ITALIA, CARO DIESEL - In Italia si paga il diesel più caro d’Europa.

Cagliari
09:12 del 14/08/2019
Scritto da Luca

ITALIA, CARO DIESEL - In Italia si paga il diesel più caro d’Europa. Lo dice una ricerca del centro studi di Impresalavoro, che ha confrontato il prezzo medio dei carburanti (tasse incluse) nei 28 Stati membri dell’Unione europea.

In Italia il gasolio costa in media 1,487 euro al litro: il valore più alto d’Europa, alla pari con quello della Svezia. La media Ue è di 1,329 euro, mentre il Paese meno caro è la Bulgaria, con 1,112. In Gran Bretagna si paga 1,469, in Francia 1,430 e in Germania 1,242.

ITALIA, CARO DIESEL - Il diesel acquistato in Italia risulta, dunque, il più caro in assoluto tra i Paesi dell'Ue. Il costo al litro, pari a 1,487 euro, supera di molto la media europea (pari a 1,329 euro), la Germania (1,242 euro) e la Spagna (1,213 euro). E' l'incidenza delle tasse sul prezzo finale ad essere molto alta: il 59,6% del prezzo finale, infatti, è costituito da tasse, contro una media europea pari al 54,9%. Peggio di noi fa solo il Regno Unito, con un valore pari al 60,5%.



ITALIA, CARO DIESEL -Quanto costa un pieno di benzina in Italia - Con 1,599 euro al litro, il costo della nostra benzina è dell'11,1% più alto di quello della media europea: il pieno in Italia costa il 4,5% in più rispetto alla Francia, l'11,4% in più rispetto alla Germania e addirittura il 26,3% in più rispetto all'Austria. Peggio di noi in Europa fanno soltanto Paesi Bassi, Grecia e Danimarca con un costo al litro rispettivamente di 1,681, 1,629 e 1,620 euro.
Tasse e accise - Il prezzo pagato dai consumatori finali risente fortemente della componente relativa a tasse e accise. Nel nostro Paese, infatti, il prelievo statale rappresenta il 63,5% del prezzo finale contro il 60,2% della media europea, il 61,8% della Francia, il 61,6% della Germania e il 52,9% della Spagna.
Rischio aumento per Iva e accise da gennaio - "Questi numeri preoccupano soprattutto perché non sono state ancora individuate le risorse per disinnescare le clausole di salvaguardia", ha commentato Massimo Blasoni, presidente del centro studi ImpresaLavoro. In assenza di coperture alternative, infatti, le clausole scatterebbero dal primo gennaio 2020 facendo aumentare l'Iva (dal 22 al 25,2% quella ordinaria e dal 10% al 13% quella agevolata) e le accise sui carburanti "per un valore pari a 400 milioni di euro l'anno". "Al momento il 63,5% del prezzo finale della benzina è costituito da tasse e non dimentichiamo che l'Iva si applica anche sulle accise", ha concluso.


Articolo letto: 148 volte
Categorie: , Denunce, Economia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook