Una nazione sempre più vecchia, con un’aspettativa di vita in costante aumento mentre diminuisce costantemente il numero di nascite.

Roma
08:40 del 06/06/2018
Scritto da Sasha

Una nazione sempre più vecchia, con un’aspettativa di vita in costante aumento mentre diminuisce costantemente il numero di nascite. E la tendenza è drammaticamente destinata a consolidarsi nei prossimi decenni. Uno scenario da incubo, quello tracciato dall’Istat nel suo rapporto sul futuro demografico dell’Italia.

“Si stima che in Italia la popolazione residente attesa sia pari, secondo lo scenario mediano, a 59 milioni nel 2045 e a 54,1 milioni nel 2065. La flessione rispetto al 2017 (60,6 milioni) sarebbe pari a 1,6 milioni di residenti nel 2045 e a 6,5 milioni nel 2065”, spiega l’istituto. A trainare le statistiche il centro-sud: “Il Mezzogiorno perderebbe popolazione per tutto il periodo”, sottolinea l’Istat, a tutto vantaggio del centro-nord (e dell’estero), dove al contrario il bilancio sarà positivo almeno per i primi trent’anni, ma che rischia di subire lo stesso destino nel periodo successivo.


Terribili i numeri del raffronto fra natalità e mortalità: se oggi il saldo è negativo per oltre 180mila unità, anche “le future nascite non saranno sufficienti a compensare i futuri decessi: dopo pochi anni di previsione il saldo naturale raggiunge quota -200 mila, per poi passare la soglia -300 e -400 mila nel medio e lungo termine”. Questo nonostante un probabile incremento della fertilità, “prevista in rialzo da 1,34 a 1,59 figli per donna nel periodo 2017-2065”, insufficiente però a compensare l’aumento della mortalità dovuto alla progressivo invecchiamento della popolazione.

Niente paura però, a “salvarci”, spiega sempre l’Istat saranno gli immigrati. “Si prevede che il saldo migratorio con l’estero sia positivo, mediamente pari a 165 mila unità annue (144 mila l’ultimo rilevato nel 2016), seppure contraddistinto da forte incertezza. Non è esclusa l’eventualità ma con bassa probabilità di concretizzarsi (9,1%) che nel lungo termine esso possa diventare negativo”. Senza troppi giri di parole: “Il saldo naturale della popolazione risente positivamente delle migrazioni. Sempre nello scenario mediano l’effetto addizionale del saldo migratorio sulla dinamica di nascite e decessi comporta 2,6 milioni di residenti aggiuntivi nel corso dell’intero periodo”.

Da: QUI


Articolo letto: 237 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook