Quando si parla di dimagrire , non c’è che dire, si pensa spesso alla dieta ipocalorica

Bari
10:00 del 10/11/2015
Scritto da Carmine

Dieta ipocalorica - Quando si parla di dimagrire , non c’è che dire, si pensa spesso alla dieta ipocalorica ( a basso contenuto di calorie ). Infatti, fino a qualche tempo fa era la più famosa, oggi sono altre le diete di moda.

Ma cerchiamo di analizzarla e di capire come si struttura un dieta ipocalorica.

Il principio di questa dieta si basa sul fatto che se il nostro corpo consuma 1500 calorie in una giornata e ne ingeriamo 1200, le altre calorie il corpo le va a prendere dai grassi in eccesso. Questa affermazione la commenterò a fine post dove vi svelerò se funziona così o meno.

Partiamo su cosa bere. Durante la giornata bere tanta acqua e almeno 2 litri al giorno, ovviamente naturale e non gassata.  Evitare ogni bevanda gassata e evitare assolutamente tutte le bevande con zuccheri aggiunti ( alcoliche, drink, e succhi d frutta confezionati )

Passiamo a cosa bisogna assolutamente evitare.

Qualsiasi cibo o bevanda che presenta zuccheri aggiunti come ad esempio, ogni forma di dolce, cioccolata, bevande alcoliche, succhi di frutta, gelati, dolcificanti, ecc… e i cibi che presentano un elevata percentuale di grasso.

Ora concentriamoci su come sviluppare una dieta dimagrante a basso contenuto di calorie:

Dieta ipocalorica - COLAZIONE

Ognuna delle seguenti opzioni va considerata come alternativa

Bevanda calda a base di tè, te verde, caffè, caffè d’orzo o tisana, (amara o al massimo con 1 solo cucchiaino di zucchero di canna o di miele), con 2 fette biscottate meglio se integrali.

Una o 2 frutti freschi e di stagione, per circa 250 gr.

250 gr di yogurt magro ( senza zuccheri aggiunti ) con 2 fette biscottate meglio se integrali.

1 Bicchiere di premuta di arancia ( 150gr ) con 2 fette biscottate meglio se integrali

1 Tazza di 300 ml di latte scremato (amaro o al massimo con 1 solo cucchiaino di zucchero di canna o di miele), con 2 fette biscottate meglio se integrali.

Dieta ipocalorica - PRANZO

Ognuna delle seguenti opzioni va considerata come alternativa

legumi (50/70 grammi), carne o pesce (100 grammi), contorno (150 grammi di verdure meglio se crude), pane (50 grammi meglio se integrale).

pasta o riso (50 grammi), carne o pesce (70/80 grammi), contorno (150 grammi di verdure meglio se crude).

pesce o carne (120 grammi), contorno (150 grammi di verdure meglio se crude), pane (50 grammi meglio se integrale).

Dieta ipocalorica - CENA

pesce o carne (100 grammi), contorno (150 grammi di verdure meglio se crude), pane (50 grammi meglio se integrale)

Solo la domenica a scelta tra la pizza e un piatto con cibi grassi.

Dieta ipocalorica -  SPUNTINO IPOCALORICO ( metà mattinata e metà pomeriggio )

Ognuna delle seguenti opzioni va considerata come alternativa

Un frutto fresco di stagione

Una spremuta di arancia

200 mg di yogurt magro ( senza zuccheri aggiunti )

Un pacchetto di crackers integrali

Oltre a come distribuire i cibi nei pasti è importante anche selezionare i cibi da mangiare. Di seguito voglio riportare quali sono, soprattutto per i secondi piatti i cibi adatti e quelli meno adatti ad una dieta ipocalorica.

Dieta ipocalorica - CARNE

Adatte:

le carni magre quali vitellone, vitello, manzo, cavallo, coniglio, il fegato di vitello e le carni di pollo e tacchino purchè sgrassate e private della pelle.

Non adatte:

Frattaglie, lumache, carne in scatola e carni grasse ( maiale, agnello, ecc…)

Dieta ipocalorica - PESCE

Adatti:

I pesci magri quali merluzzo, sogliola, orata, spigola, cernia, dentice, sarago, trota, alici

Non adatti:

Tutti i pesci grassi come salmone, sgombro, aringhe, baccalà, seppie, calamari, polipi, sardine, tonno,  crostacei, frutti di mare

Dieta ipocalorica - DIETA IPOCALORICA SI O NO?

Come promesso, ora spiegherò cosa penso della dieta ipocalorica.

Innanzitutto si basa su un principio sbagliato, che se ingerisco meno calorie di quelle che consumo allora brucio i grassi. Un po’ si dimagrisce, ma l’effetto non dura per molto tempo. Questo accade perchè il corpo umano si adatta agli stimoli che gli diamo. Se lo nutriamo con 1200 calorie ( e il nostro fabbisogno è di 1500 ) cercherà di adattarsi e dopo un po’ di tempo si “setterà” sulle 1200 calorie. Questo produrrà un effetto disastroso, infatti quando poi si ritorna a mangiare abitualmente si tenderà ad ingrassare molto più facilmente.

Inoltre, la dieta ipocalorica non mi piace perchè non tiene in conto l’importanza dei grassi per il nostro metabolismo. Spesso dico che senza grassi non si può dimagrire. Ovviamente bisogna mangiare solo alcuni grassi come, quelli vegetali dell’olio extravegine di oliva, le noci, mandorle, gli omega 3 e 6 , il grasso dei pesci ( nella dieta ipocalorica i pesci grassi non sono proprio previsti), evitando ovviamente i grassi animali.

Infine sconsiglio la dieta ipocalorica perchè è una dieta a termine che non va bene come regime alimentare e spesso crea il pericoloso effetto fisarmonica ( dieta –> dimagrisco, smetto –> ingrasso,  dieta –> dimagrisco, ecc…). Purtroppo è una logica che piace molto ai nutrizionisti di basso livello, perchè costringono il paziente a tornare spesso da loro.


Articolo letto: 417 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook