Lei si chiama Valérie Orsoni ed è una bellissima donna "normale", nonché ideatrice della dieta Le Boot Camp, seguita ormai da più di un milione di persone in tutto il mondo

Torino
09:00 del 19/02/2016
Scritto da Gregorio

Lei si chiama Valérie Orsoni ed è una bellissima donna "normale", nonché ideatrice della dieta Le Boot Camp, seguita ormai da più di un milione di persone in tutto il mondo.

Perché la dieta Le Boot Camp sta riscontrando tanto successo? Perché funziona e non danneggia la salute. E, inoltre, perché dietro questo nuovoprogramma alimentare(ma non solo) c'è una donna come lei: dopo aver lottato e vinto una durissima lotta contro il cancro, Valérie aveva infatti bisogno di perdere 30 chili per stare bene e, come facciamo pressoché tutte quando vogliamo dimagrire, ha tentato un numero incredibile di diete (più di 40) ma senza successo.

Però lei non ha mollato e non si è persa d'animo, anzi si è messa a studiare tutto ciò che ha a che fare con nutrizione sana e benessere. Riunendo le nozioni apprese, ha poi deciso di fare avvalorare (e testare con un rigido protocollo) le sue "scoperte" da un team di esperti (nutrizionisti, dietologi, psicologi) per conferire validità scientifica a questa dieta creata ad hoc per le donne "normali".

Il nome Le Boot Camp, però, è emblematico. Si tratta, infatti, di un regime che richiede soprattutto due qualità: la costanza e la disciplina. Benché non sia un programma di privazioni e non vi siano cibi completamente vietati, la dieta Le Boot Camp va seguita con perizia in tutte le sue 4 fasi. Scopriamone insieme i segreti.

Scopri i cibi che ti depurano di più

La prima fase della dieta Le Boot Camp è quella detox e dura due settimane. Infatti, prima di iniziare qualsiasi programma alimentare dimagrante, l'organismo va ripulitoa fondo da tutte letossine e la "sporcizia" accumulate in mesi o anni di stile di vita poco sano.

Come fare? Eliminando gli alimenti cheintossicano il nostro corpo, dunque no a: alcol, grassi animali, cibi conservati, lieviti, carne, zucchero e, in generale, cibi o preparazioni "pesanti" e difficili da digerire. Via libera, invece, agli alimenti dalle proprietà depurative come: mele, carciofi, avocado, barbabietola, tofu e grano saraceno.

Proprio quest'ultimo è l'ingrediente base di una bevanda profondamente disintossicante da sorseggiare appena sveglie: si chiama Sobacha ed è un infuso disemi di grano saraceno tostati (li trovate nei negozi di prodotti naturali). Questo alimento vanta un indice glicemico basso, una spiccata azione detox sul fegato, moltefibre e altrettanti antiossidanti.

Come vi sentirete alla fine di queste due settimane? Più sgonfie, leggere e molto motivate a continuare. Piacevolissimo effetto collaterale: una pelle luminosa e rigenerata.

Fino a perdere il 75% del peso da smaltire

La seconda fase della dieta Le Boot Campconsiste nell'attacco spietato ai chili da smaltire. Li avete già quantificati, con l'aiuto del vostro medico di fiducia? Bene, questo secondo step della dieta durerà finché non avrete smaltito, calcolatrice alla mano, il 75% del peso da perdere. Cosa dovrete mangiare: non ci sono cibi proibiti ma è necessario scegliere bene.

La dieta Le Boot Camp riserva grande importanza al ruolo dell'indice glicemico: più è basso, più il cibo scelto va bene per smaltire il sovrappeso. Infatti, un indice glicemico basso impedisce i picchi glicemici e, bloccando le impennate di insulina, non permette la trasformazione degli zuccheri in "ciccia". Esistono tabelle con un elenco dei cibi secondo il loro indice glicemico, ma vi sono alcune regole base da imparare per scegliere bene. Innanzitutto, è bene evitare sia lo zucchero semplice sia i carboidrati complessi (pane, pasta, riso)raffinati. Sono, infatti, da prediligere tutti i carboidrati complessi integrali e i cereali integri in chicco (preferendo grano saraceno e quinoa).

Sì anche alle proteine nobili del pesce azzurro, ricco di Omega 3 ovvero quegli acidi grassi essenziali indispensabili al mantenimento di un benessere globale. Via libera anche alle verdure depurative e alla frutta a indice glicemico basso come l'avocado e le fragole.

Fondamentale, come in ogni programma dimagrante che si rispetti, il ruolo dell'attività fisica. Valérie consiglia una camminata di 30 minuti al giorno, purché astomaco vuoto. In questo modo, infatti, il corpo sarà costretto a consumare il grasso dei nostri odiati punti critici: camminando a digiuno, si brucia il 67% di grasso contro il 50% della stessa camminata ma a stomaco pieno.

L'ideale sarebbe dedicarsi a questa camminata quotidiana al mattino presto ma, per chi non può o non ha voglia, si può camminare anche in altri momenti della giornata, basta che siano passate 4 ore dall'ultimo pasto.

Detox ed esercizi casalinghi

La terza fase mette ilturbo, ovvero è come la seconda ma un po' più rigida e dura sette giorni. Durante la terza fase, si mantiene uno schema alimentare a basso indice glicemico, con molti cibi dall'azione detox eattività fisica costante e quotidiana (la camminata). In più, si possono inserire altriesercizi casalinghiperfetti anche per chi non va in palestra.

Piccola divagazione cinematografica: nel caso abbiate visto un film italiano uscito recentemente al cinema, "Il nome del figlio",  ricorderete senz'altro una splendida e morbida Valeria Golino intenta a eseguire esercizi "arrangiati" mentre prepara e serve la cena in tavola. Affondi nel tragitto cucina-sala da pranzo, piegamenti, saltelli e sollevamento di piatti. Bene, il concetto è proprio questo: anche nei momenti più impensati si possono tonificare gambe, glutei eaddominali.

Nel metodo Le Boot Camp, vengono citati nello specifico: il "Jumping Jack", un saltoda fare 50 volte ogni mattina prima di colazione (a stomaco assolutamente vuoto per comprensibili motivi), il "Passaporta" ovvero la contrazione strategica degli addominali ogni volta che si passa da una porta e, infine, la "Brasiliana". Quest'ultimo è un esercizio che forse già molte di voi eseguiranno: si tratta, in breve, di contrarre e rilasciare i glutei mentre si lavano i denti.

Mantenere uno stile di vita sano con un asso nella Manica

L'ultima fase della dietaLe Boot Camp si chiama "Equilibrio": il senso è proprio quello di mantenere lo stile di vita appreso nelle fasi precedenti, non proibitivo ma sano.

Quindi via libera a: cibi integrali, vegetali disintossicanti, infusistrategici, camminate ed esercizi. A questo punto del programma, sarete così allenate al vostro nuovo stile di vita che vi sembrerà tutto naturale e quello che era "il prima" sarà un ricordo lontano.

Il segreto del successo della dieta Le Boot Camp è esattamente questo: sarà cambiata la vostra "forma mentis" perché la dieta avrà modificato, in positivo, gli schemi mentali e le abitudini alimentari malsane.

In ognuna delle fasi descritte, va inserito anche l'asso nella manica ovvero la giornata Turbo Detox: un giorno depurativo alla settimana (anche durante la prima fase del programma, quindi "detox nel detox").

La giornata Turbo Detox prevede l'assunzione di molti liquidi, infusi drenanti e vegetali depurativi (soprattutto carciofi e avocado) consumati insieme a pesce, grano saraceno e tofu


Articolo letto: 553 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook