È l’ultima richiesta degli attivisti aderenti al movimento di protesta francese dei gilet gialli, che incoraggiano i sostenitori del movimento a correre in banca e prelevare i risparmi.

Milano
09:00 del 16/01/2019
Scritto da Samuele

Svuotare i conti correnti per mettere in ginocchio il sistema bancario. È l’ultima richiesta degli attivisti aderenti al movimento di protesta francese dei gilet gialli, che incoraggiano i sostenitori del movimento a correre in banca e prelevare i risparmi.

Gli aderenti al movimento hanno detto di sperare in una corsa agli sportelli massiccia, un’azione che potrebbe costringere il governo francese a prestare attenzione alle loro richieste, soprattutto dando ai cittadini il diritto di proporre e votare nuove leggi.

Nel frattempo, il primo ministro Edouard Philippe ha anticipato un “grande dibattito” che il governo intende iniziare la prossima settimana in tutte le regioni della Francia. “Vogliamo che sia ricco, imparziale e fruttuoso”, ha detto Philippe.


I dibattiti si concentreranno su quattro temi principali: cambiamenti climatici, questioni democratiche, tasse e servizi pubblici, ha detto il primo ministro. Allo stesso tempo l’esecutivo pare intenda imporre la legge marziale per vietare qualsiasi nuova manifestazione di protesta, che spesso dal 17 novembre – data di inizio della ribellione – è sfociata in episodi di violenza.

Per sedare la protesta e gettare acqua sul fuoco, il presidente Emmanuel Macron dal canto suo ha proposto anche 10 miliardi di euro ($ 11,5 miliardi) di misure per aumentare il potere d’acquisto delle famiglie francesi. Le concessioni del governo potrebbero costare caro alla lunga in termini di fiducia nei Bond sovrani dell’area euro.

La risposta di Macron potrebbe infatti segnare un punto di svolta anche per i mercati del debito dell’area euro, proprio in un momento in cui vengono meno le grandi iniezioni di liquidità da parte della Bce. Se la Francia corre troppi rischi dal punto di vista dell’espansione fiscale per venire incontro alle richieste dei manifestanti, potrebbe aumentare ulteriormente i debiti in un mercato che è già abbastanza nervoso per la fine del Quantitative Easing e le tensioni tra Italia e Ue sul bilancio.

Da: QUI


Articolo letto: 275 volte
Categorie: , Economia, Esteri, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook