Ora sappiamo perché non ricordiamo nulla di quando avevamo meno 3 anni

Bari
05:30 del 08/06/2018
Scritto da Samuele

Perché non abbiamo ricordi della nostra prima infanzia? Ecco quale potrebbe essere la causa dell’amnesia infantile

Ora sappiamo perché non ricordiamo nulla di quando avevamo meno 3 anni 

Ricercatori canadesi hanno dimostrato che la neurogenesi, il processo che porta alla formazione di nuovi neuroni nel nostro cervello, potrebbe essere legata all’amnesia infantile, cioè all’incapacità di riportare alla memoria ricordi antecedenti al nostro terzo anno di vita.

Non riusciamo a riportare alla memoria i ricordi della nostra prima infanzia a causa della neurogenesi, cioè del processo che porta alla formazione di nuovi neuroni, particolarmente intenso durante i primi anni di vita.

È una delle teorie per spiegare la cosiddetta “amnesia infantile”, termine coniato dal celebre neurologo e psicoanalista Sigmund Freud per spiegare l’incapacità di ricordare le esperienze antecedenti al terzo anno di vita, benché per alcuni essa possa estendersi fino al sesto anno di vita.

L’ha proposta un team di ricerca canadese dell’Università di Toronto, che è giunto a questa conclusione dopo aver condotto alcuni esperimenti sui topi.

Gli studiosi, guidati dal professor Paul Frankland, hanno messo roditori neonati e adulti all’interno di speciali gabbie, dove attraverso un circuito elettrico era possibile inviare una leggera scossa elettrica alle zampe.


Tutti i topi sottoposti al trattamento hanno dimostrato di avere paura quando venivano nuovamente inseriti nelle gabbie elettrificate, ma mentre gli adulti non hanno più dimenticato la brutta esperienza, quelli appena nati dopo un solo giorno si comportavano come se nulla fosse successo.

Per capire se alla base della gestione dei ricordi vi fosse proprio la neurogenesi, Frankland e colleghi hanno usato farmaci e ingegneria genetica per bloccare la formazione dei neuroni.

In questo modo i topi appena nati formavano ricordi molto più stabili e hanno iniziato a temere la gabbia elettrificata alla stregua degli adulti.

Gli studiosi sono voluti andare ancora più a fondo, e hanno fatto in modo che i nuovi neuroni nel cervello dei topi presentassero una fluorescenza per poterne visualizzare i processi cerebrali in atto.

Osservando il comportamento delle cellule hanno osservato che i ricordi dei topi giovani non venivano ‘cancellati’, ma modificati con nuovi ricordi.

È possibile dunque che i ricordi della primissima infanzia siano comunque presenti nel nostro cervello, ma resi inaccessibili dalle modifiche scatenate dalla neurogenesi.

Gli esperimenti sono stati condotti sui topi e i risultati andranno confermati anche negli uomini, ma l’enorme attività della neurogenesi potrebbe spiegare l’amnesia infantile anche nella nostra specie.

Basti pensare che nasciamo con circa 86 miliardi di neuroni, e da questa “base” nei bambini si formano dalle 700 alle 1000 nuove connessioni sinaptiche ogni secondo, mentre accumulano informazioni.

Come indicato, quella della neurogenesi è soltanto una delle possibili spiegazioni dell’amnesia infantile.

Tra le più accreditate vi sono la comparsa del linguaggio; il fatto che il nostro cervello a quell’età non sia ancora ‘pronto’ per fissare i ricordi e il ruolo delle emozioni.

Esse sono fondamentali per incastonare un ricordo nel nostro cervello, ma i bambini piccoli non riescono ancora a contestualizzare il significato o l’importanza della maggior parte delle loro esperienze.

Non a caso i primi ricordi che ci tornano alla mente sono legati a una forte esperienza emotiva

Da: QUI


Articolo letto: 500 volte
Categorie: , Curiosità, Scienze


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook