PORNO E SESSUALITA' - Chi preferisce il sesso teorico della pornografia a quello reale, corre il rischio di finire in una trappola complicata.

Catanzaro
13:00 del 28/10/2019
Scritto da Samuele

PORNO E SESSUALITA' - Chi preferisce il sesso teorico della pornografia a quello reale, corre il rischio di finire in una trappola complicata. Consumare pornografia porta ad avere difficoltà nel sesso vero: lo spiega uno studio appena presentato al meeting annuale della American Urological Association, a Boston.
PORNO E SESSUALITA' - Nel lavorare all'indagine, i ricercatori hanno esaminato 312 uomini, di età compresa tra 20 e 40 anni, che sono stati in una clinica di urologia di San Diego per il trattamento della disfunzione erettile. Quello che è emerso è che il 26% ha dichiarato di aver visto la pornografia meno di una volta alla settimana, il 25% una o due volte alla settimana, il 21% da tre a cinque volte a settimana, il 5% da 6 a 10 dieci volte, il 4% oltre 11 volte a settimana. Di tutti i partecipanti, il 72% utilizzava prevalentemente il computer o lo smartphone (62%) come strumento per la visualizzazione di video. Anche le donne sono risultate fare uso di materiale pornografico: una più ridotta indagine ha rivelato che circa il 40 per cento delle donne guardare video hard.


PORNO E SESSUALITA' - Secondo gli studi scientifici, la pornografia è uno stimolo “sopranormale”, cioè attiva il normale meccanismo di ricompensa nel nostro cervello e lo fa a un livello così alto che noi lo percepiamo come piacevole anche più dei comuni stimoli sessuali. Il problema può sorgere col tempo, quando i nostri cervelli perdono contatto con la realtà e sviluppano la necessità di avere stimoli sempre più nuovi per raggiungere lo stesso livello di eccitazione.

Inizia così la spirale verso un tipo di pornografia più estremo e più spinto. In alcuni casi si può sviluppare una vera e propria dipendenza psicologica dalla pornografia che può interferire con la nostra vita sociale e sessuale. E ciò può avere serie conseguenze anche nelle relazioni.

Il blogger americano Mark Manson, autore del recente libro “La sottile arte di fare quello che c***o ti pare”, ha condiviso quella che ha definito “dieta per la masturbazione”: una dieta che comprende l’eliminazione della pornografia limitando la masturbazione a una o due volte la settimana (specificando che durante la masturbazione non si deve fantasticare su scene pornografiche ma su ragazze in carne ed ossa conosciute). L'obiettivo della dieta è anche quello di motivare ragazzi che hanno difficoltà ad approcciare le donne, ad affrontare le loro ansie e paure.


Articolo letto: 249 volte
Categorie: , Salute, Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook