COSA VEDERE A VERSAILLES - Siete finalmente in vacanza. Ora non vi resta altro che trovare una località carina dove trascorrere un po' di tempo con la vostra famiglia, un gruppo di amici oppure da soli, in completa solitudine con voi stessi.

Bari
17:00 del 26/04/2017
Scritto da Luca

COSA VEDERE A VERSAILLES - Siete finalmente in vacanza. Ora non vi resta altro che trovare una località carina dove trascorrere un po' di tempo con la vostra famiglia, un gruppo di amici oppure da soli, in completa solitudine con voi stessi. Avete scelto di andare a Parigi, ottima scelta devo dire. Nell'immaginario comune si pensa che chi vada a Parigi lo faccia solo per visitare il Louvre, per ammirare la maestosa torre Eiffel o le innumerevoli opere sparse per questa città fantastica. COSA VEDERE A VERSAILLES - Ma, un po' fuori da Parigi è possibile visitare una residenza che ha fatto la storia della Francia, la reggia di Versailles. È uno di quei luoghi che per la sua importanza, per la sua grandezza ma soprattutto per la sua bellezza va vista almeno una volta nella vita. Negli ultimi anni il castello di Versailles è stato sottoposto a una continua e incisiva opera di restauro, allo scopo di ripristinare parte dello splendore dell'epoca di Luigi XIV, il Re Sole. In questa guida, come avrete sicuramente dal titolo, vi spiegherò, passo dopo passo, come visitare il castello di Versailles A Parigi. Buona lettura.

COSA VEDERE A VERSAILLES - Vi troverete finalmente di fronte alla reggia, decisamente bella da mozzare il fiato. Quanti film, quante illustrazioni viste sui libri vi verranno subito in mente... Vi sembrerà un luogo familiare. Chissà, magari in un'altra vita qui eravate un abitué.


C'è però qualcosa di molto meno bello, anzi davvero sgradevole. Non importa quanto possiate essere arrivati presto: dovete sapere che migliaia di persone non vedono l'ora di aggirarsi nei giardini della reggia, pregustando già di tornare indietro nel tempo con la fantasia, al cospetto del Re Sole o di Maria Antonietta. Proprio come voi! Troverete infatti decine di pullman vuoti, e questo non è ancora nulla rispetto alle preoccupanti orde di turisti che stazionano fuori, nello spiazzo enorme davanti ai cancelli, aspettando pazientemente il loro turno

La brutta notizia è proprio quella delle code. Qui sono addirittura due: come se già non bastasse quella noiosissima per la biglietteria, ce n'è una ulteriore, ancor più lunga, relativa ai controlli di sicurezza. La buona notizia è che se siete motorizzati il parcheggio in auto invece non rappresenta grandi problemi, come ho potuto osservare attraversando la tranquilla e linda cittadina per recarmi di nuovo alla stazione, affrontando soddisfatta il viaggio di ritorno nel tardo pomeriggio. 
In estate l'apertura dei giardini dura fino alle 20.30. Mi raccomando però: non mettetevi in viaggio di lunedì, nel giorno di Natale, il primo dell'anno o il primo maggio, insomma durante alcune tra le festività più sacre (non intendo solo in ambito religioso, come potete vedere): trovereste chiuso l'accesso ai giardini dei vostri sogni.


Vi do alcune anticipazioni su ciò che vedrete, e che non dovete assolutamente perdervi. Qui la mitologia si intreccia con le favole.  Intanto dovete sapere che i più importanti scultori di quel periodo lavorano alle sculture del giardino (circa 300) Bernini incluso.  Charles Perrault invece ebbe la brillante idea di 32 fontane corrispondenti alle favole di Esopo.  André le Notre delineò un percorso nella natura, diviso in due assi principali.  La partenza è proprio di fronte al Salone degli Specchi.  Qui ammirerete la fontana di Apollo alla guida del carro solare, un'evidente allegoria di Luigi XIV.  Poi proseguite in tutta tranquillità costeggiando le rinfrescanti e smisurate vasche del Grand Canal.  Rimirate i giochi d'acqua delle fontane in tutta la loro originalità, assorbendone la bellezza tramite i vostri occhi.  E non dimenticatevi del boschetto di conchiglie e del giardino di pietra.

Ma passiamo alla parte pratica: dove si comprano i biglietti? Nelle biglietterie in loco oppure online, direttamente sul sito ufficiale della reggia, disponibile in più lingue. Con questa soluzione per lo meno salterete la coda della biglietteria. Per esempio, grazie al biglietto Passport potrete vedere un sacco di cose oltre ai giardini, ossia la reggia, il parco, il Trianon, le mostre e chi più ne ha più ne metta! Il Paris Museum Pass, ossia il Pass per i musei parigini, include naturalmente anche Versailles, ma non vi evita la coda dei controlli né vi permette l'accesso quando si verificano concerti o eventi.

Per chi odia le code con tutto il cuore, c'è una soluzione, ovviamente pagando di più. Esistono svariate agenzie (un esempio sono i pacchetti di Getyourguide) che offrono un tour guidato, con tanto di guida italiana o di audio-guida, ed il bello è che è incluso il servizio di schivare entrambe le code. Allora, buon divertimento nel lusso e nell'eleganza, prerogative dei reali di Francia


Articolo letto: 310 volte
Categorie: , Luoghi da visitare


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook