GRASSI NELLA DIETA IMPORTANTI - Se fino a poco tempo fa, quando si parlava di grassi, la prima raccomandazione era di utilizzarne «pochi», adesso si sottolinea invece che devono essere «buoni».

Roma
12:30 del 22/08/2019
Scritto da Gregorio

GRASSI NELLA DIETA IMPORTANTI - Se fino a poco tempo fa, quando si parlava di grassi, la prima raccomandazione era di utilizzarne «pochi», adesso si sottolinea invece che devono essere «buoni».

Che non si debbano limitare troppo i grassi lo conferma anche un documento appena pubblicato negli USA dall’Academy of Nutrition and Dietetics che ribadisce come, nella dieta dell’adulto, non meno del 20% e fino al 35% delle calorie giornaliere debbano provenire da queste sostanze nutritive. Per un adulto, con un fabbisogno energetico medio di 2000 kcal, questa percentuale si traduce da un minimo di 44 grammi (pari, per esempio, ai grassi contenuti in 3 cucchiai di olio, una tazza di latte intero e 4 noci), a un massimo di 78 grammi di grassi al giorno.

GRASSI NELLA DIETA IMPORTANTI - «Contrariamente a quanto spesso si pensa — conferma Francesco Sofi, ricercatore nutrizionista dell’Università di Firenze — una dieta a basso contenuto di grassi non è la più vantaggiosa dal punto di vista nutrizionale, dal momento che la riduzione dei grassi si accompagna di solito a una sostituzione con altri nutrienti (quali zuccheri e proteine) che potrebbe avere ripercussioni negative sulla salute».

Per quanto riguarda, invece, la qualità, fra le prime fonti di grassi «buoni» consigliate nel documento ci sono i pesci grassi (come salmone e sgombri), la frutta secca a guscio e i semi.


A proposito di questi, uno studio recentemente pubblicato su H ypertension ha messo in evidenza che il consumo di semi di lino (per 6 mesi, 30 g al giorno inglobati in alimenti come pane e pasta) ha un’azione antiipertensiva nei soggetti con pressione alta.«Al di là di questo dato interessante, ma che necessita di conferme, — sottolinea Sofi — i semi oleosi di lino, sesamo, girasole, zucca, come del resto i pesci grassi e la frutta secca a guscio, ci danno l’opportunità di ribadire che la ricchezza in grassi di un alimento può rivelarsi un pregio quando la qualità dei grassi è buona».

GRASSI NELLA DIETA IMPORTANTI - Il regime alimentare che appare più efficace è la dieta chetogenica, detta così perché pone il corpo in uno stato metabolico chiamato chetosi sostituendo i carboidrati con i grassi. Anche una dieta ipocalorica può andar bene per sbarazzarsi del grasso viscerale . In particolare, stando ai risultati emersi dallo studio sulla dieta ipocalorica, i partecipanti hanno ottenuto una riduzione del 12% del grasso viscerale e una riduzione del 5% del grasso corporeo complessivo: le dimensioni delle porzioni sono state misurate usando le dita e le mani e non è stato permesso fare spuntini.

Al di là di questa o quella dieta, i cereali integrali – dunque non raffinati – sono un toccasana contro il grasso addominale poiché aiutano, oltre a farci immagazzinare fibre, a placare il senso di fame e farci perdere peso.


Articolo letto: 79 volte
Categorie: , Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook