Continuano ad arrivare notizie di parrocchie disobbedienti alla Diocesi di Milano. In cosa hanno osato disobbedire, di quale colpa si sono macchiate?

Milano
08:30 del 15/02/2017
Scritto da Gregorio

Continuano ad arrivare notizie di parrocchie disobbedienti alla Diocesi di Milano. In cosa hanno osato disobbedire, di quale colpa si sono macchiate? Si dice che abbiano addirittura celebrato anniversari di matrimonio in chiesa, pare persino che siano volati tappi di spumante e si siano distribuiti piatti di risotto, forse con del gorgonzola, perché alcuni sposi, disobbedienti come i loro parroci, hanno pensato di ringraziare Dio per essere riusciti a stare insieme 5, 10, 20 o anche 60 anni. Dalla Brianza al centro città, da parrocchie guidate da diocesani ad altre in mano a religiosi, le segnalazioni clandestine sono tante.
Ma cerchiamo di capire la questione. Domenica 29 gennaio la Diocesi di Milano ha celebrato la festa della famiglia, solo che, come riportava il sito fino al venerdì precedente, al mattino, le celebrazioni di anniversari erano ufficialmente sconsigliate, "per motivi di delicatezza e di rispetto" nei confronti di chi vive situazioni irregolari, dei separati, dei vedovi, dei figli di divorziati. La cosa suscita qualche perplessità, per esempio il Forum delle associazioni familiari esprime dispiacere perché, dice il comunicato, "l'accoglienza verso tutti non passa mai per il nascondimento del bello".
NON CELEBRARE ANNIVERSARI
Altre garbate proteste si fanno sentire. La cosa deve arrivare in alto, perché in serata di questa necessità di "delicatezza e rispetto" verso chi non è in famiglia non è più traccia nel sito della Diocesi. Rimane, comunque, l'invito a non celebrare anniversari, ma il motivo addotto, in serata, è che bisogna riflettere, e non buttarla a tarallucci e vino (ipotesi che vedo comunque improbabile per i milanesi), per quanto io trovi che mangiare per celebrare qualcosa sia anche quello segno di fede: san Francesco, per esempio, diceva che a Natale tutti dovevano mangiare carne, anche i muri, e se non si riusciva a fargliela mangiare, gliela si sarebbe dovuta spalmare sopra. Mangiare per celebrare significa esprimere gratitudine a Dio che ci dà il pane quotidiano, perché, come tutti gli sposati sanno, se si rimane insieme tutta la vita non è certo per merito, ma per grazia.



La storia non è nuova: secondo il sito la disposizione esiste da una decina di anni, e già nel 2014 la questione era stata sollevata da qualcuno, perplesso dalla richiesta della Diocesi: «Evitare di celebrare in questa occasione gli anniversari di matrimonio per non rischiare di escludere le famiglie di persone separate, divorziate e risposate, vedove e senza coniuge per motivi legati all'immigrazione». Quindi non è un piccolo infortunio, un incidente dell'ufficio comunicazione, ma una scelta precisa nella quale sinceramente fatico a riconoscere lo Scola che ha scritto il superbo, meraviglioso Uomo Donna, Il caso serio dell'amore. E non è neppure una questione irrilevante, di vuoto rituale, perché i gesti hanno un grande potenziale educativo, o diseducativo. Così, nel momento in cui in tutto il mondo l'unica entità che dice la verità agli uomini sull'essere maschile e femminile e sulla famiglia è rimasta la Chiesa, verità che guarisce e salva le persone, non si può sentire che la Chiesa di Milano vieti gli anniversari nel momento in cui quella di Torino trasforma il funerale di un uomo che si era unito civilmente a un altro in una specie di celebrazione dell'amore omosessuale (quindi quel matrimonio si poteva ricordare con gioia in chiesa?).



NON ME LO SPIEGO
Eppure l'episodio è emblematico di un atteggiamento ricorrente, di un pericolo che la Chiesa oggi corre, e se noi laici abbiamo qualche responsabilità, [...] forse è il caso di spenderci su due parole.
Ci crediamo o no, noi e i nostri pastori, che la Verità è Cristo, e non la mia o la tua opinione? Ci crediamo che questo ti salva e ti fa felice, già qui su questa terra? Ci crediamo che i dieci comandamenti (tra cui non desiderare la donna d'altri) non sono regolette inventate da un Dio sadico per fregarci ma le parole che ci fanno felici, già qui su questa terra e poi per la vita eterna? Ci crediamo che la Bibbia non è un manuale che schiaccia ma il libretto di istruzioni dell'essere umano, cioè la parola che ci spiega come funzioniamo, e che se non seguiamo le istruzioni ci rompiamo? Siamo così complessati - un evidente complesso di inferiorità alimentato da secoli di cultura laicista - che non percepiamo come contraddizione che venga proclamato il Corano nelle nostre chiese? Dire che la Verità è Cristo non è dire che noi siamo migliori, è Cristo che è migliore.
Noi non ci accontentiamo di una fede solo privata, intimistica, che non si propone agli altri, che non è presente nel discorso pubblico, che rinuncia ai suoi simboli e alle sue celebrazioni: non ci accontentiamo perché sappiamo che la felicità dell'uomo, e quindi della comunità, dipende da questo. E non è voler bene a qualcuno lasciarlo nel suo errore. È una malintesa forma di delicatezza che viene da una fede debole: noi non crediamo che la legge di Dio è scritta nel suo e nostro cuore, e, "Dio circonderà il tuo cuore e ti farà felice". Se vedi uno che sta per buttarsi dalla finestra non è rispetto e delicatezza lasciare che lo faccia. Se invece sei già caduto, come per i divorziati per esempio, non ti offendi se qualcuno ringrazia il Signore per essere stato preservato, e chiede che la grazia lo sostenga ancora: la formula per il rinnovo delle promesse è solo riconoscenza per Dio, non dice "noi siamo stati bravi e voi no". Vedere una famiglia che, tra cadute e limiti e ricuciture, cerca di volersi bene è una buona notizia per tutti, anche per i figli dei separati. Se non vedono mai qualcosa del genere, come potranno un giorno, da grandi, tentare anche loro questa avventura dell'amore per sempre? Due vecchi che sono rimasti insieme sono una buona notizia per tutta la comunità, perché il cristianesimo si diffonde per contagio.

Da: BastaBugie


Articolo letto: 319 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell’indissolubilità del matrimonio?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

15/02/2017 11:25:30
Io sono di un parere che il matrimonio e una cosa importate visto che oggi e diventata una moda e meglio convivere è la giusta soluzione ce il detto (abbassa la guerra noi siamo giovanni e vogliamo l'amore).
6

Indro

15/02/2017 10:43:52
Io ci capisco sempre meno, non sarà forse che con la scusa di non discriminare famiglie separate, divorziati, ecc., non si vogliano discriminare i pretendenti omosessuali al ruolo di famiglia?
Credo che certi vescovi stiano sbagliando strada, trascinando nel baratro tanti cattolici.
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook