COSA VEDERE IL CAIRO - Il Cairo - cuore del mondo arabo - è il centro nevralgico della modernità araba in campo politico e culturale.

Trento
16:00 del 26/01/2018
Scritto da Luca

COSA VEDERE IL CAIRO - Il Cairo - cuore del mondo arabo - è il centro nevralgico della modernità araba in campo politico e culturale. Chi desidera realmente conoscere questa città ha bisogno di settimane, meglio ancora di mesi. Il Cairo è una città straordinaria, dove sopravvivono le vestigia di diversi millenni di storia.

A occidente del Nilo ci sono le piramidi dell’epoca dei faraoni, mentre sulla sponda orientale del fiume sorge l’antico quartiere dei copti, dove, circondate dall’antica fortezza romana di Babilonia, si trovano alcune delle più antiche chiese cristiane. I califfi dei Fatimidi e i sultani dei Mamelucchi accrebbero il fascino architettonico della città in epoca medievale, fascino reso ancora più speciale dalla cittadella di Salah ad din (XII secolo), noto agli europei come Saladino. La gigantesca metropoli che si estende lungo il Nilo conta circa 16 milioni di abitanti ed è quindi la città più grande non soltanto dell’Egitto, ma dell’intera Africa. Il Cairo è una città pulsante di vita, rumorosa e febbrile, soffocante e polverosa, snervante e piena di contrasti. Il traffico è caotico - per i nuovi arrivati è addirittura un incubo - anche se negli ultimi anni ci sono stati notevoli miglioramenti.


COSA VEDERE IL CAIRO -Tuttavia, fiumi di macchine continuano a scorrere tra continui colpi di clacson, lungo le strade perennemente intasate; grappoli di persone viaggiano in bilico sulle predelline degli autobus e, in mezzo a tutta questa confusione, fanno la loro comparsa carretti trainati da asini e cavalli, carichi di frutta, verdura o anche immondizia, ragazzi di strada che vendono i giornali, venditori ambulanti che gridano, pedoni coraggiosi che balzano e corrono fra le vetture per raggiungere il marciapiede opposto, greggi di pecore e capre che attraversano la città... Alberghi di lusso che sorgono vicino a quartieri poveri, boutique esclusive che espongono moda occidentale accanto a suk secolari, la moderna e operosa ‘city’ distante solo alcuni chilometri dalla al-Azhar, la più antica università del mondo islamico, nel cuore del nucleo medievale della capitale. Il tutto avvolto da una nuvola di gas di scarico e polvere, che si mescola ai profumi dell’Oriente. Più ci si avvicina all’antico quartiere islamico, più si ha modo di ascoltare la chiamata del muezzin, che riecheggia nella città in cinque diversi momenti della giornata e che, con il suo «Allahn akbar» (Dio è grande), invita i fedeli a pregare.

COSA VEDERE IL CAIRO

1. Moschea di Ibn Tulun

La Moschea di Ibn Tulun è una delle moschee più grandi e antiche dell’intero Egizio.
Edificata nel IX sec. D.C., completamente in mattoni d’argilla, è chiamata anche “moschea del venerdi”. Il cortile interno della Moschea di Ibn Tulun è in grado di ospitare l’intera comunità maschile durante le preghiere.

2. Museo Egizio del Cairo

Il Museo Egizio è stato fondato nel 1857 dall’egittologo francese August Mariette e raccoglie una delle più grandi collezioni di antichità al mondo. Imperdibile la Tomba di Tutankhamon: scoperta nella Valle dei Re nel 1922, conteneva il più ricco corredo intatto mai ritrovato in una tomba egizia.

3. Moschea e Madrasa di Sultan Hassan.


La Moschea e la Madrasa di Sultan Hassa, tra i più preziosi esempi di architettura mamelucca, furono realizzate tra il 1356 e il 1363.
La pianta si ispira a quella tipica della “madrasa”, la scuola: una croce al cui centro si colloca il cortile e i cui bracci corrispondono ai 4 iwan, le aree di studio della cultura teologica islamica (Hanafita, Hanabalita, Sha’fita e Malakita).
Il complesso è noto per le sue imponenti dimensioni e le raffinate decorazioni. Al suo interno si trovano residenze per studenti e insegnanti.

4. Necropoli di Giza

La Necropoli di Giza, si trova a pochi chilometri dall’antica città di Giza, alle periferie del Cairo.
Tra le meraviglie che potrete ammirare nel complesso, la Piramide di Cheope spicca dai suoi quasi 150 metri di altezza. Si tratta della più antica e grande delle tre piramidiprincipali della necropoli e venne realizzata dall’architetto Hemiunu.

5. Museo Copto

Il Museo Copto, fondato nel 1910 ma costruito soprattutto nel 1947, raccoglie la collezione di arte copta più ricca del mondo.
Il percorso espositivo segue un’impostazione cronologica: i visitatori potranno ammirare tessuti, oggetti lignei, metalli, dipinti, manufatti antichi e molto altro appartenenti all’epoca cristiana in Egitto.

6. Zamalek

Zamalek è un quartiere nel pieno centro de Il Cairo, nell’isola di Gezira, sul Nilo, ed è collegata al resto della città tramite tre ponti. La sua conformazione e la presenza di un grande parco verde ricordano molto Manhattan.
L’area è caratterizzata da lunghe passeggiate alberate, ampie zone residenziali di pregio e numerosi bar e caffè, musei, gallerie e il Teatro dell’Opera.

7. Bazar Khan el-Khalili

Il bazar Khan el-Khalili, famosissimo souq (bazar), si è affermato come una zona commerciale nel 1400 dC. Si tratta di un insieme labirintico di vicoli, le strade principali da tempo si sono dedicata completamente al settore turistico ma nelle stradine circostanti potete trovare piccole negozi e laboratori dove acquistare i prodotti tradizionali egiziani. Qui troverete di tutto, dai mobili antichi ai lampadari di metallo, ai tessuti artigianali. Doverosa una sosta al più famoso caffè del Cairo, Fishawis, dove sorseggiare il tipico caffè arabo e tè dolce.

8. Moschea di Al-Azhar

La Moschea di Al-Azhar, eretta nel 972 A.C. come moschea principale della neo-nata città, è anche una delle università più antiche del mondo, nonché, ancora oggi, il principale centro teologico islamico.
Al-Azhar si trova proprio nel cuore del quartiere islamico ed è facilmente raggiungibile in taxi.
L’ingresso principale è la Porta dei Barbieri sul lato nord-ovest del palazzo, adiacente la facciata neo-araba costruita da Abbas II. Dal cortile centrale, si possono ammirare i 5 minareti, che sovrastano la moschea.

9. Cittadella

La Cittadella del Cairo, ai piedi delle colline di Mokattam,  è stata costruita da Saladino nel 1176. La Moschea di Muhammad Ali è il monumento più famoso e la ragione principale della visita. Soprannominata la “Moschea di alabastro” per la sua pietra bianca, gli altissimi e sottilissimi minareti sono uno dei grandi punti di riferimento del Cairo.
Appena a nord-est della moschea di Ali Muhammad si trova la moschea di El-Nasir, costruita nel 1318-1335 da Mohammed el-Nasir.
È possibile raggiungere a piedi la zona Cittadella da Bab Zuweila, la passeggiata dura circa 30 minuti.

10. Bab Zuweila

Bab Zuweila è l’unica porta meridionale della città medievale ancora conservata. La porta ha due minareti ed è l’ultimo cancello a sud del centro storico ancora in piedi.
A pochi passi si trovano le bancarelle artigianali di Tentmakers.


Articolo letto: 158 volte
Categorie: , Luoghi da visitare


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook