I genitori su Facebook possono essere tanto amabili quanto insopportabili: foto pubblicate a raffica, pareri non richiesti, commenti fuori luogo e condivisione di bufale.

Napoli
07:00 del 15/02/2019
Scritto da Gregorio

Genitori e Facebook: quando queste due grandi forze si incontrano, i risultati a volte possono essere disastrosi: foto dei pargoli, imbarazzanti confusioni tra social network e motori di ricerca e commenti fuori luogo, sono solo alcuni dei motivi che spingono gli altri utenti a far leva su tutta la pazienza possibile per sopravvivere alla giungla dei giovani e meno giovani alle prese con la rete.

Un figlio appena nato e tanta, tantissima voglia di condividere le prime immagini del pargolo con i propri amici: non sono pochi i genitori che cadono vittima del morbo della pubblicazione selvaggia di foto; in pochi giorni, iniziano ad arrivare le prime lamentele dei contatti, prima velate e poi palesi, fino a scatenare l’ira funesta di chi vede la propria timeline completamente occupata dal pupetto di turno.


Va bene l’orgoglio dei genitori nei confronti dei propri figli ma, a volte, dover affrontare una mitragliata quotidiana di lodi nei confronti di ogni piccolo passo dell’infante di casa può diventare deleterio se si tiene a mantenere intatta la propria lista di contatti.

Cambia l’età dei figli ma non il comportamento sopra le righe di alcuni genitori: alzi la mano poi chi non ha mai incontrato sulla propria homepage un genitore alle prese con la condivisione di test, immagini e addirittura bufale; inutile provare a far cambiare idea a un padre o una madre convinti della veridicità di notizie assurde, si rischiano solo inutili discussioni senza alcun esito che rischiano di prolungarsi anche nella vita reale. E che dire dei genitori che commentano aggiornamenti o foto dei figli, creando l’ilarità tra gli amici del virgulto? Avere tra i propri amici i propri genitori, in questo caso, può essere un’arma a doppio taglio: se per molti può rivelarsi un modo utile per avere sempre vicino i propri cari, per altri può trasformarsi in una vera occasione da wall of shame.


Articolo letto: 223 volte
Categorie: , Curiosità, Internet, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook