COSA VEDERE MILANO - La città di Milano non ha di certo i tantissimi monumenti e musei che si possono trovare in altre città come Firenze, Roma o Venezia.

Milano
18:00 del 16/03/2017
Scritto da Luca

COSA VEDERE MILANO - La città di Milano non ha di certo i tantissimi monumenti e musei che si possono trovare in altre città come Firenze, Roma o Venezia.
Visitare Milano è l’occasione per tuffarsi tra le vie dell’alta moda, godere della bella gente che si incontra nei locali presenti sui navigli e visitare per lo più i musei che propongono sempre mostre di pittori noti nel panorama internazionale

COSA VEDERE MILANO - Si parte! ..Per poter sfruttare al meglio le giornate e visitare più luoghi ti consigliamo di seguire il seguente itinerario.

COSA VEDERE MILANO - Al centro della città sorge il più conosciuto monumento di Milano: il Duomo. Maestoso esempio di architettura gotica fu iniziato nel 1368 e sulla sua guglia più alta è posta la famosa "Madonnina", che dall'alto veglia sulla città. L'ampio spazio interno è diviso in cinque navate da colossali pilastri che slanciano la struttura. La luce filtra all'interno attraverso le pregevoli vetrate a colori.

Sempre in Piazza del Duomo, alla destra della cattedrale, è posto il Palazzo Reale. Sede del potere su Milano, fu residenza di governatori spagnoli e austriaci. Bombardato durante la Seconda Guerra mondiale fu successivamente restaurato. Dal dopoguerra in poi è sede di importanti mostre artistiche


Punto di ritrovo dei milanesi, la galleria collega Piazza Duomo a Piazza della Scala.  Esempio tipico dell'architettura del ferro, fu costruita da G. Mengoni nella seconda metàdell'Ottocento.  Vi si affacciano caffè, ristoranti e negozi.  Cercate sul pavimento il mosaico dello stemma di Torino: tradizione vuole che ruotare su di sé per tre volte tenendo il tallone sui genitali del toro sia di buon auspicio

Il più famoso teatro lirico al mondo, nasce sull'area dell'antica chiesa di S. Maria della Scala. All'interno c'è posto per circa tremila spettatori, che possono apprezzare opere e balletti dalla platea, dai quattro ordini di palchi e dalle due gallerie. Affianco al teatro vi è il Casino Ricordi, ora sede del Museo Teatrale

Situata nell'omonimo palazzo, la Pinacoteca ospita capolavori di grandissimi artisti, sia del passato che moderni. Ecco solo alcuni nomi che potrete apprezzare: Mantegna, Bellini, Raffaelo, Caravaggio, Hayez, Piero della Francesca, Tintoretto, Boccioni, Modigliani, Canova.


Eretto da Francesco Sforza in pieno rinascimento, la fortezza fu utilizzata come residenza dagli Sforza. Il maestoso castello è uno dei più grandi d'Europa e ora è adibito a sede museale. Ospita infatti anche una pinacoteca e un'interessante raccolta egizia. Per rilassarsi visitare il parco all'inglese che si estende dietro al castello

Santa Maria delle GrazieInizialmente di architettura gotica, alla Basilica venne aggiunto l'abside in pieno stile Rinascimentale dal Bramante: una cupola bianca sorretta da quatto arcate grandiose. L'interno è caratterizzato da tre navate divise da ampie arcate e da qui è possibile accedere al chiostrino, sempre opera del Bramante

Nel convento adiacente S. Maria delle Grazie si trova l'affresco più famoso di Leonardo da Vinci: l'Ultima Cena. L'opera, tutelata dall'Unesco, rappresenta il momento in cui Cristo annuncia che uno degli Apostoli lo tradirà. A causa dello stato di deterioramento dell'affresco è possibile accedere solo 25 persone alla volta


Articolo letto: 68 volte
Categorie: , Luoghi da visitare


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook