Iniziata dieci anni fa, con fredda determinazione, dai ministri Tremonti e Gelmini, la distruzione dell’università pubblica italiana ha proceduto alacremente con tutti i governi susseguitisi fino a Renzi e Gentiloni, ed è ormai largamente compiuta.

Genova
09:30 del 02/04/2017
Scritto da Gregorio

Iniziata dieci anni fa, con fredda determinazione, dai ministri Tremonti e Gelmini, la distruzione dell’università pubblica italiana ha proceduto alacremente con tutti i governi susseguitisi fino a Renzi e Gentiloni, ed è ormai largamente compiuta. Dopo aver ripetutamente scritto per cercare di fermare il disastro, insieme con tanti altri colleghi, penso sia necessario trarre alcune conclusioni.


Aspettiamo che un giorno l'Italia si svegli e cominci a sfruttare i finanziamenti privati alla ricerca, invece di aspettarsi sempre che il governo paghi per tutto, risolva tutto, faccia tutto. Non ho mai capito questo fascino perverso degli Italiani per il governo. Il governo non ha mai aiutato nessuno, non ha mai fatto niente, eppure gli Italiani continuano ad aspettarsi che faccia quello che non ha mai fatto. Come diceva Einstein, fare la stessa cosa ed aspettarsi un risultato diverso e' la definizione di pazzia.

L'università italiana si sta suicidando da sola senza bisogno che intervenga qualcuno. Ormai è una casta chiusa, dove il 99% dei posti di docenti/ricercatori è assegnato per meriti di sangue e non per libero concorso. Ben vengano i tagli!


Articolo letto: 301 volte
Categorie: , Denunce, Editoria, Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle università italiane?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Paolo

03/04/2017 18:26:37
Per questo motivo si dovrebbe abolire il numero chiuso e permettere tutti di intraprendere il proprio percorso liberamente senza escamotaggi .tanto si sa che attraverso il quiz i posti sono già decisi
8

Ricerche correlate

Scuola - università - scuola news - meritocrazia - didattica - Paese -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook