In Italia libera informazione? Ecco una vergogna mediatica | L’analisi di Italiano Sveglia

Isernia
10:14 del 16/01/2015
Scritto da Gerardo

Nelle giornate di ieri e l’altro ieri abbiamo assistito ad una vergogna tutta all’italiana. I quotidiani italiani, infatti, negli ultimi giorni hanno cercato di boicottare la pubblicazione di Charlie Hebdo in Italia, in allegato al quotidiano Il Fatto Quotidiano. Ecco spiegato il perché.

Le copie sono andate esaurite in pochissime ore, in Francia sono state venduti 3 milioni di giornali in questione, e  anche in Italia la stampa è stata costretta a ripetere il giorno successivo la vendita del giornale francese. Ebbene, sui maggiori quotidiani italiani, quali La Repubblica, Il Giornale, Il Corriere della Sera, non vi è alcuna menzione di questo fatto.

Il giornalismo è diventato un puro fine mediatico e commerciale. Ci sono stati tantissimi tentativi maldestri della nostra stampa di appropriarsi di parte del nuovo numero del periodico o di occultare l’impatto mediatico. E’ chiaro che se ne avrebbero parlato avrebbero avvantaggiato un diretto concorrente, ma almeno siano espliciti nel dirlo, senza ricorrere a mezzi eufemismi.


Articolo letto: 888 volte
Categorie: Cronaca, Editoria


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Giornalismo - news Isernia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook