Donatore di sangue? Lo Stato non ti premia, anzi…...ti ritarda la pensione! Siamo nel paese delle contraddizioni,la gente che va premiata viene addirittura penalizzata,e chi va penalizzato viene privilegiato

Bologna
08:45 del 16/06/2015
Scritto da Gerardo

Siamo nel paese delle contraddizioni,la gente che va premiata viene addirittura penalizzata,e chi va penalizzato viene privilegiato!!

Eppure un motivo a questo c’è,e non è certo quello citato dall’autrice di questa stupida riforma,Elsa Fornero,ma è sempre lo stesso,la sanità non guadagna se la gente non si ammala,insomma tutto mirato,come sempre ai danni del cittadino!

La tanto discussa riforma del Lavoro voluta dall’ex ministro Elsa Fornero continua a scatenare dibattiti e proteste a causa delle sue conseguenze sui lavoratori. Dopo il caso esodati infatti ora spunta un nuovo caso analogo, quello dei donatori di sangue  costretti ad andare in pensione più tardi per via delle nuove norme introdotte appunto dalla riforma del lavoro. Secondo la nuova legge infatti gli iscritti all’Avis in procinto di andare in pensione non possono abbandonare il lavoro perché devono recuperare le ore in cui, con regolare permesso,  si sono recati in un centro per donare il sangue. L’allarme è stato lanciato dalla sede dell’associazione Avis di Cremona, comune dove in proporzione si registra il maggior numero di iscritti in Italia all’associazione dei donatori di sangue. I lavoratori iscritti all’Avis infatti hanno scoperto la nuova normativa solo recandosi nei patronati e nei centri di assistenza per i conteggi degli anni contributivi.

Con l’approssimarsi della pensione infatti in molti hanno cercato di capire la loro posizione scoprendo così l’amara realtà. Un particolare non di poco conto visto che come spiegano dall’Avis per un iscritto che dona il sangue da quando aveva 18 anni e lo fa a pieno regime, cioè quattro volte l’anno, in quarant’anni di vita lavorativa dovrà recuperare 160 giornate di astensione dal lavoro, vale a dire sei o sette mesi in più di servizio. Certo una soluzione ci sarebbe , andare in pensione lo stesso ma rinunciando al 2% della pensione, vale a dire alcune migliaia di euro in meno all’anno.  Il rischio ora come temono dall’Avis è che si diffonda la notizia  e i lavoratori smettano di donare il sangue.


Articolo letto: 1697 volte
Categorie: Medicina, Nuove Leggi, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Sangue - Scienza - Medicina - Tasse -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook