sono più diffuse di quanto si creda ma c’è poca attenzione ed è ancora molto forte la stigmatizzazione. Le Ist dovrebbero essere considerate allo stesso modo di tutte le altre infezioni”, spiega Teodora Wi, medico esperto di Ist dell’Oms. “Servono campagne di sensibilizzazione per incoraggiare i cittadini a sottoporsi agli screening, per diffondere le informazioni sui rischi di queste infezioni e sulle regole della prevenzione attraverso i media ma anche a scuola e all’interno delle famiglie”.


Articolo letto: 1542 volte
Categorie: , Salute, Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook