ELEZIONI COMUNALI SARDEGNA 2019 - Centrodestra avanti a Cagliari e, forse, in grado di spuntarla al primo turno.

Cagliari
14:30 del 17/06/2019
Scritto da Alberto

ELEZIONI COMUNALI SARDEGNA 2019 - Centrodestra avanti a Cagliari e, forse, in grado di spuntarla al primo turno. Centrosinistra in testa a Sassari dove si va verso il ballottaggio.

E ad Alghero c'è la vittoria del centrodestra. Questi, al momento, i risultati nei tre principali comuni della Sardegna precedentemente amministrati dal centrosinistra. L'affluenza alle urne dei circa 390 mila elettori interessati a questo turno amministrativo è stata delle 55,3% in calo di circa otto punti rispetto al 63,1% della precedente tornata elettorale per le comunali sarde.

ELEZIONI COMUNALI SARDEGNA 2019 - Si è votato in cinque comuni superiori ai 15 mila abitanti. Oltre a Cagliari e Sassari, Alghero, Monserrato e Sinnai. Gli altri comuni sono: Calasetta, Esterzili, Genoni, Guasila, Samatzai, San Gavino Monreale, Sant'Anna Arresi, Serrenti, Villasimius, Bosa, Magomadas, Sini, Sorradile, Austis, Onanì, Ortueri, Sarule, Tortolì, Villagrande Strisali, Golfo Aranci, Illorai, Putifigari, e Sorso.
ELEZIONI COMUNALI SARDEGNA 2019 - I nove sindaci eletti subito



A urne chiuse sono già nove i sindaci eletti in Sardegna su 28 amministrazioni al voto. Si tratta di piccoli centri nei quali, già prima dell’ultima rilevazione dell'affluenza,  alle 23, si era raggiunto il quorum del 50% necessario per eleggere l'unico candidato a primo cittadino del paese. Si tratta dei comuni di Ortueri (Francesco Carta), Onanì (Clara Michelangeli), e Sarule (Paolo Ledda) nel Nuorese; di Sorradile nell'Oristanese (Pietro Arca); di Illorai (Titino Sebastiano Cau) e Putifigari (Giacomo Contini) nel Sassarese; di Esterzili (Renato Melis) e Genoni (Gianluca Serra) nel Sud Sardegna; a Magomadas (Emanuele Cauli) in provincia di Oristano.

Continua il trend negativo dell'affluenza: la media sui 28 comuni è al per cento: in calo di otto punti rispetto alle precedenti amministrative, di poco superiore a quella per le regionali ferma al 53 per cento. A Cagliari, in particolare, è flop. Il dato per la quarta chiamata alle urne dell'anno è inferiore alla media: è andato a votare poco più di un elettore su due: 52,3 per cento (contro il 60,22 nel 2016 e 71,44 nel 2011). Una disaffezione crescente accompagnata - forse - anche dalle incertezze degli attivisti del M5stelle rimasti senza candidato al rush finale per via delle polemiche su alcune frasi antiabortiste e contro i diritti civili.

Il calo è evidenziato anche alle rilevazioni delle 19 (37,74%) e delle 12 (appena il 17,82%). A Cagliari ha votato il 51,7% (60,2% nel 2016) degli aventi diritto, a Sassari il 54,7% (63,8%), mentre ad Alghero il 58,6% (63,9% cinque anni fa). 


Articolo letto: 178 volte
Categorie: , Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook