Crolla soffitto della scuola elementare: due bambini feriti. Gravissimo incidente poco fa in una scuola elementare di Ostuni in provincia di Brindisi dove il soffitto di un'aula è crollato durante le lezioni in classe colpendo alcuni alunni

Brindisi
07:50 del 14/04/2015
Scritto da Gerardo

Gravissimo incidente in una scuola elementare di Ostuni in provincia di Brindisi dove il soffitto di un'aula è crollato durante le lezioni in classe colpendo alcuni alunni. L'incidente è avvenuto nell'istituto scolastico Pessina dove uno strato di intonaco di circa 5 o 6 metri quadrati per uno spessore di circa tre centimetri è venuto giù dal soffitto dell'aula di una seconda classe, precipitando in testa ai piccoli mentre seguivano le lezioni. Dalle prime informazioni che giungono dal posto, sembra che alcuni calcinacci abbiano colpito alcuni alunni due dei quali sono rimasti feriti. I piccoli sono stati immediatamente trasportati al pronto soccorso del vicino ospedale ma fortunatamente sembra siano rimasti feriti in Maniera non grave. Tra i feriti ci sarebbe anche una maestra, anche lei trasportata in ospedale e medicata per ferite lievi.

L'istituto era stato riaperto a gennaio

Sul posto oltre ai vigili del fuoco sono arrivati i carabinieri, la polizia locale e i tecnici del Comune per verificare la causa del distacco e controllare la sicurezza dell'edificio che si trova nel centro della città. Alcune classi adiacenti a quella dove si è verificato l'incidente sono state trasferite in palestra e ai bambini è stato spiegato che ci sono delle prove di evacuazione in corso per non spaventarli. Nel resto dell'istituto invece le lezioni proseguono regolarmente. Anche il sindaco della cittadina pugliese, appresa la notizia del crollo, ha raggiunto i bambini in ospedale per accertarsi delle loro condizioni e poi si è recato presso la scuola per controllare la situazione. L'episodio appare molto inquietante visto che l'edificio era stato riaperto appena alcuni mesi, a gennaio, fa dopo lunghi lavori di adeguamento e risanamento della struttura costati oltre due milioni di euro.

Codacons: "In Italia scuole fatiscenti"

Anche per questo molti genitori ora protestano e vogliono spiegazioni. Appreso dell’incidente, molti di loro si sono precipitati a scuola chiedendo di riportare i figli a casa. "Queste cose non devono succedere. Ora basta, non possiamo temere per la vita dei nostri figli. I nostri bambini sono in pericolo. La scuola va chiusa e vanno effettuati controlli a tutti i solai. Non può succedere una cosa simile in una scuola appena ristrutturata" ha dichiarato all’Ansa il papà di un alunno. Sul caso è intervenuto anche il presidente del Codacons che ha commentato: "Sono anni che denunciamo il degrado delle scuole italiane, che come dimostrano i frequenti crolli di soffitti e intonaci, cadono letteralmente a pezzi, ma nessuno. Una situazione che rappresenta un potenziale pericolo per studenti, insegnanti e personale scolastico. Ci chiediamo che fine abbiano fatto il Piano generale di edilizia scolastica che obbligava il Ministero dell’Istruzione ad adottare precisi provvedimenti in materia, e il famoso piano sulle ‘scuole sicure' Annunciato dal premier Renzi che prevedeva 400 milioni di euro per 2400 interventi a partire dal 2015. Intanto gli istituti scolastici continuano a perdere pezzi, e speriamo non si debba arrivare - come sempre accade in Italia - ad una vera e propria tragedia per vedere finalmente ascoltate le nostre richieste in fatto di sicurezza".


Articolo letto: 947 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Brindisi - Puglia - Omicidio - Suicidio - Cronaca -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook