Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire la Partita Iva e a lanciarsi in attività imprenditoriali autonome in Italia.

Roma
07:00 del 14/09/2017
Scritto da Gerardo

Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire la Partita Iva e a lanciarsi in attività imprenditoriali autonome in Italia.

Di Lino Ricchiuti : Presidente Nazionale Movimento Politico Popolo Partite Iva.

Mi rivolgo in particolare ai disoccupati da lavoro dipendente, che con tutto il rispetto che ho per loro , temo, che seppur in buone fede, siano stati oggetto di un “lavaggio di cervello”, cioè potrebbero avere le “idee confuse”, consigli che non hanno lo scopo di “frenare” l’entusiasmo dei coraggiosi, ma piuttosto di illuminare un percorso non privo di ostacoli.
Non mi rivolgo ai disoccupati da lavoro autonomo, in quanto ciò che dirò lo conoscono benissimo, infatti lo hanno vissuto sulla loro pelle.

Caro disoccupato e possibile partita iva: per fare in modo che le proposte rilanciate dal Governo sui finanziamenti e incentivi per aprire una nuova attività ti diventino “allettanti”, sono scesi in campo molte “sirene”, conosciamo già gli slogan, “nuove opportunità”, “opportunità irripetibili che sarebbe un peccato non approfittarne”, “ interessanti agevolazioni”. Si sta facendo di tutto per convincerti che finalmente non avrai più padroni, che potrai lavorare solo quando ne avrai voglia, che finalmente potrai realizzare tutti i tuoi sogni, che hai la possibilità di entrare nel ristretto novero degli idealisti, degli indipendenti, degli appassionati della vita. In parole povere, che finalmente potrai organizzarti il lavoro da solo, potrai autogestire il tuo tempo libero, puoi mandare qualcuno “a quel paese”, potrai dare sfogo alla tua creatività, potrai fare il lavoro che ti piace, non sarai più un lavoratore alienato, e naturalmente, che se sei abile, avrai la possibilità di migliorare la tua posizione economica.

Ma la cosa più interessante, cioè quella che dovrebbe essere la “spinta” più convincente, già la sai in quanto te l’hanno detta in tutte le lingue, che finalmente potrai evadere quanto ti pare, in quanto stai per entrare nel “paradiso della evasione”. Ebbene mi preme comunicarti che, a parte alcune agevolazioni fiscali, puoi detrarre dalle tasse oltre gli attrezzi, anche la vettura, tutto il resto sono verità “teoriche”, ma che alla fine molte di queste si tramuteranno in “pie illusioni”. Mi auguro che tu non sia stato un credulone, in caso contrario il tuo sarà un risveglio amaro. Considerato che mi sono prefisso il compito di “illuminarti”, non posso non farti presente un dato di fatto “inoppugnabile”, tu ti trovavi in un “mondo”, ora stai per entrare in un ”altro mondo”.


Inizio facendoti presente alcune cose che a te sembravano ovvie, in quanto “diritti acquisiti”, ma che invece dovrai “dimenticare”per sempre. Per nessuna ragione potrai prendere soldi non lavorando Perciò niente in malattia, niente durante le ferie, niente cassa integrazione, niente prepensionamenti, niente sussidi di disoccupazione, niente tredicesima, niente liquidazione. Non vi saranno più permessi pagati, donatore sangue, permessi sindacali, matrimoniali, ecc. Tieni presente che non esiste un artigiano che prende dei soldi senza lavorare! Non avrai più nessuno che ti difende, se uno sciopero venisse indetto, non sarà per far rispettare i tuoi diritti, magari sarà stato indetto per annullare eventuali tuoi presunti “privilegi”. Per completezza ti farò presente anche alcune altre cose che non conosci ma, che invece sarai obbligato ad affrontare.

Per iniziare l’attività avrai bisogni di soldi, ebbene ti renderai conto che le banche sono disponibili ad aiutarti solo se loro si sono resi conto che non ne hai bisogno. Avendo bisogno di una infinità di permessi, farai la conoscenza del burocrate, cioè di una figura che farà di tutto per ostacolare ogni tua iniziativa, e quasi sempre ci riesce. Conoscerai il finanziere che costantemente ti terra d’occhio. Conoscerai la giustamente famigerata agenzia delle entrate. Al riguardo delle tasse, della evasione fiscale e della agenzia delle entrate, sarà bene che mi soffermi un poco, in quanto si tratta d temi di “ vitale importanza”. Sicuramente avrai letto da qualche parte l’assicurante “motto” del ministro delle finanze, “chi non ha evaso può stare tranquillo, non gli può succedere niente di spiacevole”. Questa, lo dico per esperienza diretta, è una balla colossale.

Mi spiego: se deciderai di pagare le tasse fino all’ultimo centesimo, a parte il fatto che senza un pò di evasione fiscale sarai costretto a chiudere”per tasse”, sicuramente non avrai “problemi” con i finanzieri, infatti, pur essendo loro dei cercatori “certosini”, non possono trovare quello che non esiste. Ma con la agenzia delle entrate è tutta un’altra”musica”, questi, grazie ai fantasiosi studi di settore, si arrogano il diritto di farti il conto in tasca, per loro non puoi non aver evaso, perciò ti chiameranno a giudizio, cioè dovrai subire regolari processi. Questo significa che dovrai anticipare una cifra di soldi, che dovrai farti un avvocato, che dovrai perdere giorni di lavoro. Considerato che non hai evaso, sarai il sicuro vincitore, sicuramente potrai uscire dai tribunali a testa alta, ma attenzione, nonostante la vittoria, una parte dei soldi anticipati non ti saranno restituiti, dovrai pagare l’avvocato, il tempo perso non ti sarà risarcito. Naturalmente questo non è per un solo anno, anzi considerato che la prima volta gli è “andata buca”, riproveranno anche negli anni successivi, alla fine cederai per “sfinimento”, cioè non avendo altra alternativa per porre fine ad un vergognoso accanimento, ed anche per il disperato tentativo di vivere in pace, darai a loro la cifra che ti avevano chiesto. Diventerai un “perseguitato fiscale”, senza associazione.

Ma cosa ai fatto di male? Essere troppo onesto è una colpa? Attenzione, non credere che per “chiudere” con l’agenzia delle entrate, sia sufficiente chiudere bottega, neanche per sogno, per un buon numero anni sarai in balia dei loro asfissianti tentacoli. Eppure ti avevano detto che senza evasione fiscale avresti potuto “vivere tranquillo”, purtroppo non ti hanno detto l’unica grande verità, che chiedendo la partita Iva, diventi un “potenziale evasore”, un essere”socialmente pericoloso”, perciò “schedato” per tutta la vita.

Quando ti renderai conto che ciò che ti sto dicendo corrisponde alla verità, sicuramente ti verrà la tentazione di fare un pò di evasione, ebbene avrai la conferma che effettivamente ti trovi in un altro “mondo”. Se prima facevi un piccolo lavoro in nero, anche quello era evasione fiscale, passavi praticamente inosservato, nessuno ti controllava , ma da ora in poi attenzione, sei diventato un “sorvegliato speciale”, se ti pescano sei fritto. Tu sai come si sono espressi certi “luminari” della politica italiana , che naturalmente non si riferivano alla evasione praticata dai dipendenti, ma a quella praticata dagli artigiani, hanno detto che tali evasori non possono “definirsi italiani”. Pensa che roba, il mafioso, il lestofante, l’assassino, può continuare a definirsi italiano, ma tu no, per la sola colpa di aver fatto un pò di evasione, evasione per “sopravvivenza” e per “legittima difesa”, non puoi dire ” sono di nazionalità italiana”, per avere una nazionalità dovrai recarti all’estero.

Non so se ci tenevi, ma non potrai più essere considerato un lavoratore, infatti la tua nuova attività non è prevista nello statuto dei lavoratori. Ironia della sorte, farai almeno dalle 16 alle venti ore in più alla settimana, ma non sarai più un “lavoratore”. Se volessi elencarti tutte le differenze fra partite iva e dipendenti, che sicuramente ti sarebbero utili, non basterebbe un post, ma dovrei scrivere un libro. Termino facendoti una domanda, come mai quelli che stanno facendo di tutto per convincerti che il lavoro autonomo è un lavoro “paradisiaco”, non sono diventati partite iva ? Non ti do la risposta, se diventerai partita iva . la scoprirai da solo. Caro disoccupato, ti ho parlato “franco”, ma non sono stato “brutale”, se volevo esserlo mi sarei soffermato su un tema che meritava di essere approfondito, gli “inspiegabili” suicidi.

Da: Jeda


Articolo letto: 298 volte
Categorie: , Denunce, Economia, Lavoro, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook