Sentire un fischio costante nelle orecchie, l’acufene, non solo è fastidioso, ma rappresenta anche un ostacolo per il normale riposo del nostro cervello. I ricercatori hanno scoperto l’origine di questo disturbo.

Firenze
06:30 del 29/08/2017
Scritto da Gerardo

Il fischio che alcuni di noi sentono costantemente nelle orecchie, che si chiama acufene cronico, parte da un'area specifica del cervello e impedisce a chi ne soffre di riposarsi adeguatamente. A comprendere l'origine dell'acufene sono stati i ricercatori della University of Illinois che hanno analizzato con risonanza magnetica funzionale il cervello di alcuni paziente. Ecco cosa hanno scoperto e perché l'acufene cronico può far male alla salute di chi ne soffre.

Lo studio. Per comprendere l'origine dell'acufene i ricercatori hanno sottoposto alcuni pazienti a risonanza magnetica funzionale così da poter osservare le funzioni del cervello e la struttura: osservando le immagini hanno scoperto che l'acufene parte da una regione chiamata precuneo.

Cos'è il precuneo. Il precuneo si trova nel lobulo parietale superiore ed è coinvolto nella memoria episodica e in alcuni aspetti dalla coscienza. Il precuneo però è importante anche perché è collegato con due network del cervello: quello responsabile dell'attenzione, che è attivo quando prestiamo appunto attenzione ad un interlocutore, e quello responsabile delle funzioni di ‘background', quando cioè una persona sta dormendo o riposando e non sta pensando a nulla in particolare.

Acufene e attenzione. I ricercatori hanno scoperto che l'acufene cronico è connesso più con il network responsabile dell'attenzione e meno con l'altro, questo implica le persone che sentono costantemente questo fischio, anche quando vanno a dormire, in realtà non riescono a riposarsi davvero perché il cervello resta in uno stato di attenzione maggiore rispetto a quello di chi non sente il fischio. Quanto scoperto spiegherebbe come mai molti pazienti riportino appunto numerosi casi di stanchezza cronica e di difficoltà a concentrarsi.

Studi futuri. La scoperta permetterà forse in futuro di trovare trattamenti utili e sconfiggere o gestire l'acufene cronico.

Da: QUI


Articolo letto: 212 volte
Categorie: , Curiosità, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook