IL PROVERBIALE fascino dell'uomo intellettuale sembra contare poco quando una donna cerca un partner online.

Venezia
15:00 del 02/02/2017
Scritto da Samuele

IL PROVERBIALE fascino dell'uomo intellettuale sembra contare poco quando una donna cerca un partner online. Specialmente per le signore dopo gli anta. Almeno è quanto sostiene un’équipe di scienziati della Queensland University of Technology australiana, che in uno studio pubblicato sulle pagine della rivista Personality and Individual Differences ha analizzato, per l’appunto, oltre 200mila interazioni online di circa 40mila utenti del sito RSVP, un portale molto utilizzato in Australia per la ricerca dell'anima gemella.

L'effetto del web. Le nuove tecnologie, secondo la ricerca, hanno cambiato le dinamiche dell’attrazione e del corteggiamento: tutta colpa – o merito, a seconda dei punti di vista – della maggiore disponibilità di potenziali partner da avvicinare on line. In particolare, queste dinamiche variano con l’età: mentre da giovani si tende a scegliere partner in tutto e per tutto simili a sé stessi (soprattutto in termini di estrazione sociale, livello di istruzione e status economico), con il passare degli anni le maglie della selezione si allentano, specialmente per le donne, che sembrano più disponibili a optare per partner con un livello di istruzione inferiore al proprio.

Facciamo un passo indietro. Tornando per un attimo al corteggiamento 1.0, in epoca anteriore all’avvento degli strumenti per il dating online. "Tradizionalmente, alla base della scelta del partner - spiega Stephen Whyte, uno degli autori del lavoro, - sta il cosiddetto fenomeno dell’accoppiamento selettivo positivo, o omogamia, ovvero la ricerca di un compagno o una compagna affine per età, estetica, personalità, cultura, educazione, religione ed etnia". Ma, come ha messo in evidenza lo studio, ora le cose sono cambiate: "Internet  - dice ancora Whyte - ha modificato significativamente le dinamiche di selezione del partner. Il dating online permette di approcciare più partner nello stesso momento, il che aumenta esponenzialmente il paniere di potenziali compagni e le opportunità di selezione di persone con caratteristiche anche molto diverse dalle proprie". Tra tutte le caratteristiche, gli scienziati si sono concentrati sul livello di istruzione, "tradizionalmente considerato, nella scelta del partner, un buon indicatore della capacità di assicurare sostentamento economico a una potenziale famiglia"

Differenze tra donne e uomini. L'analisi delle interazioni degli utenti ha evidenziato, per l’appunto, profonde differenze nella scelta del partner da parte di uomini e donne a seconda della loro età: "I gruppi di persone con livelli di istruzione più alti, con l’avanzare dell’età - dice Whyte - tendono sempre più a trascurare il livello di istruzione del partner. Le donne over 35, in particolare, hanno maggiore probabilità di contattare potenziali partner con livelli di istruzione minori dei loro. Un trend che si osserva anche, ma con evidenze statisticamente più deboli, per gli uomini”.

Donne disilluse. Ma qual è il meccanismo che sta alla base di tale fenomeno? Ad aiutarci a far luce sulla questione è Paola Biondi, psicologa, psicoterapeuta e consigliera segretaria dell’Ordine degli Psicologi del Lazio: “Le cause possono essere molteplici - ci spiega. - E riguardano sia la sfera affettiva che quella sessuale. I bisogni affettivi, per esempio, evolvono e cambiano drammaticamente con l’età: crescendo e accumulando esperienze sentimentali, le donne generalmente tendono a diventare più disilluse.

Non più il 'principe azzurro'. Se a 25 anni sono alla ricerca del partner perfetto – il proverbiale ‘principe azzurro’ –, che possa assicurare loro stabilità familiare e sostentamento della prole, a 40 questo desiderio viene meno e lascia spazio a un maggiore bisogno di affidabilità affettiva da parte del partner". Ovvero, in altre parole, le donne mature tenderebbero a scegliere il partner non tanto per le sue caratteristiche intellettuali o per il suo status economico, quanto per la sua disponibilità a essere uno stabile punto di riferimento affettivo.
Il sesso. Anche l’aspetto sessuale, naturalmente, gioca un ruolo importante: "Bisogna anzitutto considerare - dice ancora Biondi. “il fatto che uomini e donne hanno tempi sessuali molto diversi, con picchi di attività, rispettivamente, intorno a 18 e 40 anni di età. La sessualità, inoltre, evolve nel tempo: nelle donne over 35 si osserva spesso un risveglio dell’attività sessuale, una sorta di ‘seconda giovinezza’ che le porta a preferire partner più prestanti fisicamente, indipendentemente dal loro status.

L'effetto menopausa. La tendenza si accentua ulteriormente dopo la menopausa, quando l’impossibilità di rimanere incinte rende le donne sessualmente più rilassate, mature e disinibite. Gli strumenti di dating online non hanno fatto altro che catalizzare tutti questi fenomeni, aumentando il paniere dei potenziali partner, la velocità di corteggiamento e la ‘liquidità’ dei rapporti".

Da: QUI


Articolo letto: 302 volte
Categorie: , Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Sesso - amore - passione - eros - trasgressione - hot - guida - guida sessuale - donne - ragazze -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook