Nuovi dubbi calano sulla vicenda che coinvolge i due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Bari
09:30 del 27/10/2015
Scritto da Samuele

Nuovi dubbi calano sulla vicenda che coinvolge i due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. I due militari italiani, dal febbraio 2012, sono accusati di aver ucciso due pescatori in acque indiane. Ma ora, come scrive Il Giorno, dalle carte depositate ad Amburgo per l'arbitrato internazionale, emerge che gli indiani hanno presentato un disegno della "scena del crimine" molto diverso dall'originale. Nello scenario falsato dagli indiani, la rotta del'Enrica Lexie, la nave su cui viaggiavano i due Marò, è stata spostata e appare diversa rispetto a quella a cui si era sempre fatto riferimento. 

La rotta - Sulla base delle rotte delle due imbarcazioni coinvolte nella vicenda, cioè quella su cui viaggiavano i fucilieri e quella su cui si trovavano i pescatori, la distanza tra i natanti sarebbe stata di circa 920 metri. La "scena del crimine" indiana, invece, sostiene che la distanza fosse di appena 50 metri. La rotta delle imbarcazioni era stata calcolata in precedenza in Maniera automatica dallo Ship Security Alarm System, il sistema di allarme attivato immediatamente a bordo della nave. E anche la Guardia costiera indiana aveva confermato i dati nel 2012. La Lexie era a 340 gradi, e la distanza tra le due barche superava i 900 metri, non c'erano dubbi. Ma ora, il disegno indiano depositato ad Amburgo, cambia versione e sposta la rotta su 350 gradi. Mantenendo quella registrata dal Sistema di allarme della nave i proiettili sparati dalla Lexie avrebbero colpito il peschereccio da sinistra, e non da destra, dove sono stati trovati i fori. Ma cambiando le coordinate gli indiani giustificano i fori sul lato destro della nave e mettono in discussione quanto ricostruito fino ad ora.

I proiettili - Ma ci sono anche altri dettagli che fanno vacillare l'accusa. Primo su tutti quello dei proiettili. N.G.Nisha, responsabile balistico, il 19 aprile 2012, aveva concluso: "I proiettili sono stati sparati da fucili calibro 5 e 56". Cioè quelli in dotazione ai Marò. Ma quello che uccise il timoniereValentine Jelestine, una delle vittime, è un proiettile molto più grande delle pallottole calibro 5 e 56. E anche la pallottola che ha ucciso il secondo pescatore, Ajish Pink, è risultata diversa da quelle in dotazione ai mitragliatori dei nostri fucilieri.


Articolo letto: 1136 volte
Categorie: Cronaca, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Francesco

27/10/2015 11:29:56
sempre certi della loro innocenza, se al posto degli italiani ci fossero stati degli americani, con quattro cannonate sulle palme della spiaggia, gli avrebbero portati a casa mezzora dopo
4

Ricerche correlate

Militari - India - Prigionieri - Maro’ -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook