Come l’Istat falsifica i dati a favore del governo. Scopriamo insieme questo mondo di menzogne

Imperia
11:46 del 06/02/2015
Scritto da Gerardo

L'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) è un ente di ricerca pubblico italiano, le cui attività comprendono: censimenti sulla popolazione, censimenti sull'industria, sui servizi e sull'agricoltura, indagini campionarie sulle famiglie (consumi, forze di lavoro, aspetti della vita quotidiana, Salute, sicurezza, tempo libero, famiglia e soggetti sociali, uso del tempo ecc.) e numerose indagini economiche (contabilità nazionale, prezzi, commercio estero, istituzioni, imprese, occupazione, etc.). [Wikipedia] Da questa definizione possiamo capire che l’ISTAT è il solo istituto ammesso nel fornire dei dati (statali e privati). Per questo motivo, una stretta collaborazione con il governo è quanto mai necessaria.

Stretta collaborazione che non necessariamente deve sfociare in opportunismo o di conflitto di interessi. Il governo, infatti, da anni dichiara quali sono i propri obiettivi economici, politici e culturali. Obiettivi che volente o nolente il governo raggiungerà, ma non nella realtà. I dati dell’Istat sono falsi, la situazione è delle peggiori da almeno 10 anni, perché con il cambio lira euro tutti quelli che hanno fornito bene e servizi hanno falsificato i dati. Basterebbe comprendere che cosa sta accadendo nel mondo e capire, fino in fondo, che i record raggiunti dall'Italia non sono soltanto numeri tanto per fare delle classifiche: sono indicatori della buona salute di una nazione oppure del suo stato patologico (ci riferiamo al fatto che siamo al 70esimo posto come libertà di stampa e 28esimi in Europa -cioè ultimi- sia come evasione fiscale, sia come corruzione sia come diffusione di criminalità). Grecia, Spagna e Bulgaria stanno meglio di noi.

Una cosa, ormai, è diventata chiara a tutti, tranne che a Vladimir Putin e a Renzi: qualunque sia la configurazione del nuovo ordine mondiale che intendono costruire, non sarà più possibile farlo come nel 1945, con quattro, quaranta o quattrocento finanzieri massoni che stabiliscono i destini di centinaia di milioni di persone. C'è chi comincia a rendersene conto. C'è chi invece pensa che non sia cambiato niente e non si rende conto che il web, l'informazione alternativa on-line, e i social networks, non sono soltanto dei gadgets inventati per far sfogare le persone, ma possono trasformarsi in un qualunque momento in un micidiale boomerang per i detentori del potere.

Noi di Italiano sveglia forniamo un servizio gratuito per tutti i cittadini: denunciare l’apparato statale tramite uno strumento rivoluzionario, ovvero Rank Italia. Tramite suddetto sistema, infatti, i cittadini esprimono il loro parere e le proprie esperienze con la Pubblica Amministrazione in Maniera diretta, tramite un commento e un semplice voto da 1 a 10. Ora vi chiediamo: quale fonte di dati è più attendibile? Un istituto come l’Istat che fa i comodi dei governi oppure un mezzo di partecipazione diretta del cittadino come Rank Italia?

Cosa ne pensi dell’Istat? Ritieni i dati attendibili?

ESPRIMI IL TUO GIUDIZIO E VALUTA IN BASSO L’ATTENDIBILITA’ DELL’ISTAT DA 1 A 10


Articolo letto: 1456 volte
Categorie: Economia, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

07/02/2015 11:34:10
I dati dell'Istat sono tutti sballati. Si basano su sistemi di approvigionamento ormai obsoleti, considerando il fatto che l'Istat non utilizza Internet per la raccola dei dati ma ancora i vecchi moduli e contatti telefonici.
Fineo 2013 l'Istat aveva dichiarato che nel 2014 ci sarebbero stati segnali di ripresa economica e diminuzione della disoccupazione. Stime del tutto sballate.
Ora dicono che il 2015 sarà l'anno che l'Italia uscirà dalla recessione, ma i dati reali non sono confortanti. Allora mi chiedo?
Ma queste previsioni in base a quali criteri vengono elaborate. Questi si permettono di divulgare informazioni false e continuano a farlo???
1

Paolo

06/02/2015 12:13:40
Ho già lasciato dei miei giudizi sulla pubblica amministrazione nella sezione rank italia. Spero che qualcosa servi a qualcosa perchè raccogliere le testimonianze dei cittadini non è cosa da poco. L'Istat fa il suo mestiere ma noi cittadini dobbiamo avere l'opportunità di giudicare. Bella l'iniziativa di Italiano Sveglia comunque!
5

Maria

06/02/2015 12:12:27
C'è da dire che l'Istat raccoglie soltanto i dati per poi rielaborarli. Io non credo che il governo italiano condizioni anche questo. Se davvero lo fanno, dovrebbero solamente vergognarsi. Detto questo non c'è bisogno dell'Istat per sapere se in Italia muoiamo o no di fame.
7

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook