Cosa vedere a Crotone? Crotone è una delle province calabresi di più recente istituzione, è una città moderna che tuttavia non dimentica, anzi tende a valorizzare il suo glorioso passato indissolubilmente legato alla Magna Grecia, come dimostrano i reperti custoditi nel museo archeologico, inoltre per rendere omaggio a uno dei più illustri crotonesi l’aeroporto è intitolato “Pitagora”.

Milano
15:00 del 17/12/2016
Scritto da Samuele

Cosa vedere a Crotone? Crotone è una delle province calabresi di più recente istituzione, è una città moderna che tuttavia non dimentica, anzi tende a valorizzare il suo glorioso passato indissolubilmente legato alla Magna Grecia, come dimostrano i reperti custoditi nel museo archeologico, inoltre per rendere omaggio a uno dei più illustri crotonesi l’aeroporto è intitolato “Pitagora”.

Cosa vedere a Crotone? L’intero territorio che si affaccia sul mar Ionio, è ricca di numerosi località a grande vocazione turistica capaci di far fronte ad ogni esigenza dei vacanzieri grazie alle moderne strutture ricettive capaci di trasformare una settimana di ferie in un sogno indimenticabile.

Cosa vedere a Crotone? Località quali isola Capo Rizzuto, Cirò Marina, Le Castella e Capo Colonna, offrono un delizioso connubio tra passato e presente, risulta impossibile infatti non pensare che quei stessi luoghi furono teatro di vicende storiche, e gli attori furono quegli uomini che hanno creato la Magna Grecia.

In un’atmosfera in cui si può avvertire la vertigine di un tuffo in un passato mitologico, si può osservare a Capo Colonna, quella colonna, testimone solitaria del tempio che si ergeva vicino al mare, come a ricordare al turista la sacralità di quel luogo, quando vivo era il culto di Hera Lacinia, mitica moglie di Zeus. Cirò Marina, oltre a essere conosciuta per il suo pregiato vino D.O.C., rivela i resti di un tempio dedicato ad Apollo, il dio del Sole, quel bene prezioso, fonte di energie e vitalità, che fa maturare i frutti ed accende di colori una regione dove il sole non manca mai, neanche in inverno. 


Le Castella prende il nome dalla bellissima costruzione che si protende nel mare, risalente al periodo aragonese. Questa zona meravigliosa dal punto di vista turistico in passato fu scenario di battaglie contro le invasioni dei corsari turchi. Un mare così bello impreziosito da un così alto valore storico costituisce per il turista l’occasione giusta per arricchire il proprio bagaglio culturale.

Nell’entroterra crotonese non sono rari i paesini abbarbicati sulle alture che ancora conservano intatti i borghi medioevali, particolarmente degno di visita il castello di Roberto il Guiscardo a Santa Severina, quello di Strongoli, di Caccuri e i due castelli di Cirò.

La gastronomia locale offre il meglio nei prodotti caseari dell’entroterra, come il rinomato pecorino crotonese.

Se vogliamo organizzare una bellissima gita fuori porta, potremo scegliere fra le moltissime mete presenti sul territorio italiano. In Italia infatti, esistono posti adatti a tutti i gusti, sia se siamo degli amanti dell'arte potremo trovare numerosi musei e monumenti, o se ci piacciono i paesaggi potremo visitare i moltissimi posti di montagna e di mare, o ancora se vogliamo rilassarci potremo recarci presso degli appositi centri termali, insomma avremo solo l'imbarazzo della scelta. Quindi tutto quello che dovremo fare, sarà scegliere la destinazione più adatta alle nostre esigenze, cercando tutte le informazioni necessarie nella moltissime guide presenti sul web.


Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a trascorrere una bellissima giornata a Crotone

Trascorrere una giornata a Crotone, vuol dire ammirare le bellezze naturali e storiche che questa ridente cittadina ionica offre. L'itinerario comincia dal Museo Archeologico Statale dove viene custodito materiale preistorico e protostorico, ceramiche italiote, greche e romane, una collezione di monete di varie epoche, terrecotte votive, reperti del santuario di Hera Lacinia, corredi funerari e altri oggetti provenienti dagli scavi di una vicina necropoli e resti recuperati da navi naufragate in antichità, a punta Scifo.

Il Castello di Carlo V è un'altra attrattiva da non perdere. È una fortezza dalla pianta poligonale con torrioni cilindrici angolari e bastioni ed occupa il luogo dell'antica acropoli. Il Duomo conserva in una ricca cappella ottocentesca a fianco dell'altare maggiore, una tavola bizantina con l'immagine molto venerata della Madonna di Capocolonna, oltreché un tesoro di argenterie barocche. La facciata è in stile neoclassico.

Per gli amanti del folklore, sia culturale che religioso, nel corso dell'anno è possibile assistere a numerose manifestazioni.  Nel periodo compreso tra la seconda e la terza domenica di Maggio si svolge la festa in onore della Madonna di Capocolonna.  I devoti portano la Vergine in pellegrinaggio dal Duomo all'omonimo Santuario, in una fiaccolata notturna.  Durante i festeggiamenti, si può assistere alla sagra del pesce, in occasione della quale si degustano i piatti tipici crotonesi.  Ogni prima domenica del mese, si rinnova l'appuntamento con la Fiera dell'antiquariato e a Settembre c'è la Festa della Cucina Calabrese, di degustazione delle pietanze povere ma dal gusto robusto, spesso insaporite da peperoncino piccante, finocchio aromatico e cipolline selvatiche.


Articolo letto: 67 volte
Categorie: , Cultura, Luoghi da visitare, Viaggi


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook