La dieta Mayo trae il suo nome da quello di una clinica americana molto famosa negli anni Ottanta e appartiene alla categoria delle diete ipocaloriche. Garantisce infatti all'organismo un apporto energetico assai ridotto.

Genova
10:45 del 10/10/2015
Scritto da Samuele

La dieta Mayo trae il suo nome da quello di una clinica americana molto famosa negli anni Ottanta e appartiene alla categoria delle diete ipocaloriche. Garantisce infatti all'organismo un apporto energetico assai ridotto.

Estremamente rigida e restrittiva, la dieta Mayo, che non deve essere seguita per più di due settimane, è destinata alle persone dotate di una volontà di ferro, dato che consente il consumo di un numero limitato di alimenti per un totale di 800-1000 calorie al giorno.

In origine la dieta Mayo fu elaborata da una clinica medica specializzata nella cura dell'obesità. È pertanto raccomandabile seguirla sotto il controllo di un dietista o di un medico senza mai superare i 14 giorni previsti.

Il principio su cui si basa la dieta Mayo è di una semplicità sconcertante: si mangia così poco che per forza di cose si dimagrisce.

Nelle diete ipocaloriche gli apporti energetici sono talmente ridotti da costringere l'organismo ad attingere alle riserve di grasso, il che provoca necessariamente una diminuzione di peso.

Ma attenzione! Come vedremo più avanti, questa perdita di chili non è affatto priva di rischi.

Vantaggi, rischi e inconvenienti.

Come già detto, se decidete di sottoporvi a questa dieta dovrete dar prova di una ferrea disciplina. Tuttavia, se siete davvero determinati, il metodo Mayo vi consente di dimagrirerapidamente: rispettandolo alla lettera, siete sicuri di perdere da 5 a 7 kg in 14 giorni.

La dieta Mayo è semplice da mettere in pratica e da seguire perché i menu sono prestabiliti. È economica, non richiede alcuna particolare abilità culinaria né interminabili interpretazioni di etichette. Se consumate i pasti in ufficio, potrete tranquillamente portarveli da casa.

Sappiate anche che la vostra spesa settimanale si ridurrà a ben poca cosa. In compenso, i rischi e gli inconvenienti legati a questa dieta sono assai più numerosi dei vantaggi. Fornendo un apporto eccessivo di lipidi e colesterolo, la dieta Mayo, se viene seguita per più di due settimane, rischia di provocare serie complicazioni metaboliche.

In particolare, può favorire l'aterosclerosi e l'osteoporosi, oltre a causare una serie di problemi a livello cardiovascolare. Inoltre, determina gravi carenze di proteine, vitamine e sali minerali (soprattutto calcio e potassio) dovute all'assenza di latticini e a un consumo insufficiente di frutta.

Secondo l'opinione generale, si tratta di una dieta sbilanciata nella quale troppi elementi nutritivi essenziali mancano all'appello; una dieta che prevede pasti miseri e decisamente incompleti.

Come se non bastasse, la monotonia dei menu annulla il piacere del cibo e conduce al puro e semplice sconforto. Onnipresente senso di fame, perdita di tono muscolare, noia gustativa sono altrettante conseguenze della dieta Mayo.

Inoltre, se la diminuzione di peso è istantanea, la ripresa dei chili persi sembra esserlo altrettanto.

Alimenti concessi.

Uova. Le uova (sei al giorno) non solo sono concesse, ma costituiscono addirittura un imperativo e la base stessa della dieta. Ricche di proteine (6,3 g) e povere di calorie (circa 75), hanno il vantaggio di assicurare un rapido senso di sazietà.

Carne e pesce. Devono essere magri e cotti alla griglia o bolliti.

  •  L'unico frutto concesso è il pompelmo.

Verdura. Le uniche verdure consentite sono cetrioli, fagiolini, lattuga, pomodori, sedano, spinaci e zucchine.

  •  Sono tutti vietati, eccetto una fetta di pane tostato o una fetta biscottata al giorno e solo a partire dalla seconda settimana.
  •  Potete bere solo té, caffè, acqua e bevande edulcorate.

Alimenti vietati.

Non è possibile consumare grassi, zuccheri e cibi dolci, farinacei, legumi, latticini e bevande alcoliche.

Dieta Mayo esempio di menù

Colazione

Mezzo pompelmo (o anche il frutto intero), 2 uova sode. Una fetta biscottata (solo a partire dalla seconda settimana), Té o caffè senza zucchero né latte.

Pranzo

2 uova cotte senza grassi o 100 g di pesce o carne (da alternare). Una porzione di verdura. Mezzo pompelmo. Té o caffè senza zucchero né latte.

Cena

2 uova. Una porzione di verdura. Una fetta di pane tostato o una fetta biscottata (solo a partire dalla seconda settimana). Té o caffè senza zucchero né latte.

Siccome il metodo Mayo non fornisce consigli né propone un programma di mantenimento per il dopo-dieta, spetterà a voi, e solo a voi, predisporre un piano alimentare equilibrato che vi consenta di conservare il peso raggiunto.

Nonostante tutto, la dieta Mayo continua a godere di grande popolarità, forse in ragione del fatto che molte star americane del cinema e della televisione continuano a seguirla e a vantarne i meriti.


Articolo letto: 515 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook