Per fortuna che ci sono stati Dini, Monti, Fornero che ci hanno prolungato la vita lavorativa sino a 67 anni (a me) e già si parla di 75 x i nostri figli.

Milano
06:30 del 31/10/2016
Scritto da Luca

Per fortuna che ci sono stati Dini, Monti, Fornero che ci hanno prolungato la vita lavorativa sino a 67 anni (a me) e già si parla di 75 x i nostri figli. Quindi avremo camionisti semiciechi, infermieri tremanti ed insegnanti sclerati ... la questione nn è se ci sono i soldi (che ci sono) per pensionare i lavoratori ad un'età decente (55/60 anni?) ma come sono spesi (in un paese che partecipa ad ogni guerra altrui).

In decenni di barbarie al governo sono riusciti ad appesantire la bilancia pubblica di miliardi.
Tutti privilegi inamovibili da anni, dalle baby pensioni ai vitalizi, frutto di leggi su misura, clientelismo, nepotismo e opposizioni non pervenute.
Adesso siamo alla resa dei conti, cominciamo a ridere perchè il peggio deve ancora arrivare

Più di mezzo milione di italiani riceve la pensione da oltre 36 anni. Cioè da prima del 1980. Il dato emerge dalle tabelle dell’Inps sugli anni di decorrenza dei trattamenti di vecchiaia(compresi quelli di anzianità) e ai superstiti del settore privato e pubblico, esclusi gli assegni di invalidità previdenziale, quelli agli invalidi civili e gli assegni sociali. Sono circa 540.000 quelli liquidati da prima del 1980, evidentemente a persone all’epoca molto giovani. Le pensioni di vecchiaia e superstiti del settore privato versate da oltre 36 anni sono 475.000, nel pubblico 65.463. Del resto per le pensioni pubbliche anticipate la media di uscita era di 47,4 anni.


Nel settore privato sono 188.436 le pensioni di vecchiaia in vigore da prima del 1980: si tratta di persone uscite dal mercato del lavoro, in media, a 54,9 anni. Le pensioni di invalidità pre-1980 sono poi 439.718 (44,5 l’età media alla decorrenza) e quelle ai superstiti 286.542 (41,35 anni l’età media alla decorrenza). Gli assegni di invalidità, tuttavia, sono stati erogati non in base all’età ma considerando le condizioni fisiche delle persone. L’età media alla decorrenza delle pensioni vigenti, in questi anni, si è innalzata di quasi 8 anni per la vecchiaia (da 54,9 anni a 62,55 medi), mentre per i superstiti è cresciuta in media di quasi 30 anni passando dai 41,35 delle pensioni vigenti da oltre 36 anni ai 73,89 anni di quelle con decorrenza 2015.

Le pensioni dei dipendenti pubblici erogate prima del 1980 sono 4.573 per la vecchiaia (55,7 l’età media alla decorrenza), 33.654 per l’anzianità (47,4 anni l’età media alla decorrenza), 16.573 per i superstiti da assicurato (41,7 anni l’età alla decorrenza) e 10.663 per il superstite da pensionato (46,3 l’età media alla decorrenza). Nel 2015 l’età media alla decorrenza delle pensioni pubbliche vigenti era di 66,8 per la vecchiaia e di 62,4 anni per le pensioni anticipate.


Articolo letto: 679 volte
Categorie: Denunce, Economia


Domanda Rank Italia
Dai un tuo parere sui dipendenti pubblici della PA italiani!
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Davide

31/10/2016 08:22:06
I nuovi lavoratori hanno l'orizzonte che arriva a 70 anni e ci preoccupiamo di mandare in pensione i cosiddetti esodati in anticipo! Ma andate a vedere chi sono questi: gente che è stufa di lavorare e che probabilmente ha sempre avuto poca voglia di lavorare e che quindi hanno raggiunto un accordo con l'impresa per uscire prima....a spese NOSTRE!
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook