Nel primo viaggio fatto al di fuori delle mura vaticane il pontefice si è voluto recare, un pò a sopresa, sull'isola di Lampedusa per incontrare gli immigrati

Agrigento
11:00 del 08/07/2013
Scritto da Alberto

Francesco. E' il nome che Papa Bergoglio ha scelto nel giorno della sua elezione alla carica più alta della Chiesa, chiaro riferimento a San Francesco d'Assisi che si spogliò delle sue vesti e delle sue ricchezze per seguire una vita povera e semplice al servizio degli ultimi. Un percorso, quello di San Francesco, che il Papa ha deciso di ripercorrere durante il suo pontificato, un percorso che comincia con l'isola di Lampedusa.

Papa Francesco ha voluto fare il suo primo viaggio proprio a Lampedusa, terra di speranza per molti Immigrati che sfuggono dalla povertà della propria terra per sognare un futuro migliore. Terra che ha visto morire molti profughi, inghiottiti dal mare o dalle cattive condizioni dei viaggi. Il primo viaggio del Papa fuori dalle mura Vaticane è quasi tenuto sottovoce, senza clamori e senza proclamazioni. Sono stati dissuasi autorità ed istituzioni e persino il clero siciliano non è stato avvisato di questa visita 'improvvisa' ed inaspettata del Santo Padre.

Il sindaco Nicolini e l'Arcivescovo Francesco Montenegro hanno fatto i salti mortali nelle settimane precedenti all'arrivo del Papa per organizzare al meglio la visita di Francesco. Alle prime ore dell'alba la gente di Lampedusa era già fuori dalle proprie abitazioni, chi al mare e chi al porto per cercare di prendere un posto in prima fila per vedere il Papa dei poveri. Nessuna divisa per strada è la richiesta categorica fatta da Francesco, ed ecco quindi che i militari sono stati costretti a mimetizzarsi con la gente comune per assicurare la sicurezza del  Papa.

Il viaggio del Papa è un viaggio che nasce più dal cuore che dalla mente. Il Papa chiederà scusa per tutte le vittime che per sfuggire alla povertà hanno perso la vita. Una scusa che sa di monito per tutti gli uomini che sfruttano i più poveri e li costringono a vivere in condizioni di miseria disumana. Francesco  porterà il suo saluto e le sue preghiere al mare di Lampedusa che ha inghiottito gente disperata che cercava la vita ma ha trovato la morte. Poi Francesco lancerà in mare una corona di fiori per ricordare le centinaia di vittime senza nome.

Papa Francesco Saluterà tutti gli immigrati presenti nel centro di accoglienza di Lampedusa, una cinquantina al molo Favaloro e gli altri al campo sportivo dove si terrà una messa particolare: come sfondo è stato allestito un cimitero di barconi abbandonati dagli scafisti. Tra isolani e turisti saranno circa quindicimila le persone che ascolteranno Papa Francesco, una funzione liturgica che vuole esser penitenziale, ma che per il popolo lampedusano è il riconoscimento al sacrificio e all'accoglienza che hanno dimostrato in tutti questi anni di sbarchi clandestini.

Molti si aspettano un fuori programma da parte del Papa meno prevedibile di sempre. C'è chi parla di una visita alla chiesetta della  Madonna di Porto Salvo, chi invece parla di una visita al cimitero dei migranti senza nome. La piccolissima chiesetta della Madonna di Porto Salvo è situata sulla strada per l'isola di Conigli, una sorta di piccolo tempio dedicato a due religioni, quella Cristiana e quella Musulmana, insieme nelle pace, unite nel dolore e nella sofferenza di chi scappa per cercare una vita migliore altrove. Sarebbe un bel gesto da parte di un Papa che ha subito commosso per la sua spontaneità e per la sua umiltà.

Il percorso del pontificato di Papa Francesco inizia con un viaggio silenzioso, ma che fa tanto rumore. Il Papa sembra essersi mosso quasi in punta di piedi, quasi a voler creare meno clamore possibile. Il suo è un gesto per ricordare che la carità e la misericordia non devono essere viste come un fatto eccezionale ma deve essere la quotidianità, il fine dell'uomo non è la ricchezza a scapito di molti, ma il vivere in comunione e in serenità con il cuore e con lo spirito. Forza Papa Francesco, buon viaggio, siamo tutti con te!


Articolo letto: 1711 volte
Categorie: Cronaca, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Marco

10/07/2013 18:41:10
Questo Papa sta ridando grande credibilità ad una Chiesa che purtroppo negli ultimi decenni ne ha persa davvero tanta. Questo Papa lancia i segnali che il popolo cristiano vuole ascoltare, ha una certa dose di simpatia che non guasta, ma soprattutto ha un'umiltà che altri Papi in passato non hanno avuto. La Chiesa dopo questo Papato diventerà ancora più ricca spiritualmente.
0

Matteo

08/07/2013 22:25:52
Papa Bergoglio è davvero per fortuna degno del suo nome e della sua carica. Andare a Lampedusa è stato un bellissimo segno, ma ciò che più colpisce di lui sono i continui "schiaffi morali" ai suoi subordinati e spero davvero che si prenda alla lettera tutte le sue affermazioni. Ricordiamo per i credenti che Gesù era ed è con gli ultimi.
0

Albertone

08/07/2013 11:54:55
Incontrare gli ultimi è parte della missione storica e sociale della Chiesa, andata purtroppo perduta nei secoli complici papi che hanno dimenticato gli insegnamenti di Pietro e del Vangelo. Questo papa riscopre l'essenza della fede che è incontro con l'altro, il messaggio universale che colpisce sia credenti che laici.
0

Gerardo

08/07/2013 11:23:49
Grande, grandissimo Papa. Mi commuove ogni qual volta dice qualcosa di umile. L'umiltà: è proprio quest'ultima che contraddistingue questo Papa dai suoi predecessori. La fiducia nella Chiesa del mondo è scarsa e questo Papa ha tutte le carte in regola per far tornare la fede a coloro che l'avevano persa.
0

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook