La mela, oltre ad essere un ottimo e salutare frutto “senza stagione”, è anche un termine di riferimento per collocare una determinata tipologia di fisico femminile.

Firenze
15:00 del 23/07/2016
Scritto da Sasha

La mela, oltre ad essere un ottimo e salutare frutto “senza stagione”, è anche un termine di riferimento per collocare una determinata tipologia di fisico femminile. Il fisico a mela appartiene a quelle donne che normalmente hanno la tendenza ad ingrassare soprattutto nella parte alta del corpo, per loro è quindi necessario considerare tutta una serie di fattori, sia dal punto di vista ormonale sia alimentare, per cercare di prevenire e in alcuni casi anche di curare quelli che possono rappresentare qualche chilo in più. Costituzione a mela

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!Nel fisico a mela l'adipe si colloca soprattutto nella parte alta del corpo, quindi sul torace, sulle braccia e sullo stomaco, mentre il resto del corpo, dalla vita in giù, è proporzionato e non presenta eccessi di adipe.

Sviluppi nel tempo della costituzione a mela Nel tempo, le donne con questa costituzione potrebbero vedere proprio nella parte alta del loro fisico un aumento del grasso, le spalle e il seno aumentano di volume e danno quell'immagine di donna “giunonica”.

Importanza dell'attività fisica Mai tralasciare questo fondamentale aspetto, poiché solo una dieta valida ed equilibrata, sorretta da una buona attività fisica, può dare nel tempo dei risultati duraturi. Ottimo il nuoto o la bicicletta, poiché trattasi di attività aerobiche, bene anche esercizi specifici per braccia e spalle. La dieta per le donne con fisico a mela La prima regola è non saltare mai la colazione, suggerimento in verità da seguire sempre, indipendentemente dalla costituzione e dalla presenza o meno di chili in eccesso. Bene associare il latte con dei cereali, meglio se poveri di zucchero e integrali. Spezzare poi il mattino e il pomeriggio con una frutto di stagione o una macedonia di frutti di bosco, ideali per stimolare la circolazione, o ananas, drenante in modo naturale, aggiungendo, e non dimenticandosi mai, la giusta quantità di acqua o di bevande sane come il tè verde. Come spuntino andrà anche molto bene, oltre alla sopra citata frutta, anche della verdura di stagione.  Da evitare invece le bevande zuccherate come ad esempio i succhi di frutta e quelle gasate, ricche a volte anche di coloranti.

Cibi da evitare Da evitare invece le bevande zuccherate come ad esempio i succhi di frutta ele bibite gasatericche, a volte, anche di coloranti. Inoltre, sono da evitare i cibi particolarmente ricchi di zuccheri, l'eccesso di cereali raffinati e di grassi saturi o di grassi idrogenati. Colazione Una tazza di latte parzialmente scremato con cereali integrali, un frutto o una spremuta di agrumi alternata con macedonia di frutti di bosco. Pranzo Branzino o orata al forno con contorno di stagione, ad esempio insalata tiepida di barba di frate con limone e olio extravergine di oliva, una porzione di pane, meglio se integrale. Un frutto di stagione.  Cena Arrosto di vitello con contorno di patate al forno e rosmarino. Insalata di finocchi con limone o aceto di mele e olio extravergine di oliva. Un frutto di stagione o macedonia di fragole. Spuntino adatto Le macedonie di frutti di bosco sono ideali per stimolare la circolazione, mentre l'ananas è drenante in modo naturale. Come spuntino andrà molto bene, oltre alla sopra citata frutta, anche della verdura di stagione.


Articolo letto: 595 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook