Sei mesi dopo la sconfitta di Majin Buu sulla Terra regna di nuovo la pace. Tuttavia, una minaccia proveniente da un angolo della galassia mette in apprensione i Kaioshin.

Napoli
06:30 del 27/12/2016
Scritto da Gerardo
Sei mesi dopo la sconfitta di Majin Buu sulla Terra regna di nuovo la pace. Tuttavia, una minaccia proveniente da un angolo della galassia mette in apprensione i Kaioshin.

Non c’è due senza tre. Dopo Saint Seiya e Sailor Moon, Toei Animation riporta sul piccolo schermo uno dei suoi storici e più seguiti cavalli di battaglia: Dragon Ball, protagonista dell’inedita serie tv Dragon Ball Super che ha preso il posto di Dragon Ball Kai — la versione riveduta e corretta di Z conclusasi la scorsa settimana con il finale della saga di Majin Buu — nel palinsesto di Fuji TV.

L’anime non è basato su una preesistente saga del manga di Akira Toriyama, ma intende raccontare, a 18 anni da Dragon Ball GT, una storia originale che, concepita dallo stesso Toriyama, stando alla filiale europea di Toei dovrebbe tener compagnia agli spettatori per ben cento episodi.


La storia si apre sei mesi dopo lo scontro finale tra Goku e Majin Buu. Sul pianeta Terra la vita di tutti i giorni è tornata a scorrere pacificamente, anche per i Guerrieri Z: Goku lavora nei campi, sogna di allenarsi di nuovo presso re Kaio ma è pressato dalla moglie Chi-Chi affinché porti a casa qualche soldo; Gohan e Videl sono prossimi al matrimonio, Goten e Trunks non perdono occasione per cacciarsi nei guai e Mr. Satan, acclamato come salvatore del modo, è impegnato a tenere a bada un sempre affamato Buu.
Nello spazio profondo, però, c’è chi è in grado di distruggere la metà di un pianeta con un solo dito, allarmando i Kaioshin…


C’era una volta un pomeriggio caldo, in un campetto con poca erba, tanta terra e qualche sasso. Quattro ragazzi che corrono, blandamente dietro ad un pallone. Si fermano, stremati dalla calura e da una preparazione fisica già in dubbio, nonostante frequentino le medie. Uno inizia a parlare: “Ma lo avete sentito Freezer? Ha detto che lui sta usando soltanto il 70% del suo potere! Questo vorrà pur dire qualcosa no?”. Un altro, dopo aver bevuto ad una fontanella pericolosamente vicina ad un edificio con il tetto in eternit, risponde: “Che stai dicendo? Goku è un Sayan e ogni volta che un Sayan rischia la vita e recupera le forze, diventa molto più potente. Quindi aria, Freezer non ha scampo!”. La discussione va avanti per un po’ e poi, quello che un giorno si laureerà brillantemente in Medicina e Chirurgia, taglia, “scientificamente”, di netto la conversazione: “Poche balle. Freezer può sopravvivere anche nello spazio aperto, Goku no. Se Namecc viene fatto esplodere, non c’è Super Sayan che tenga”.  Previsioni veritiere o meno, questa conversazione, con qualche piccola modifica, l’avremmo potuta sentire nella Grecia Antica con al posto di Goku per esempio Eracle o Giasone, nella Francia del Medioevo con al centro del contendere Rolando o Lancilotto ed infine nell’Italia umbertina con protagonista Mazzini o Carlo Pisacane.

Questo per dire che Dragon Ball, ed almeno in Italia più l’anime del manga, ha, volenti o nolenti ed hipsterismi a parte, segnato profondamente intere generazioni di ragazzi. Noi il concetto di amicizia, la logica del “non arrendersi mai” e lo spirito un po’ nicciano un po’ ulisside del “superare i propri limiti” non l’abbiamo letto sui libri di scuola, ma ce lo ha insegnato sua maestà Akira Toriyama. Logico che, a distanza di 18 anni dall’ultimo episodio dello sfortunato Dragon Ball GT, il ritorno della balotta di Goku non ci può lasciare indifferenti.

Alzate le mani: qui non siamo ad Ibiza, ma ne va della salvezza della terra. Kakaroth ha ancora bisogno di voi per la sfera Genkidama!


La nuova serie si chiama Dragon Ball Super ed è stata lanciata dal canale giapponese Fuji Television il 5 luglio 2015 e tradotta quasi immediatamente anche in italiano. Da un punto di vista di continuum narrativo, le vicende trattate si inseriscono immediatamente dopo la fine dello Z, ovvero all’indomani (per meglio dire qualche mese dopo) della sconfitta di Majin Bu, nella sua versione “cattiva” di Kid Bu, ad opera di Goku, coadiuvato da Vegeta e da quel baffone di Mister Satan. Ovviamente, quando la pace regna sulla Terra, gli episodi ne risentono.

Ovviamente, quando la pace regna sulla Terra, gli episodi ne risentono.

Chi non ricorda con verde orrore l’assurdo episodio 125 di Dragon Ball Z, intitolato “Scuola di Patente” nei quali vediamo Goku e il suo amico Piccolo/Junior intenti a prendere la patente di guida? Per esigenze puramente commerciali, ovvero per “allungare il brodo” e far durare di più la serie, venivano aggiunti episodi secondari, di vita “normale”, che si rivelavano degli obbrobri assoluti, anche se oggetti di culto per i fan più accaniti. Ahinoi la prima puntata di Dragon Ball Super, nonostante l’attesa ci abbia reso tutti un po’ più teen di quello che (oramai) non siamo, si inserisce proprio in questo filone, visto che vediamo Goku che coltiva con scarsi risultati un campo, Gohan che continua la sua relazione con Videl (sempre più carina va detto!) e Goten che tenta, senza riuscirci, troppo di non fare arrabbiare mamma Chichi. Da ricordare anche un Mister Satan tirato a lucido e vestito come un cantante afro di un gruppo funky che tenta al contempo di mantenere il suo ruolo di “Campione Assoluto del Mondo e dell’Universo” e di non far irritare troppo Mister Bu (il Majin Bu in sovrappeso) che “purgato” della sua parte malvagia, ora vive di fatto insieme al campione terrestre. Certamente è soltanto la prima puntata, ma non si può dire che la serie sia iniziata col botto.


Molti storcono il naso anche a livello grafico, con i disegni che sono molto più simili ad un qualsiasi anime di oggi, piuttosto che essere fedeli a quello stile un po’ grezzo e rock&roll di Dragon Ball  e Dragon Ball Z, che fu uno dei motivi alla base della sua fortuna (e della sua facilità di riproduzione, visti i miliardi di scarabocchi, disegni e disegnini sui quaderni degli studenti di mezzo mondo). Va detto che, stante la sigla, una parte dell’episodio ed anche il film del 2014 Dragon Ball Z: La Battaglia degli Dei, l’antagonista per i terrestri sarà incarnato da Bills, una sorta di felino antropomorfo (che ricorda un po’ una divinità egiziana) che, essendo un dio maligno, è solito, come passatempo, a distruggere mondi e galassie. Non sappiamo ancora bene di quali potere il felino sia dotato, ma si sa che per fronteggiarlo Goku, come da tradizione, dovrà superare il limite del Super Sayan 3 (esatto, quello con i capelli lunghissimi e sorprendentemente simili a dei caschi di banane). Una cosa certa è la damnatio memoriae per la serie GT, che non verrà presa in considerazione: quindi scordatevi il pelossissimo “roscio” Super Sayan di Quarto Livello, l’insopportabile Pan e compagnia cantante. Naturalmente, al netto delle critiche, saremo curiosi di continuare a vedere questa serie, ben consci che il passato non ritorni. Anche se, ne siamo convinti, ci fosse stato Goku ai tempi di Nietzsche l’incendiario pensatore tedesco sarebbe stato ancora più convinto della sua teoria sull’eterno ritorno dell’uguale.


Articolo letto: 242 volte
Categorie: , Cinema, Curiosità


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Savino

27/12/2016 10:09:43
DragonBall ha accompagnato tutta la mia infanzia....grandissimo, il miglior anime di sempre
9

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook