Il procuratore dopo l'interrogatorio dell'unico indagato per il delitto di Trifone e Teresa: "Gli indizi ci sono, ma niente esigenze cautelari. Esclusa la complicità di altre persone".

Pordenone
08:00 del 11/10/2015
Scritto da Luca

Il procuratore dopo l'interrogatorio dell'unico indagato per il delitto di Trifone e Teresa: "Gli indizi ci sono, ma niente esigenze cautelari. Esclusa la complicità di altre persone".

Giosué Ruotolo, unico indagato per il delitto di Trifone Ragone e Teresa Costanza, resterà in libertà, anche sino all’avviso di conclusione delle indagini. Questa è la linea della Procura di Pordenone. “Gli indizi ci sono, ma non vi sono esigenze cautelari”, ha spiegato a Il Piccolo il procuratore Marco Martani . “Non ravvisiamo il pericolo di fuga (a Ruotolo è stato intimato di non lasciare l’Italia, ndr), non vi è possibilità di inquinamento delle prove, l’indagato non cerca alibi. Anzi, ha dato una lecita spiegazione sulla sua presenza al parcheggio del palasport e al parco di San Valentino. Escludiamo, inoltre, la possibilità di reiterazione del reato”.

Martedì il ragazzo è stato interrogato per 8 ore dagli investigatori che indagano sul duplice omicidio di Pordenone. “L’indagato, contrariamente a quanto affermato nelle dichiarazioni rese come persona informata sui fatti, ha confermato di essere stato presente nella zona del palazzetto dello sport la sera del duplice omicidio”, ha specificato Martani. “Ruotolo ha detto di essersi recato all’impianto sportivo per andare in palestra – ha aggiunto il procuratore -, ma di non aver trovato parcheggio e quindi di aver preferito fare ritorno verso casa. L’indagato ha anche affermato di essersi fermato effettivamente per qualche minuto all’esterno del parco di San Valentino per fare della pratica sportiva, ma di avere poi desistito quasi subito”.

Giosuè Ruotolo cambiò palestra dopo l’omicidio di Teresa e Trifone, perché “fu mia mamma a insistere. Riteneva che quella del palasport – ha spiegato il giovane – fosse diventata troppo pericolosa. E così il ragazzo andò alla Hello Fit di via Nuova di Corva (ora New Fit).

I pubblici ministeri intanto hanno firmato ieri i provvedimenti che autorizzano il Ris a compiere accertamenti irripetibili di carattere ematico-biologico e componentistico sulle tracce biologiche trovate su auto e indumenti a Pordenone e a Somma Vesuviana.  La Procura esclude che il presunto killer abbia agito con la complicità di altre persone. “Rimandando a un movente individuale non si ipotizza la presenza di un complice”.


Articolo letto: 1230 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Delitto - Pordenone - Omicidio - Suicidio -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook