La dieta disintossicante dei 3 giorni non è particolarmente restrittiva, anzi è piuttosto facile da seguire, ben calibrata e soprattutto varia, ricca di alimenti drenanti e detossinanti. È importante non scendere al di sotto di un apporto calorico di 1.200 kcal circa al giorno, in modo tale da evitare l’acidosi, e bere molta acqua.

Torino
13:00 del 19/11/2016
Scritto da Samuele

La dieta disintossicante dei 3 giorni non è particolarmente restrittiva, anzi è piuttosto facile da seguire, ben calibrata e soprattutto varia, ricca di alimenti drenanti e detossinanti. È importante non scendere al di sotto di un apporto calorico di 1.200 kcal circa al giorno, in modo tale da evitare l’acidosi, e bere molta acqua.

Cos'è la Dieta Depurativa?

Una dieta depurativa è un regime alimentare particolare, volto ad esaltare l'eliminazione delle sostanze tossiche presenti nel sangue tramite una scelta ponderata dei cibi. Dieta depurativa. Seguendo una corretta alimentazione è infatti possibile coadiuvare i naturali processi di detossificazione dell'organismo e ridurre la quota di tossine originatasi durante i vari metabolismi.

Una dieta depurativa dovrà quindi basarsi sul consumo di alimenti di facile digestione, poveri di grassi e soprattutto di proteine.

Purificare gli Organi Emuntori

Le scorie azotate derivanti dal metabolismo epatico dei protidi vengono eliminate attraverso l'emuntorio renale e sono proprio questi due organi a sobbarcarsi la maggior parte dell'attività detossificante.

Il fegato, in particolare, viene messo a dura prova dagli eccessi alimentari (pasti troppo abbondanti, abuso di alcool ecc.) ed il suo iperlavoro finisce col rallentare l'attività metabolica dell'intero organismo. Inoltre, se la quantità di tossine da metabolizzare è eccessiva, la sua capacità depurativa si satura e tali sostanze permangono in circolo.

Oltre a ridurre l'introito proteico e contenere gli apporti calorici, una dieta depurativa deve promuovere l'ottimale funzionalità epatica, fornendo al fegato tutti i substrati necessari a sostenere i vari processi di detossificazione. In generale, tali sostanze si trovano nei vegetali e negli alimenti integrali, ma anche in quelli animali come uova e pesce, che - anche se con una certa moderazione - devono comunque essere consumati regolarmente.

Vi sono poi dei vegetali dotati di una specifica attività "epatoprotettiva" anche se tale termine, ampiamente utilizzato in passato, risulta improprio. Carciofo, boldo e cardo mariano, promuovono, per esempio, la funzionalità epatica, favorendo la secrezione biliare e migliorando, di conseguenza, anche la salute dell'intestino.

Una dieta depurativa deve facilitare l'eliminazione delle tossine per via urinaria e fecale (la terza via, il sudore, può essere potenziata dall'attività fisica o dal soggiorno in ambienti caldi, come la sauna e il bagno turco).

A tale scopo risultano particolarmente utili i cibi diuretici da un lato e quelli ricchi di fibra/lassativi dall'altro; anche in questo caso entrambi gli effetti sono prerogativa degli alimenti di origine vegetale. E' inoltre importante mantenere elevato l'apporto di liquidi, che possono provenire dall'acqua oppure da succhi di frutta non zuccherati, centrifugati e tisane.

Cosa Mangiare?

In definitiva, quindi, ogni dieta depurativa che si rispetti risulta ricca di alimenti vegetali, povera di cibi animali e incentrata sulla restrizione calorica, senza comunque arrivare al digiuno assoluto o ad inutili privazioni.

Spesso, quando si tirano in ballo aggettivi come "depurante, depurativo e disintossicante" entra in gioco un indubbio condizionamento psicologico, secondo cui è necessario "pulire un corpo affaticato da ritmi di vita frenetici, inquinamento, cattiva alimentazione ed altri fattori stressogeni".

Sfruttando questa convinzione affascinante e particolarmente diffusa, vengono proposte soluzioni prive di qualsiasi evidenza scientifica, spesso eccessive o addirittura pericolose; vediamo così persone correre sotto il sole cocente indossando una tuta termica, altre adottare regimi alimentari quantomeno discutibili (dieta fruttista o crudista, digiuno programmato ecc.), altre ancora ricorrere a clisteri con il solo scopo di pulire il proprio intestino e via discorrendo.

Ovviamente non sono certo questi ulteriori ed importanti stress (disidratazione, squilibri elettrolitici, carenze alimentari ecc.) ad aiutare un organismo già provato dal presunto eccesso di tossine.


Articolo letto: 213 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook