LO SAPEVI CHE C’È UN LUOGO IN INDIA IN CUI PUOI VIVERE SENZA POLITICA, RELIGIONE E SOLDI? QUESTA CITTÀ ESISTE E SI CHIAMA “AUROVILLE”!

Bari
09:00 del 12/03/2017
Scritto da Gregorio

LO SAPEVI CHE C’È UN LUOGO IN INDIA IN CUI PUOI VIVERE SENZA POLITICA, RELIGIONE E SOLDI? QUESTA CITTÀ ESISTE E SI CHIAMA “AUROVILLE”!

Auroville è una città libera dai governi dalle religioni e dal denaro, tutti fattori che rappresentano i nostri veri problemi. Un luogo che non presenta tali fattori è un luogo dove si può finalmente vivere in pace.

Auroville si trova nel sud dell’India, a 150 chilometri da Chennai a Madras.
E ‘stata fondata nel 1968, ed è stata salutata come la città internazionale dall’ Unesco. I suoi abitanti sono di 50 nazionalità e culture diverse. Essi convivono senza alcun problema, poiché  non hanno un sistema politico, non hanno religione, e non utilizzano il denaro.

La città ospita circa 2500 residenti permanenti di 45 nazionalità e circa 5000 visitatori, di cui la maggior parte turisti o volontari stranieri alla ricerca di un esperienza di vita differente. Il 45% della popolazione è indiana, mentre i 124 italiani presenti fanno dell’Italia la quarta nazione più rappresentata dopo l’India, la Francia e la Germania.


Per divenire residenti permanenti, è richiesto ai nuovi arrivati di contribuire attivamente alla comunità per almeno due anni, senza mai allontanarsi da essa. Un comitato ristretto analizza poi le richieste di residenza, e ad ogni nuovo cittadino viene richiesto come primo gesto di piantare un albero. Dalla sua fondazione ad oggi Auroville ha dato vita ad una foresta in mezzo al deserto.


L’intera comunità è finanziata dall’Unesco, la Comunità europea, il governo indiano, e da donazioni private, che insieme contribuiscono al bilancio complessivo annuale con circa €5 milioni. L’allocazione dei fondi è decisa collettivamente e i profitti delle unità produttive vengono spartiti equamente tra società, casse comunali e progetti specifici proposti dalla cittadinanza a supporto delle imprese locali e il bene comune.


Essendo i propri profitti spartiti col resto della comunità, non si percepisce un salario, bensì una specie di reddito di cittadinanza.

In questa città epica, gli edifici sono realizzati sulla base di un’architettura sperimentale, in quanto in continua evoluzione. Queste strutture cercano di ottimizzare l’uso delle energie rinnovabili e il loro obiettivo principale: il riutilizzo e il riciclaggio.

La persona che ha progettato e gestisce questa meravigliosa città è: Mirra Alfassa, meglio conosciuta come “Madre”.

“Ci dovrebbe essere un luogo sulla Terra, che  nessuno possa rivendicare come propria nazione ; in cui tutti gli esseri umani di buona volontà che hanno una sincera aspirazione possano vivere liberamente come cittadini del mondo, obbedendo ad un’unica autorità, quella della verità suprema. Un luogo di pace, concordia e armonia dove tutto l’istinto di lotta che vive nell’uomo sia utilizzato esclusivamente per eliminare la causa delle loro sofferenze, le miserie, le  debolezze, l’ignoranza e la  disabilità. Un luogo dove i bisogni dello spirito e l’interesse del progresso prevalgano sul soddisfacimento dei desideri e delle passioni o la ricerca del piacere e godimento materiale, ” Questa e l’idea di Alfassa.


Da questo pensiero che è nata la   città internazionale.

Questa città si posiziona come un modello eco-sostenibile . Si tratta di un metodo sviluppato dal multi-ritaglio, combinando alberi da frutto, campi di grano e frutteti, organizzati in 15 aziende agricole, che raggiungono una superficie di 160 ettari. In questo modo, assicurano molto cibo, utile al nutrimento della popolazione.

In queste fattorie lavorano 50 abitanti della città  e 300 vicini. Delle loro produzioni, solo   il 2% di riso e cereali vengono consumati dagli abitanti e solo il 50% delle verdure.

Inoltre, il villaggio è anche autosufficiente per latte, latticini e frutta di stagione.

Pur non essendo l’unica città che ha questo modello, nel suo genere è unica, ed è di per sé speciale, tanto da   ricevere la protezione dell’UNESCO

http://www.jedanews.it/blog/curiosita/in-questa-affascinante-citta-le-persone-vivono-senza-politica-nessuna-religione-e-senza-soldi/


Articolo letto: 1402 volte
Categorie: , Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Marina

15/03/2017 10:30:36
Ce ne vorrebbero tante
10

Marina

15/03/2017 10:30:34
Ce ne vorrebbero tante
10

Paolo

12/03/2017 17:37:59
una società che ritorna indietro di molti secoli per vivere con maggior serenità. Sembra pura fantasia eppure Auroville esiste davvero.
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook