God of War per PS4 è un gioco pieno di sorprese. Che seguiate Kratos dal primo capitolo per PS2 o che siate dei neofiti della serie, la quantità di elementi introdotti nell'ultima opera di Sony Santa Monica potrebbe certamente provarsi soverchiante, nelle prime ore di gioco.

Firenze
12:00 del 21/04/2018
Scritto da Luca

God of War per PS4 è un gioco pieno di sorprese. Che seguiate Kratos dal primo capitolo per PS2 o che siate dei neofiti della serie, la quantità di elementi introdotti nell'ultima opera di Sony Santa Monica potrebbe certamente provarsi soverchiante, nelle prime ore di gioco. Questa guida ha proprio lo scopo di facilitarvi l'accesso, di aiutarvi a familiarizzare con le meccaniche di base in modo che riusciate a godere al meglio di tutte le novità del sistema di combattimento e di modifica dell'equipaggiamento. Alle difficoltà più alte, del resto, il nuovo God of War si proverà tutt'altro che una passeggiata - specie ora che lo spettro (di Sparta?) del button mashing è stato completamente scongiurato. Di seguito vi forniamo cinque, semplici consigli, che spaziano dall'approccio alle abilità, alle rune, ad Atreus, ai nemici e al combattimento nella sua forma più pura.

Guida alle Abilità

I punti esperienza sono una delle due valute del gioco, e sono "spendibili" per l'acquisto di nuove abilità. Queste ultime sono divise in tre alberi: uno dedicato all'ascia, uno dedicato allo scudo e uno dedicato all'arco di Atreus. Il consiglio, in questo caso, è quello di non preoccuparvi eccessivamente riguardo alla scelta delle abilità. Sebbene sia importante scegliere per prime le abilità che meglio si adattino al vostro stile di gioco, è bene sottolineare come in nessun caso l'acquisto di un'abilità vi precluderà l'accesso ad un'altra. Più che con un sistema volto alla costruzione "build" nel senso più stretto e "immobile" del termine, si ha a che fare con un sistema fatto di priorità: vi sarà concesso acquistare per prime le abilità a voi più congeniali, ma ciò non significa che non potrete esplorare anche le altre col giusto investimento di tempo e di exp.


È bene anche sottolineare, comunque, che non potrete acquistare tutte le abilità immediatamente. A prescindere dall'exp in vostro possesso, gli ultimi livelli di ogni "skill tree" saranno sbloccati dal livello dell'arma. Finché non avremo potenziato il relativo equipaggiamento da uno dei fabbri del gioco, dunque, determinate possibilità vi saranno temporaneamente precluse. Riguardo alla scelta dell'abilità in sé, due sono gli elementi che potrebbero venirvi in aiuto: la descrizione testuale e la finestra illustrativa. Quest'ultima, come in numerosi altri action game, vi fornirà una sorta di preview della "nuova mossa" che, una volta acquistata l'abilità, sarete in grado di effettuare in combattimento.

Sperimentate con le Rune

Presi come si potrebbe essere dal sistema di combattimento (persino dalla sua forma "base" e senza orpelli), non è da escludere che si possa tralasciare un aspetto in realtà vitale dell'intera infrastruttura di personalizzazione di Kratos: le rune. Queste sono applicabili direttamente alle armi del Dio della guerra, e ognuna di loro fornisce diversi effetti. Presentando una simile finestra di preview, essendo potenziabili con i punti exp e fornendo a tutti gli effetti accesso a nuove mosse per una particolare arma, si può dire che le rune condividano con le già descritte abilità numerosi elementi cardine.

 

La vera, fondamentale differenza sta tuttavia nella natura "temporanea" delle rune: queste sono infatti liberamente aggiungibili e rimuovibili da uno degli slot messi a disposizione dall'arma. Tale possibilità vi consentirà di sperimentare liberamente e di decidere, dunque, quale sia la runa più adatta al vostro stile e alle vostre necessità. Il consiglio, in questo senso, è quello di dare una possibilità anche alle rune che, sulla carta, non vi attirano poi troppo: dato che equipaggiarle e rimuoverle non costa nulla, potete testarle in un paio di combattimenti e solo allora decidere se valga o non valga la pena di investire dell'exp per il potenziamento ai livelli successivi. Al di là della preferenza, naturalmente, ci sarà anche da tenere in considerazione la situazione in cui ci si trova: una determinata runa sarà più adatta o consigliabile per un certo scontro o un certo tipo di nemico.


Atreus

All'annuncio di Santa Monica che Atreus sarebbe stata una figura onnipresente nel corso del viaggio di Kratos, numerosissimi erano stati gli scettiscismi; alcuni giocatori, in particolare, avevano percepito il freddo e tetro spettro del baby sitting, di quelli che costringono il protagonista a salvare in continuazione l'inetta e piagnucolante spalla. Fortunatamente, Atreus si colloca all'esatto opposto dell'inettitudine. Lui e il suo arco costituiscono, a tutti gli effetti, una parte integrante del sistema di combattimento: l'arco, potenziabile come le armi imbracciate da Kratos stesso, è persino controllabile direttamente dal giocatore (tramite il tasto quadrato).

Sebbene Atreus possieda una sola tipologia di armatura, la quantità di personalizzazione offerta da tale, unico pezzo può rivelarsi fondamentale nell'influenzare le meccaniche dei combattimenti. A voler fornire un esempio, una particolare armatura permetterà al ragazzino di infliggere danno maggiore ai nemici in aria, nonché di aumentare il danno dell'ultima freccia a seguito di una salva rapida; mentre un'altra, più orientata al supporto, aumenterà il danno da stordimento inflitto ai nemici. Al di là dell'evidente vantaggio in battaglia offerto dagli svariati modi in cui è possibile potenziarlo, Atreus potrebbe dimostrarsi utile anche in maniere più "indirette". Quando siete in un combattimento affollato, ascoltate i suoi avvertimenti: il figlio di Kratosi vi avviserà infatti quando un nemico vi sta caricando da una posizione fuori dal vostro campo visivo, o vi farà notare quando la vostra salute si avvicina pericolosamente allo zero. In buona sostanza: non disdegnate il ragazzino; si dimostrerà utile in molti più modi di quanti possiate pensare.

Studiate i nemici

Dato lo shift della serie verso meccaniche più affini a quelle di un rpg, viene quasi da sé la necessità di attribuire maggiore attenzione al livello di potenza e alle debolezze di un determinato nemico. Da tale considerazione derivano due consigli: Purtroppo, come in molti rpg, i nemici non scalano di livello con voi. Ciò significa che determinate aree vi saranno fondamentalmente precluse a causa della difficoltà delle creature incontrate, che, a meno che non siate già dei maestri del sistema di combattimento, si proveranno fondamentalmente impossibili da abbattere. Nulla vi vieta di tentare, naturalmente, ma se vi trovate in difficoltà non c'è alcuna vergogna a battere temporaneamente in ritirata e tornare a visitare il luogo quando sarete più potenti.

Il secondo consiglio è invece legato alle debolezze dei nemici. Se un mostro vi dà difficoltà, o se volete semplicemente imparare ad affrontarlo al meglio, potete dare un'occhiata al bestiario: questo è colmo di preziosissime informazioni riguardo al comportamento dei nemici e alle loro tendenze a compiere determinate tipologie d'azione. I consigli non saranno forse troppo puntuali, e la consultazione del bestiario non garantirà forse un vantaggio immediatamente palpabile, ma i giocatori più attenti saranno indubbiamente in grado di sfruttare al meglio i consigli forniti dalle preziose pagine.

Da: QUI


Articolo letto: 166 volte
Categorie: , Videogames


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook