Mentre la società dell’immagine si concentra solo sulle ragazzine, anche le “donne over” si prendono la loro rivincita. Cinque figli, una casa da tirare avanti e la volontà di continuare ad essere femminile anche col passare degli anni: ecco la storia di

Genova
08:44 del 24/01/2014
Scritto da Albertone

L’elisir dell’eterna giovinezza esiste. La prova provata ha il nome di Cristina Cattoni e l’età di 53 anni compiuti. Uno dei pochi casi in cui il tempo passa solo sulla carta d’identità. Il suo identikit? “Estroversa, disponibile, generosa, vulcanica, fantasiosa, testona, determinata e… un po’ esibizionista”, dettaglio quest’ultimo non da poco e nel suo caso è una qualità essenziale per la sua attività artistica.
Cristina è mamma, moglie, donna di casa e Miss. Infatti a 52 anni, si è messa in gioco salendo in passerella e sfidando gli sguardi dei giurati ed esibendosi in una bella prova di abilità. Per il Concorso Internazionale Miss Over creato dal Patron Elio Pari 22 anni fa. Nessun imbarazzo, una scommessa personale tutta da vincere. Il premio è arrivato: una corona di strass in testa degna di una regina , il titolo di Miss Over 2012 e la vita che improvvisamente è… cambiata. Perché anche a questa età, il fascino può diventare il filo conduttore delle giornate.

Chi è Cristina Cattoni?

Sono sposata, ho 5 figli avuti in 12 anni e sono casalinga. Sono sempre stata sportiva, sin da piccola: nuoto, sci, pattinaggio, tennis, atletica, sci. Crescendo ho integrato con lo snowboard , le ferrate in montagna , snorkeling e bodyboard, ovviamente praticati a seconda della località. Vado in palestra circa due volte a settimana e pratico cangoo jump.

Una donna che coniuga l’essere madre con l’essere Miss…

Non riesco a rinunciare al cibo, specialmente ai dolci e per fortuna ho un buon metabolismo e con l'attività fisica riesco a tenere facilmente sotto controllo il peso. Ho la fortuna di essere stata sempre magra e con una buona muscolatura, infatti mi sono sempre ripresa velocemente da tutte e 5 le gravidanze. A parte mantenere il fisico ritengo che sia importante anche la forma mentale, allenare la memoria e quindi mantenere giovane anche il cervello. Studio recitazione da tre anni e ho scoperto che quando recito sul palco mi sento benissimo , l'emozione c'è ma è più forte la voglia di recitare e interagire con il pubblico. Amo vedere la gente che ci guarda, ci segue e ci applaude , lo trovo eccitante e mi appaga moltissimo.

Ma Cristina Cattoni è anche altro: donna da passerella, 50enne da sfilata…

Mi piace avere parti importanti e interpretare personaggi diversi da me. Oltre questo sono anche modella e poso x i fotografi che mi chiamano per lavoro. Trovo bellissimo stare davanti all'obbiettivo e cercare di trasmettere sensazioni anche con le foto grazie agli sguardi e alle pose. Ho iniziato x caso a 50 anni e ho lavorato con molti fotografi. Faccio sfilate quando capitano e ora spero di riuscire a sostenere una mia amica che vuole fare una rappresentazione teatrale a favore degli animali. Ho girato una parte in una serie di carabinieri in cui sono la compagna di uno di loro, sono stata sul set di Checco Zalone “Sole a catinelle” . Il 3 febbraio girerò un cortometraggio : thriller erotico in cui ho il ruolo della migliore amica della protagonista che è Simona Schenone, attrice e sceneggiatrice. Ho organizzato con lei una bellissima selezione del concorso Miss Over a Genova il 20 Dicembre 2013 con ospiti come Valerio Merola, Renato Raimo e Marco Gaggini al Nabù Restaurant & Launge Bar. Ora la sto organizzando a Firenze con Miss Baby Over 2013 Irene Tellina a “Villa Vecchia Imperiale”. 

Cosa significa essere femminili?

Io credo che la femminilità e la sensualità non s'imparano, la donna ce l'ha insite in se stessa . Non importa la bellezza, è qualcosa che si trasmette con lo sguardo, i movimenti del il corpo, la voce; la volgarità è la stessa cosa... però in negativo. Anche una donna bella se non ha classe, non sa muoversi, non sa vestirsi e non sa parlare può risultare volgare. In questo caso però credo si possa migliorare.

Come è iniziata la tua carriera di donna-Miss?

Nel settembre del 2012, dopo un anno d'insistenze da parte di un mio amico fotografo, decisi di partecipare al concorso Internazionale di Miss Over. Ho vinto il titolo e così ho cominciato ad essere molto più conosciuta . I lavori fotografici sono aumentati, sono andata in tv varie volte, mi hanno presa sul set del film di Checco Zalone "Sole a catinelle" e tutt'ora sto facendo molte cose e ne ho in programma altre come ho detto prima.

Cosa ti offre questa nuova vita?

Tutto questo mi aiuta a vivere a mille perché, oltre a pensare alla famiglia ed ai figli, do sfogo alla mia vena artistica e tutto contribuisce ad essere sempre giovani. Tutto ciò mi fa sentire bella , da ragazzina non avevo una gran considerazione di me, sia come aspetto che come intelligenza. Sono cresciuta in un ambiente che non mi ha aiutato ad avere autostima e quindi ho affrontato molte difficoltà e non è stato facile arrivare ad essere come sono oggi. Per fortuna ora sono una donna sicura e determinata .

Quando hai cominciato a vederti in quest’ottica?

Ho cominciato a vedermi con occhi diversi da quando persi mia mamma a 33 anni perché riuscii a tirar fuori la mia grinta e la mia personalità. Grazie a ciò, dopo le 5 gravidanze e dopo alcuni anni trascorsi dietro solo ai figli, ho iniziato a lavorare come modella scoprendo di avere delle qualità e lo studio della recitazione mi ha spronato ancora di più dimostrando innanzitutto a me stessa che ero in gamba . Così mi resi conto che ormai avevo acquisito un'ottima autostima tanto da farmi partecipare al concorso di bellezza più importante x le Over.

Che risultati hai avuto?

Anche li ho avuto grandi soddisfazioni per i complimenti ricevuti, non solo per l'aspetto che ritengo importante ma non sufficiente, soprattutto per l'eleganza, la simpatia e la disinvoltura dimostrate. La mia avventura non è terminata , anzi ho ancora progetti , penso sempre positivo e sono sicura che il bello debba ancora venire. La vita è una continua scoperta e non bisogna mai pensare: Ormai sono troppo grande….perchè si può fare molto a qualunque età, basta volerlo. Per me l’età è un numero che non ha significato, per me conta la Salute e se c’è quella si fa tutto .

Cosa pensano di te i tuoi figli… e magari la gente comune?

I miei figli sanno di avere una mamma originale e ne sono fieri perché ho la testa giovane e sanno che con me possono parlare di tutto. Non amo giudicare e criticare nessuno per cui sono così anche con loro, ovviamente bisogna dar loro insegnamenti giusti. Io quello che ho trasmesso loro è: aiutare chi ha bisogno, non tradire le amicizie, mai prendere in giro, non invidiare ma apprezzare ciò che si ha, rispettare la natura e gli animali. Per quanto riguarda i difetti ….ognuno si guardi i propri…


Articolo letto: 6371 volte
Categorie: Curiosità, Gossip, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook