Dieta antistress per guarire dal malumore. Una buona dieta antistress deve comprendere gli alimenti più importanti per le cellule cerebrali, per mantenere la linea senza sentire i morsi della fame e senza perdere il buonumore

Lucca
14:30 del 04/03/2015
Scritto da Gerardo

Una buona Dieta antistress deve comprendere gli alimenti più importanti per le cellule cerebrali, per mantenere la linea senza sentire i morsi della fame e senza perdere il buonumore. Per guarire dallo stress, è ovvio che si devono rimuovere le cause scatenanti: ma in pratica non è sempre facile o possibile. Per quanto riguarda una dieta specifica, non ci sono invece problemi, perché è fattibilissima e può essere sicuramente un grosso aiuto. Si parte dalla constatazione che lo stress nasce dal cervello, e che perciò le cellule di quest'ultimo devono essere ben nutrite perché siano a loro agio, in piena efficienza.

Mentre gli altri organi utilizzano anche proteine e grassi, il cervello utilizza solo i carboidrati e i corpi chetonici. I carboidrati, cioè gli zuccheri, devono essere del tipo a lento assorbimento quali sono, per esempio, quelli presenti in pasta, riso, orzo, legumi ecc. Secondo elemento indispensabile è il triptofano: è un aminoacido essenziale, contenuto in diversi alimenti tra cui i legumi e la carne nobile, che deve essere introdotto nell'organismo con l'alimentazione. Importantissimi sono i suoi metaboliti: la serotonina e la 5-idrossitriptamina, che sono mediatori chimici su cui lo stress agisce negativamente. Meglio, dunque, dare all'organismo alimenti contenenti notevoli quantità di triptofano.Nella dieta antistress non ha moltissima importanza l'apporto calorico, nel senso che ci si può limitare al bilancio in pareggio delle calorie (tante vengono spese, tante vengono introdotte) eppure si ha una riduzione del peso corporeo perché viene interrotto quel circolo vizioso stress-fame - introduzione di cibo. che è la vera causa dell'ingrassamento, per cui si ottengono dei dimagrimenti anche con diete che non sono particolarmente ipocaloriche.

Dieta anti-stress menù completo

Colazione

rosso d'uovo 25 g

zucchero 10 g

caffè

 

Pranzo

pasta e fagioli:

• fagioli secchi 40 g

• brodo magro

• pasta 30 g

• olio 5 g

• cipolla, una foglia di alloro, sale, pepe

tacchino al forno con salsa di nocciole:

• polpa di tacchino 100 g

• aromi a piacere

salsa:

• burro 5 g

• farina 5 g

• latte 40 g

• nocciole finemente tritate 15 g

insalata:

• lattuga 50 g

• olio 10 g

• aceto o limone

pane 50 g

banana 100 g

 

Cena

spinaci gratinati:

• spinaci 200 g

• burro 10 g

• parmigiano grattugiato 20 g

• un pizzico di pangrattato

formaggi misti:

• robiola 50 g

• emmenthal 5o g

pane 50 g

pere 100 g

CONSIGLI UTILI

Se l'ansia vi spinge a mangiare, potete frazionare nell'arco della giornata gli alimenti previsti dalla dieta: oltretutto, tenere lo stomaco impegnato in tante piccole digestioni fa bruciare più calorie.Oppure tenete a portata di mano gualche rompidigiuno acalorico (il solito cetriolo o altra verdura, oppure una compressa di crusca), oppure, rinunciando al piatto di pasta o rìso di mezzogiorno, tenete in frigo una porzione abbondante di riso in insalata condito con limone: una cucchiaiata ogni tanto "riempie il buco" senza danni. Oltre a quello che mangiate, badate a come mangiate: imparate a masticare molto lentamente, e bene, cercando nello stesso tempo di rilassarvi.I vantaggi? Una maggior sensazione di sazietà e una migliore digestione perché i cibi vengono "predigeriti" dalla saliva, un minor inghiottimento d'aria e quindi niente meteorismi, un dopo pranzo leggero e senza mal di testa...E ancora qualche consiglio che sarà di sostegno alla vostra dieta antistress: evitate di mangiare davanti alla televisione o al foglio del giornale o al collega che non vi è simpatico: il pranzo deve essere un momento di relax, di piacevole stacco. Poi lo farete seguire da "quattro passi" che, oltre a favorire la digestione, promuovono le funzioni intestinali: e chi è stressato, si sa, è molte volte stitico, con tutte le conseguenze che ne derivano.­­


Articolo letto: 569 volte
Categorie: Curiosità, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook