Immigrazione, l’ombra di una NUOVA TASSA per finanziare chi ospita i profughi. L'emergenza immigrazione, come ogni estate, infiamma il dibattito politico

Bologna
11:30 del 16/06/2015
Scritto da Gerardo

L'emergenza Immigrazione, come ogni estate, infiamma il dibattito politico. L'ultima "trovata" è del premier, Matteo Renzi, che in buona sostanza paga pur di riempirci di Immigrati. Il governo, in estrema sintesi,promette incentivi ai Comuni che ospiteranno i profughi. Una proposta che ha scatenato la durissima reazione della Lega Nord, che Annuncia il blocco delle prefetture. Una proposta, che come appare con tutta evidenza, comporta dei costi per lo Stato. E dove li prende, Renzi, questi soldi? Facile: dalle nostre tasche. Magari con una nuova tassa. Vi proponiamo la parte dell'articolo di Sandro Iacometti, pubblicato suLibero di martedì 9 giugno, in cui si parla nel dettaglio della (minacciosa) proposta del governo Renzi.

(...) Ma il piatto forte della polemica renziana è la compravendita dell’accoglienza. Di fronte alle minacce del Carroccio di tagliare i fondi ai Comuni che ospitano, il premier, accogliendo la proposta già fatta un mese fa da Alfano e ribadita dal ministro ieri pomeriggio, ha cavalcato l’idea degli aiutini alle amministrazioni che accetteranno i flussi di migranti. Altro che sanzioni, ha detto Renzi, «dobbiamo dare incoraggiamenti e incentivi anche sul patto di stabilità ai Comuni che ci danno una mano». Restano tutti da capire, ovviamente, i dettagli. In particolare quelli economici. Il provvedimento dovrebbe ricalcare quello già varato lo scorso agosto per 13 Comuni siciliani (Agrigento, Augusta, Caltanissetta, Catania, Lampedusa, Mineo, Palermo, Porto Empedocle, Pozzallo, Ragusa, Siculiana, Siracusa e Trapani) che ad ottobre hanno ricevuto un bonus di circa 14 milioni sulle spese da conteggiare nel patto di stabilità interno. Il problema è che quei soldi non sono gratis. Il Comune può usarli senza violare le regole di bilancio, ma qualcuno alla fine dovrà pagare o con tasse o con tagli. Come si legge nella relazione al decreto del Servizio Bilancio del Senato, «andrebbe quantificato l’onere derivante dalla norma in conto minori risparmi».

Al di là dei premi e della solidarietà formale arrivata ieri dal commissario Ue Avramopoulos, Comunque, la via d’uscita dall’emergenza ancora non si vede. Renzi ha ribadito la sua insoddisfazione per il piano europeo sull’immigrazione, valutandolo «insufficiente». «Bisogna prendere atto», ha detto, «che la situazione così com’è non va. Ci siamo dati una tempistica da qui al Consiglio europeo di fine mese, cercheremo di portare a casa dei risultati».

Critico anche Alfano: «È difficile immaginare che 24mila migranti via dall’Italia in due anni siano una cifra giusta e che questi debbano essere solo eritrei o siriani».


Articolo letto: 862 volte
Categorie: Economia, Nuove Leggi, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell'immigrazione?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Davide

16/06/2015 12:20:17
Sono esterrefatto: come è possibile affermare..."cercheremo di portare a casa dei risultati..." Cercheremo?
Questo il pupazzo di Firenze. Invece l'imbelle di Agrigento (che è senza acqua metà settimana...)
afferma... quello che afferma.... Ma dove siamo, ma chi sono sta razza di imbecilli. Ho abbastanza
anni per aver visto governi dal 60 ad oggi, ma non ho mai visto personaggi cosi pieni di sé e così
senza palle, inconcludenti, credono di sapere ma non sanno che cazzo fare.....e noi siamo nelle
mani di questa gente? Non è possibile
4

Ricerche correlate

Estate - Immigrazione - Profughi - Renzi - Migranti -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook