La Sinistra soffre della ''Sindrome di Fonzie'' ovvero non riescono a pronunciare l'espressione ''ho sbagliato'' anche quando hanno torto marcio

Roma
09:00 del 11/10/2018
Scritto da Gerardo

"Guardate che i comunisti di una volta oggi votano Lega". Queste amare parole di Pier Luigi Bersani non sono una battuta a effetto, sono una constatazione. Basta farsi un giro in Toscana, in Umbria o in Romagna per toccare con mano la realtà. La quale in ogni caso si manifesterà da sola, uscendo fuori dalle urne delle prossime elezioni europee.
Ma lo stato maggiore del PD non ha certo tempo da perdere con le persone comuni, anche perché frequentarle presenta sempre il rischio di venir presi a fischi come è accaduto al segretario Martina a Genova.
Alle residue Feste dell'Unità, questa estate, era ben difficile trovare le folle, e i militanti reduci che ancora resistevano a cuocere bistecche, intervistati da un programma d'informazione di Rete4, manifestavano tutto il loro apprezzamento per Salvini, suscitando lo sconcerto dei capi partito.
Dunque se così stanno le cose si ripropone l'antico dilemma leniniano: "Che fare?". La strada che i dirigenti hanno imboccato è proprio quella peggiore, quella che sarcasticamente Bertolt Brecht indicava ai caporioni comunisti della Ddr.
Davanti al malcontento della gente e a qualche tentativo di sciopero il drammaturgo invitava i compagni al potere a Berlino est a sfiduciare il popolo che aveva deluso le loro aspettative ed eleggerne un altro.
E' quello che la sinistra dei salotti e dei giornali - l'unica rimasta - ha già cominciato a fare. Infatti chi vota Lega si sente bollato, viene catalogato in quella "Italia peggiore" che - secondo questi illuminati - è incivile, xenofoba, populista, sovranista e sospetta di fascismo.
LA SINDROME DI FONZIE
Ci sarebbe anche un altro modo di affrontare la situazione descritta da Bersani. Lo stato maggiore della sinistra dovrebbe chiedersi: perché ci hanno mandato a quel Paese? Dove abbiamo sbagliato?



Ma è una via impraticabile, perché la cosiddetta Sinistra soffre della "Sindrome di Fonzie" (quello di Happy Days), ovvero quella patologia gravissima che impedisce di pronunciare l'espressione "ho sbagliato" anche quando è provato che si ha torto marcio.
Qualcuno obietterà che non è vero perché in realtà lo stato maggiore del PD si sta dilaniando in una guerra di tutti contro tutti, senza esclusione di colpi. Sì. Ma è, appunto, una guerra che viene combattuta all'insegna del "lui ha sbagliato", accusa che viene lanciata da tutti contro tutti.
Il colpevole è sempre un altro. L'espressione "io ho sbagliato" o - in questo caso - "noi abbiamo sbagliato" è irreperibile.
Perché? Semplice. Invece di andare alla ricerca di capri espiatori o di ridicoli alibi del tipo "è stata colpa dei social" (o magari dei troll russi) dovrebbero cercare il vero, grande errore che sta all'origine del Pd e che è precisamente l'errore che ha portato tanti elettori di centrosinistra a mandarli al diavolo e a votare Lega (o M5S).
PIÙ EUROPA: LA VERA IDENTITÀ DEL PD
Qual è l'unica vera identità del Pd? E' quella che gli dette Romano Prodi quando fondò l'Ulivo che fu la culla del Pd. Nell'Ulivo, Prodi - uomo della tecnocrazia - riuscì a fondere i post-comunisti e i post-democristiani con tre parole d'ordine: 1) antiberlusconismo, 2) Maastricht e 3) entrare nella moneta unica europea.
L'antiberlusconismo serviva a motivare i rancori della base, ma era un pretesto per non spiegare gli altri due punti e comunque oggi è finito (sia perché Berlusconi non è al governo, sia perché il Pd renziano ha sgonfiato l'antiberlusconismo). Cercano di riconvertirlo in antisalvinismo, ma non funziona.
La vera identità programmatica e ideologica dell'Ulivo e del Pd è data dall'adesione piena e incondizionata ai Trattati di Maastricht e all'euro. Questi traguardi avevano preso il posto del vecchio "sol dell'avvenire".
Si creò il mito dell'euro e dell'Europa come una terra dove scorre latte e miele e dove tutto sarebbe andato magnificamente.
A circa vent'anni da quell'esperimento, in cui abbiamo rinunciato alla moneta sovrana e a gran parte della sovranità politica ed economica, il bilancio è devastante: l'Italia ha perso quasi un quarto della produzione industriale, i poveri sono pressoché triplicati, il ceto medio è stato massacrato, la disoccupazione giovanile è al 35 per cento (una generazione perduta che spiega anche il crollo demografico record), le infrastrutture sono in condizioni penose, lo stato sociale (pensioni e sanità) non è nemmeno paragonabile agli anni della Prima Repubblica e abbiamo 600 mila immigrati sbarcati qua solo negli ultimi 6 anni che costano 5 miliardi ogni anno. 
Da noi il reddito pro capite è crollato rispetto a venti anni fa e oltretutto - dopo anni di sacrifici lacrime e sangue e di tassazione selvaggia - il debito pubblico è addirittura aumentato. Infine - tramite la UE - siamo diventati sudditi di Germania e Francia che spadroneggiano qua da noi. 
E' come se avessimo perso una guerra. Siamo in macerie e non abbiamo neanche più le chiavi di casa nostra. Ecco perché gli italiani non votano più quella classe dirigente che li ha portati in questo "paradiso". E' il Pd stesso che è nato su un programma rivelatosi fallimentare e mai riusciranno a dire: "abbiamo sbagliato".

Da QUI


Articolo letto: 179 volte
Categorie: , Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook